Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
villa66

D-Day: piccola coincidenza

Risposte migliori

villa66

Venerdì notte—verso la fine del 70° anniversario di quello che a volte viene chiamato "il giorno più lungo," D-Day—stavo guardando in televisione gli eventi del giorno come hanno avuto stato celebrato all'inizio il 6 giugno in Francia.

Ero stato abbastanza fortunato a visitare un negozio coin quel pomeriggio, così stavo passando i miei acquisti mentre guardavo la TV.

Ho preso questo pezzo di 1944D 20-centavos coniato per Ecuador dagli Stati Uniti durante il WWII.

post-12167-0-08779300-1402383521_thumb.jpost-12167-0-20075700-1402383537_thumb.j

Questa moneta in ottone dal 1944 (uno di 15.000.000) era di un tipo che era stato introdotto nel 1942 (che data 5.000.000 era stato colpito in ‘42 e ‘43). La data precedente della serie (1937) era stata coniata in nichel, ma naturalmente nichel era un metallo guerra critico, così un sostituto doveva essere trovato. E poi dopo la guerra, questo ottone ecuadoriano è stato sostituito dal tempo di pace di rame-nichel.

Dato quello che stavo guardando che momento in TV sugli eventi dello sbarco in Normandia, 1944 data saltata davanti a me, come ha fatto il marchio di zecca D nella parte superiore del rovescio della moneta. Era "D" di Denver per essere sicuri e aveva non una cosa da fare con il D-Day, ma ha fatto un'impressione tuttavia.

Mi ha fatto chiedo circa un'altra moneta che avevo ha tirato fuori dalla scatola-spazzatura quel giorno, un pezzo d'argento di 20-centavos filippino.

post-12167-0-81724600-1402383550_thumb.jpost-12167-0-00650100-1402383570_thumb.j

Si è anche rivelata sono stati colpiti nel 1944—e abbastanza sicuro—anch'esso era un prodotto della zecca di Denver e fu colpito come parte dell'invasione delle Filippine, mezzo mondo lontano dall'invasione della Normandia. Queste monete, insieme ad altri loro fratelli filippini di ‘44-45 (poi chiamato spesso monete "Vittoria"), furono coniate in gran numero (28,596,000) ma ha visto relativamente piccola circolazione. Filippine divennero indipendente subito dopo la guerra, nel 1946–come era stato il piano dal metà - anni '30—e necessità del paese di moneta frazionaria in gran parte è stato riempito dalle note di carta di basso valore.

Comunque, ultimo venerdì notte ero seduto lì con i miei due monete dal 1944, entrambi contrassegnati con D di Denver Era una piccola coincidenza e non significa molto, credo, a nessuno, tranne me.

Ma ogni collezionista di monete riconoscerà che in qualche modo piccolo, tenendo il che mio piccoli pezzi del 1944 mi ha portato solo un pochino più vicino a quei terribili avvenimenti di 70 anni fa.

v.

----------------------------------------------------

Friday night—near the end of the 70th anniversary of what is sometimes called “the longest day,” D-Day—I was watching on television the events of the day as they had been celebrated earlier on 6 June in France.

I had been lucky enough to visit a coin shop that afternoon, so I was going through my purchases while I watched TV.

I picked up this 1944D 20-centavo piece coined for Ecuador by the U.S. during WWII.

post-12167-0-08779300-1402383521_thumb.jpost-12167-0-20075700-1402383537_thumb.j

This brass coin from 1944 (one of 15,000,000) was of a type that had been introduced in 1942 (of which date 5,000,000 had been struck in ’42 and ‘43). The previous date in the series (1937) had been coined in nickel, but of course nickel was a critical war metal, so a substitute had to be found. And then after the war, this Ecuadorean brass was replaced by peacetime copper-nickel.

Given what I was watching that moment on TV about the D-Day events, the 1944 date jumped out at me, as did the D mintmark at the top of the coin’s reverse. It was Denver’s “D” to be sure, and had not one thing to do with D-Day, but it made an impression nevertheless.

It made me wonder about another coin I had pulled out of the junk-box that day, a silver Philippine 20-centavo piece.

post-12167-0-81724600-1402383550_thumb.jpost-12167-0-00650100-1402383570_thumb.j

It too turned out to have been struck in 1944—and sure enough—it too was a product of the Denver mint, and was struck as a part of the invasion of the Philippines, half a world away from the Normandy invasion. These coins, together with their other Philippine siblings of ’44-’45 (then often called “Victory” coins), were minted in large numbers (28,596,000) but saw relatively little circulation. The Philippines became independent immediately after the war in 1946–as had been the plan since the mid-‘30s—and the country’s need for fractional coin was largely filled by low-value paper notes.

Anyway, last Friday night I was sitting there with my two coins from 1944, both marked with Denver’s D. It was a small coincidence, and didn’t mean much, I guess, to anyone except me.

But any coin collector will recognize that in some small way, holding my little pieces of 1944 brought me just a tiny bit closer to those terrible events of 70 years ago.

v.

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nikita_
Supporter

Storie sempre interessanti ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nikita_
Supporter

La Francia ha emesso un pezzo da 2 euro per la circolazione dedicata al 70° D-Day.

Gli Stati Uniti mi sembra che non hanno nulla in merito a parte un dollaro coniato solo per collezionisti di una ventina di anni fa.

post-27461-0-89017000-1402516172_thumb.g

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Bella aggiunta, nikita. Grazie.

Grazie a John Wayne (e molti altri attori!) film Il Giorno Più Lungo, la frase francese nella parte inferiore della moneta non era un mistero:

«Les sanglots longs des violini de l'automne Blessent mon coeur d'une langueur monotone.»(In Italiano, "i lunghi singhiozzi dei violini di autunno avvolto il mio cuore con un monotono languore.")

Durante la guerra di Radio Londra—iniziata come contrappeso alla radio tedesca e radio Vichy—avrebbe trasmesso molte frasi apparentemente casuale come messaggi codificati alla resistenza francese. Come è successo, "Blessent mon coeur d'une langueur monotone" era il segnale molto particolare alla resistenza che l'invasione era imminente.

:) v.

-----------------------------------------------

Nice addition, nikita. Thanks.

Thanks to the John Wayne (and many other actors!) movie The Longest Day, the French phrase at the bottom of the coin wasn’t a complete mystery:

« Les sanglots longs des violins de l’automne Blessent mon coeur d’une langueur monotone. » (In English, “The long sobs of autumn’s violins wound my heart with a monotonous languor.”)

During the war Radio London—begun as a counterweight to German radio and to Vichy radio—would broadcast many seemingly random phrases as coded messages to the French Resistance. As it happened, “Blessent mon coeur d’une langueur monotone” was the very particular signal to the Resistance that the invasion was at hand.

:) v.

Modificato da villa66

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Gli Stati Uniti mi sembra che non hanno nulla in merito a parte un dollaro coniato solo per collezionisti di una ventina di anni fa.

Eccolo, dalla mia collezione ;)

post-206-0-11323400-1402559633_thumb.jpgpost-206-0-71322600-1402559651_thumb.jpg

petronius :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Non avessi fatto la connessione prima di... ma come è appropriato per questo dollaro commemorativo sia stato coniato a West Point, sede dell'Accademia militare dove molti degli ufficiali che hanno lottato fino alle spiagge di Normandia nel D-Day ha ricevuto il loro primo esercito di formazione.

:) v.

-------------------------------------------------

I hadn’t made the connection before…but how appropriate it is for this commemorative dollar to have been coined at West Point, home of the military academy where so many of the officers who struggled up the Normandy beaches on D-Day received their first Army training.

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stf

Segnalo questo interessante articolo tratto da qui: http://grammidistoria.wordpress.com/2010/06/06/d-day-la-storia-scorre-sulle-monete/

6-giugno-1944: è il D-DAY

50.000 veicoli, 5.333 navi, 11.000 aeroplani e 175.000 uomini americani, inglesi, canadesi, polacchi, norvegesi, e di altre nazionalità, sbarcano in Normandia, invadono la Francia occupata dai tedeschi e danno inizio all’offensiva che porrà fine al potere nazista.

50p-dday1994-reverse.jpg?w=640

50 pence 1994 – Gran Bretagna /R

Ho in mano quattro monete francesi di quel periodo; le guardo, le tocco, ne seguo i rilievi con le dita. Chissà in quante e quali mani sono passate: certamente in mani francesi, forse in mani di soldati della Wehrmacht e delle SS, e magari anche in quelle di soldati alleati della compagnia Easy sbarcati a Utah Beach.

Le guardo è penso come queste quattro monete, da sole, siano in grado di sintetizzare e rappresentare sei anni di storia francese. A partire dal 1940, in sei anni la Francia conoscerà una serie di eventi cruciali.

Guardo la prima moneta, 2 FRANCS del 1937: ci sono le immagini della La Terza Repubblica Francese

  • sul dritto la Marianna con il cappello frigio e la scritta REPUBLIQUE FRANCAISE
  • sul rovescio due cornucopie e il motto della Rivoluzione e poi della Repubblica: LIBERTE – EGALITE – FRATERNITE

2fr37.jpg?w=640&h=314

2 FRANCHI 1937 III Rep.

Passo con lo sguardo alla seconda moneta. Nel 1940 con l’invasione e l’occupazione tedesca della Francia, cade la Terza Repubblica, il Maresciallo Petain forma lo Stato Francese, più noto come Regime di Vichy, la località dove aveva sede quello sciagurato governo filofascista che sarà agli ordini dei nazisti. Nei 2 FRANCS di Vichy, questo passaggio è reso evidente dalla simbologia di regime:

  • sul dritto scompare la Marianna sostituita dall’ascia bipenne. La scritta REPUBLIQUE FRANCAISE è sostituita con ETAT FRANCAISE
  • sul rovescio niente più cornucopie e soprattutto niente più motto rivoluzionario, sostituito da TRAVAIL – FAMILLE – PATRIE

2frvichy44.jpg?w=640&h=315

2 Franchi – 1944 Regime di Vichy

Punto verso la terza moneta. Nel 1944, con l’invasione della Normandia da parte degli alleati inizia la liberazione della Francia. Gli americani mettono in circolazione questa nuova moneta da 2 Franchi prodotta nella zecca di Philadelfia. Via la simbologia di regime; sul dritto solo la scritta FRANCE e sul rovescio ritorna il motto della repubblicano. Provo ad immaginare il sentimento dei francesi nell’osservare questa moneta, simbolo della liberazione, e messaggera di speranza.

2fr44.jpg?w=640&h=313

Contestualmente all’invasione alleata, il Generale De Gaulle, in esilio a Londra dal 1940, forma il Governo Provvisorio della Repubblica Francese e nell’agosto del 1944 rientra a Parigi liberata. Guardo la quarta moneta. Nel 1946 nasce la Quarta Repubblica Francese, e ritorna la simbologia repubblicana, con la Marianna le cornucopie e il motto francese per eccellenza

2fr47.jpg?w=640&h=311

2 Franchi 1947

Quattro monete. Le metti in fila ed osservi la storia che scorre

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stf

La zecca di Philadelfia coniò anche una moneta da 2 Franchi per il Belgio, che fu liberato nel settembre del 1944 dalle truppe Anglo-Canadesi

belgio2fr1944.jpg?w=640&h=318

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vathek1984

Bellissima la ricostruzione di stf.. ;)

Se non ricordo male, però, i pezzi con la Marianna continuarono ad essere coniati, durante la guerra, dai nazisti, per la circolazione nelle zone occupate direttamente e non poste sotto il controllo dello stato fantoccio di Vichy...

Modificato da vathek1984

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stf

Non l'ho fatta io, è copiata dal link che ho citato all'inizio del post. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stf

La zecca di Philadelfia coniò anche una moneta da 2 Franchi per il Belgio, che fu liberato nel settembre del 1944 dalle truppe Anglo-Canadesi

Questa moneta fu coniata coi tondelli avanzati nella zecca che sarebbero dovuti essere utilizzati per le monete americane da 1 centesimo, coniate in acciaio nel 1943 a causa della carenza di rame.

Tuttavia, nel 1944 si decise di ritornare a coniare i cent in rame, a causa della disponibilità di rame di recupero proveniente da materiale militare dismesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stf

In seguito allo sbarco degli alleati in Sicilia il 9 settembre 1943, al contrario di quanto avvenne in Francia non furono emesse monete metalliche ma banconote: le cosiddette Am-Lire che circolarono alla pari della lira italiana nei territori liberati e, dopo la liberazione dell'intera penisola (25 aprile 1945) circolarono in tutto il territorio nazionale, fino al 1950.

post-30721-0-92137600-1402923376_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×