Jump to content
IGNORED

CLEMENTE XI argento pareri


Recommended Posts

palpi62

Buongiorno, vi posto questa medaglia in argento di CLEMENTE XI che mi piacerebbe comperare, ma visto che non ne ho trovate di simili sul catalogo lamoneta chiedo a voi esperti un parere sull'autenticità.

Grazie

post-12140-0-28729300-1396786601_thumb.j

post-12140-0-24968700-1396786621_thumb.j

Link to post
Share on other sites

Dal rovescio è identificabile come medaglia premio per l'Accademia di S.Luca, ma a mio parere si tratta di una fusione postuma, persi i particolari minuti e qualche porosità vedi ad esempio sui rilievi del rovescio, campi apparentemente lavorati.

Attendiamo qualche parere dei collezionisti più esperti in tema medaglistico ;) .

Ciao, RCAMIL.

Link to post
Share on other sites

numa numa

si personalmente trovo la qualità della fusione molto bassa (alta porosità dei fondi ed eccessiva pastosità dei rilievi), l'originale, maxime per le splendide produzioni (sia medaglistiche che monetali) di questo papa sono davvero un'altra cosa.

Link to post
Share on other sites

renzo1940

Questa medaglia della Accademia di San Luca si trova sia nel modulo di circa 43 mm, sia (e questa ultima è la medaglia ufficiale consegnata ai vincitori) con cerchiatura nella quale vi sono iscrizioni e anno di premiazione. Medaglia e cerchiatura sono talvolta nello stesso metallo, talvolta in metalli diversi (bronzo/argento).

Nella medaglia proposta nella discussione il contorno ufficiale è sostituito da una bella cornice ornamentale con appiccagnolo portativo, che ho rivisto in medaglie di fine 1700/inizio 1800.

E' valutazione difficile stabilire con la sola foto se la medaglia fotografata sia coniata o fusa. I fondi sono stati lavorati; non sarei sicuro se la porosità sia residuo di una usura attenuata con il cesello o indice di fusione.

A favore della fusione troverei una indicazione nella firma molto impastata: ma occorrerebbe vedere il diametro per una valutazione oggettiva più certa.

E, di contro, se è una fusione, dobbiamo pensare che cerchiatura e medaglia siano un unicum, mentre la foto mi induce a ritenere che la medaglia sia stata successivamente cerchiata con la bella cornice ornamentale e appiccagnolo per renderla portativa.

Link to post
Share on other sites

fabio22

Penso che l'esemplare in oggetto sia una fusione coeva o di poco successiva.

Ai fini dello studio si poteva anche farci un pensiero!

Link to post
Share on other sites

renzo1940

Penso che l'esemplare in oggetto sia una fusione coeva o di poco successiva.

Ai fini dello studio si poteva anche farci un pensiero!

E' probabile che tu, numa numa e gli altri abbiate ragione e che si tratti di una fusione. So bene che molti collezionisti hanno, per l'esperienza maturata, un istinto sostanzialmente infallibile, un occhio allenato ed ho grande stima della vostra valutazione.

Io non sono convinto; vorrei controllare il diametro della medaglia (ovviamente senza cornice) per trarre conclusioni.

Aggiungo comunque qualche altra considerazione (per quanto possa valere a livello di probabilità).

Si vedono tante medaglie papali fuse, ma sono rarissime quelle in argento (l'argento costava per fare delle copie!). In questo caso si tratterebbe di fusione sostanzialmente coeva per una medaglia incompleta (senza la cerchiatura dedicatoria): si vedono spesso fusioni della medaglia con cerchiatura, perchè molto rara, ma nelle fusioni la cerchiatura e la medaglia formano un unicum non distaccabile come nelle originali.

La medaglia che esaminiamo è a mio parere una costruzione privata, non ufficiale. Sulla medaglia è stata applicata una cornice ornamentale con appiccagnolo portativo (la medaglia originale di premiazione è di grande modulo e non portativa). Io penso che la medaglia sia stata riparata nei campi e che sia stata applicata la cornice (la migliore conservazione della cornice è indice della sua applicazione posteriore e ho in collezione una medaglia di Pio VII in argento con cornice molto simile).

Ritengo che chi ha comperato ritenga la medaglia originale, ancorchè in conservazione modesta. Se così fosse, il prezzo è giusto. Considero che il collezionismo attuale valorizza medaglie con addizioni a fine di ornamento/gioiello (si vedono spesso prezzi molto alti per belle dorature e per appiccagnoli costruiti con grande sapienza artigianale).

Se la medaglia è una fusione, si tratta di una patacca, ancorchè antica, e la quotazione è ingiustificata.

Fabio parla di oggetto di studio; conoscendo Fabio, so quanto gli piacciano queste varianti, coordinate con il vissuto della medaglia, che ne fanno un unicum.

Link to post
Share on other sites

numa numa

la medaglia con cornice (originale, non quella dell'esemplare in discussione) ha diametri compresi tra 56 e 62mm

La medaglia senza corona esterna ha un diametro di 44-45mm

L'incisone originale (coniata) ad opera di Giovanni Hamerani è molto fresca e nitida.

In tutte le innumerevoli versioni di questa medaglia premio emesse da Clemente XI non si nota mai una cornice esterna come quella dell'esemplare in questione che appare senza ombra di dibbio posteriore e non ufficiale , come posteriore e fusa, per la pastosità dei rilievi e la mancanza di definizione, tenderei a identificare l'esemplare della discussione. In tal caso, studio o non studio, a mio modesto avviso il prezzo pagato risulta decisamente eccessivo. Poi il prezzo viene fatto come si sa dalla domanda e dall'interesse di chi compra.

Link to post
Share on other sites

fabio22

@@renzo1940 I campi mi paiono poco omogenei, per questo motivo ritengo sia una fusione (in poco plausibile alternativa si può pensare a dei troppo ampi ritocchi su entrambe i campi).

Proprio per questo motivo era interessante acquistare l'esemplare per lo studio ...certo non si poteva andare oltre.

Ma se oggi qualcuno di noi possedesse la medaglia potremmo valutarne il modulo, la cornice esterna, i campi, ecc.

Edited by fabio22
Link to post
Share on other sites

renzo1940

@@renzo1940 I campi mi paiono poco omogenei, per questo motivo ritengo sia una fusione (in poco plausibile alternativa si può pensare a dei troppo ampi ritocchi su entrambe i campi).

Proprio per questo motivo era interessante acquistare l'esemplare per lo studio ...certo non si poteva andare oltre.

Ma se oggi qualcuno di noi possedesse la medaglia potremmo valutarne il modulo, la cornice esterna, i campi, ecc.

O.K Fabio. Ma, se ci pensi bene, l'interesse di studio sarebbe limitato, poichè siamo dinanzi ad una costruzione/riparazione privata e non ad una medaglia ufficiale ripetuta.

Link to post
Share on other sites

numa numa

O.K Fabio. Ma, se ci pensi bene, l'interesse di studio sarebbe limitato, poichè siamo dinanzi ad una costruzione/riparazione privata e non ad una medaglia ufficiale ripetuta.

sarebbe un po' come studiare su un Bignami ... meglio un originale, pur sfaciato, ma originale :)

Link to post
Share on other sites

fabio22

@@renzo1940 @@numa numa

Ma se non si ha certezza l'unico modo è possederla (a caro prezzo), ma per togliere qualsiasi dubbio è l'unico modo.

Chi mi dice che non è corretta l'ipotesi di una medaglia con fondi pesantemente ritoccati e cornice esterna artigianale?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.