Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
andrearosi

Perugia, rarissimo Sestino 1503?

29 risposte in questa discussione

Inviato (modificato)

Salve a tutti,

volevo la vostra opinione sulla moneta di cui allego foto, tratta dal sito della casa d'aste: per quanto io collezioni le monete medioevali di Perugia, si tratta di una rarissima tipologia che non possiedo, che il Finetti "Le monete della Zecca di Perugia", classifica come Sestino del 1503 (di cui elenca 20 varianti), in particolare sembrerebbe essere la variante classificata al n. 121, con Erdulanus anziché Erculanus,

una moneta simile era passata in altra asta nel 2008, come risulta da Mcsearch, e di cui allego foto, ma...... saranno autentiche? Quel bordo dentellato.....

post-30725-0-51905800-1401212359_thumb.j

post-30725-0-42745400-1401212471_thumb.j

Modificato da andrearosi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Sposto la discussione nella sezione di pertinenza : Monete medievali di zecche italiane-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma, che dire, non sono esperto relativamente a questa zecca, ma oltre al bordo mi sembra che i caratteri epigrafici siano abbastanza strani.

Attendi altri pareri, ma i dubbi che hai tu li ho anch'io.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Due monete dello stesso conio (di incudine e di martello) presenti nella stessa asta ..... Ciò deve in ogni caso far riflettere.

Non conosco questa zecca e mi astengo da commenti ( anche se condivido il dubbio di chi mi ha preceduto sulle lettere).

Intervengo solo per la curiosità di sapere perchè in questa moneta si dovrebbe leggere ERDVLANVS e non ERCVLANVS; si tratta comunque di una C, anche se chiusa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leggendo meglio vedo che non sono presenti nella stessa asta.

Sono comunque uscite dallo stesso conio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Anche io nutro qualche...dubbio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I caratteri della legenda mi lasciano perplesso, troppo "perfetti" per una moneta del 1500.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

invece quanto ai caratteri non avevo molti dubbi, leggendo il Finetti ed esaminandone le foto i caratteri sono proprio quelli, molto differenti da quelli delle monete perugine medievali dei tre secoli precedenti, ma daltronde siamo entrati nel '500.

le due monete sono entrambe passate in aste estere, la prima nel 2008 tedesca, la seconda pochi giorni fà in Olanda, con prezzi bassi, qualche decina di euro

Modificato da andrearosi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Due monete dello stesso conio (di incudine e di martello) presenti nella stessa asta ..... Ciò deve in ogni caso far riflettere.

Non conosco questa zecca e mi astengo da commenti ( anche se condivido il dubbio di chi mi ha preceduto sulle lettere).

Intervengo solo per la curiosità di sapere perchè in questa moneta si dovrebbe leggere ERDVLANVS e non ERCVLANVS; si tratta comunque di una C, anche se chiusa.

non direi dello stesso conio fisico, si notano varie differenze

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

invece quanto ai caratteri non avevo molti dubbi, leggendo il Finetti ed esaminandone le foto i caratteri sono proprio quelli, molto differenti da quelli delle monete perugine medievali dei tre secoli precedenti, ma daltronde siamo entrati nel '500.

le due monete sono entrambe passate in aste estere, la prima nel 2008 tedesca, la seconda pochi giorni fà in Olanda, con prezzi bassi, qualche decina di euro

Forse erano copie ?

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è quello che mi domando..e che domando

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io leggo erculanus, a me sembra una moneta battuta al torchio e non a martello come credo dovrebbe essere nel 1503.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la c è completamente chiusa, è una perfetta D al contrario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la c è completamente chiusa, è una perfetta D al contrario

E' una C gotica un pochetto "strana" nella sua perfezione come le altre lettere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non direi dello stesso conio fisico, si notano varie differenze

Sorelle gemelle.

Mater nota (i coni). Pater ignotus (il coniatore).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Sorelle gemelle.

Mater nota (i coni). Pater ignotus (il coniatore).

io vedo differenze nei braccetti di ovest e sud della croce, nella V di Erculanus, idem nella N, vedi base della prima stanghetta verticale, idem in cima alla detta stanghetta vedo differenze, nel dritto la P di Perusia in basso nella 2à moneta ha una sbavatura che credo assente nella prima, le stelle ai lati della P centrale mi sembrano differenti le une dalle altre.

Modificato da andrearosi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quello che mi lascia ancor più perplesso è la centratura della moneta, se non è lo stesso conio, ci si avvicina molto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche a me sembra che i coni siano diversi. Di sicuro il R/ .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Premetto che questa non è la mia monetazione e quindi cerco di entrare in punta di piedi.

L'argomento mi ha stimolato e quindi provo a proporre alcune valutazioni.

Per verificare la provenienza o meno dagli stessi conii ho provato il metodo che sempre uso in casi simili ovvero la sovrapposizione con dissolvenza progressiva (per ora solo del verso)..

Purtroppo ho dovuto fare dei fermi immagine....la dissolvenza ripetuta in "andare" e "venire" è molto più efficace e convincente.

Immagine 1: sovrapposizione e sincronizzazione di mezzo verso...la coincidenza di tutti i bordi è notevole.

post-20130-0-15043900-1401386611_thumb.j

immagine 2 dissolvenza al 50%... compaiono i bordi delle lettere sottostanti

post-20130-0-36781700-1401386715_thumb.j

immagine 3 dissolvenza al 70%...

post-20130-0-03631200-1401386866_thumb.j

segue

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

immagine 4: dissolvenza al 90%

post-20130-0-73288300-1401386974_thumb.j

Da quel che si può vedere oso dire quindi che la sovrapponibilità è praticamente al decimo di millimetro e che può portare ad una sola conclusione.

Io ho seri dubbi anche sull'autenticità di queste monete...o meglio sulle modalità realizzative dei conii utilizzati. Ma qui torna buona la premessa...Non è la mia monetazione...

ma a me sembra che in questo caso l'incisore abbia completamente trascurato l'uso dei punzoni.

Vedi le S, tutte diverse fra loro, realizzate "a mano libera" ovvero senza l'uso delle C accostate; le R diverse fra loro (fra dritto e verso), e che non derivano dalle P con l'aggiunta della gambetta obbliqua....eeee. qui mi fermo.

Ho buttato il sasso nello stagno

un saluto

Mario

Piace a 4 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono cose (non uso il termine "moneta") già viste e tutte esattamente uguali. Secondo me si tratta di riproduzioni recenti, tipo medagliette che imitano vagamente la moneta perugina. La fattura e lo stile, come ben evidenziato da chi mi ha preceduto, ne denunciano la fattura moderna.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma scusate bastano i prezzi di realizzo per definire la loro natura, se non bastassero le incongruenze rilevate nel corso della discussione.

Piuttosto qualcuno ha per caso controllato se le descrizioni riportate nei cataloghi d'asta menzionavano "copie da studio etc. " o esprimevano almeno una forma dubitativa sulla loro originalità ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma scusate bastano i prezzi di realizzo per definire la loro natura, se non bastassero le incongruenze rilevate nel corso della discussione.

Piuttosto qualcuno ha per caso controllato se le descrizioni riportate nei cataloghi d'asta menzionavano "copie da studio etc. " o esprimevano almeno una forma dubitativa sulla loro originalità ?

estratto da mcsearch...direi pochi dubbi e almeno un commento molto positivo....

post-20130-0-86667000-1401397019_thumb.j

Vorzüglich = eccellente

ciao

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bel lavoro @@mariov60.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

io vedo differenze nei braccetti di ovest e sud della croce, nella V di Erculanus, idem nella N, vedi base della prima stanghetta verticale, idem in cima alla detta stanghetta vedo differenze, nel dritto la P di Perusia in basso nella 2à moneta ha una sbavatura che credo assente nella prima, le stelle ai lati della P centrale mi sembrano differenti le une dalle altre.

I coni sono gli stessi. Non le monete. Forza di battitura differente, leggeri scivolamenti, modificazioni del conio dopo la battitura, eventuali "ritocchi" del conio stesso "in corso d'opera", determinano piccole differenze.

Modificato da chievolan

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?