Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
numa numa

valore di uno scudo nella prima metà del 1800

Risposte migliori

numa numa

Salve a tutti

per una ricerca avrei bisogno di conoscere che valore aveva, in termini di potere d'acquisto, di uno scudo papale nella prima meta' del 1800.

Credo la migliore cosa sia avere degli esempi, se qualcuno li ha, dei prezzi di alcuni beni a quell'epoca. Ad esempio il costo di un pranzo, oppure un vestito, o ancora il costo/affitto di una casa, etc. in modo da avere un'idea di quanto potesse valere uno scudo o dieci scudi all'epoca.

Se esiste già una discussione su questi temi , grazie per segnalarmela, altrimenti ringrazio sin d'ora chi potrà darmi delle indicazioni in merito :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ianva

Interessa anche a me, mi accodo alla richiesta!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

vedo che il quesito non ha ricevuto molte risposte,

o i nostri amici, papalini, non sono interessati all'argomento oppure ne ignorano le corrsipondenze monetarie

Per fortuna ho trovato alcuni dati e quindi mi rispondero' da solo sperando di fare cosa gradita anche a Janua.

Un pranzo frugale all'inizio del 1800 veniva a costare 5 bajocchi

un materasso/pagliericcio : 8 paoli

sette scudi costa l'affitto di un appartamento di sette stanze

24 scudi è lo stipendio mensile di un professore all'Accademia di San Luca (belle arti e grafica)

Nel 1868 lo Stato Pontificio adotta il sistema monetario del neonato Stato Italiano

cone le seguenti corrispondenze :

1 scudo = 5 lire

1 bajocco = 10 centesimi

1 lira = 20 bajocchi

1 paolo = 10 Bajocchi = 1/2 lira

i dati sono tratti dai documenti originali riportati nell'opera

Luigi Rossini incisore Vedute di Roma 1817-1850

esposizione di Palazzo Braschi - Roma 1982

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ianva

Si interessa! Grazie!! Una cosa: quale era il rapporto tra scudi- bajocchi-paoli ecc. prima del '68?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus

Si interessa! Grazie!! Una cosa: quale era il rapporto tra scudi- bajocchi-paoli ecc. prima del '68?

@@Ianva: 1 scudo = 10 paoli = 100 bajocchi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ramossen

dunque lo scudo pontificio era cambiato a 5,375 lire italiane

1 scudo = 100 baiocchi

1 baiocco = 5 quattrini

ergo 1 quattrino= 1,075 centesimi italiani

1 soldo = 5 centesimi

Leggo dall'articolo "un enigmatico 4 soldi dell'ultimo Papa Re" di Davide Fabrizi, Alessandro Giarante e Vincenzo Palleschi pubblicato su Panorama Numismatico n.284 maggio 2013

la seguente tabella di prezzi nello stato pontificio tratto a sua volta dall'opera "Consumi, tenori di vita e prezzi a Roma dal 1770 al 1900" di Giuliano Friz

Carne di bue e vacca 9 soldi - Carne di vitella 13 soldi- carne di bufalo e bufala- - - - - - - - -ricotta fresca 4 soldi e 3/100 - pecorino stagionato 12 soldi e 2,5/100

I prezzi sono espressi in libbre (0,3391 Kg)

Fatevi due conti e buon divertimento :P

Modificato da Ramossen

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ramossen

Calcolatrici dalle pile scariche?

Va bè i conti li faccio io, allora prendiamo ad esempio la carne di vitella

13 soldi /1,075 = baiocchi 12,09

1 scudo= 100 baiocchi quindi 100/12,09= 8,27 libbre di vitella acquistabili con uno scudo da cui 8,27*0,3391 = ,circa 2,8 Kg / scudo

Oggi a Roma la carne di vitella costa tra gli 11 e 25 euro/kg (dipende dai tagli) quindi volendo fare i conti della serva 1 scudo = 18 (media fatta alla buona dei vari tagli)*2,8 = circa 50 euro

valore non molto lontano da quello che doveva essere il potere d'acquisto di uno scudo pontificio dell'epoca

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

attila650

la carne era un bene prezioso solo per pochi penso che il valore dello scudo fiosse sensibilmente più alto.

Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Grazie Ramossen

credo anch'io comunque che il valore di uno scudo, in termini di potere d'acquisto doveva essere superiore a quello che sono 50 euro oggi.

Anche ricostruendo molto bene le corrispondenze monetarie resta comunque un fattore di differenza tra la differente valorizzazione dei beni per cui un kilo di carne oggi , in termini di potere d'acquisto per acquistarlo, probabilmente non è l'equivalente di 150 anni fa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ramossen

Da quanto si può dedurre dai documenti nonché dai romanzi d'epoca sia francesi che italiani si deduce che il potere di acquisto un 5 lire o di un 5 franchi doveva essere nel primo quarto del XIX secolo MEDIAMENTE non lontano dai 60 euro attuali. Ora, come abbiamo visto, il cambio dello scudo pontificio era leggermente superiore, possiamo ipotizzare MEDIAMENTE intorno ai 65 euro, oltre sinceramente non andrei.poi è sempre difficile confrontare due economie lontane nel tempo ed il farlo deve comportare l'accettazione di valori di massima

Sent from my GT-I8260 using Lamoneta.it Forum mobile app

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×