Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
PLOTINA

Ossidazioni

Risposte migliori

PLOTINA

Buongiorno a tutti..ho questo sesterzio di Traiano con delle piccole ossidazioni..volevo un vostro parere in merito...si possono allargare? O rimarranno stabili? Vi ringrazio anticipatamente..

post-37565-0-81490700-1406648285_thumb.j

post-37565-0-35242600-1406648308_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60

Buongiorno a tutti..ho questo sesterzio di Traiano con delle piccole ossidazioni..volevo un vostro parere in merito...si possono allargare? O rimarranno stabili? Vi ringrazio anticipatamente..

Penso siano da tenere sotto osservazione...la moneta sembra esser già stata pulita e trattata per cui è possibile che i singoli punti siano la prima avvisaglia di un reinnesco dei processi di corrosione.

Tienila in osservazione ancora per qualche settimana...potrai tu stesso giudicare, anche per mezzo di immagini successive, come evolve la situazione.

Se noterai anche un piccolo incremento delle aree o dello spessore degli spot azzurri dovrai intervenire come più volte ampiamente illustrato in questa sezione...

ciao

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PLOTINA

Grazie Mariov60, quindi secondo te e' anche possibile che essendo stata gia' trattata i punti rimangano come sono?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PLOTINA

inoltre volevo segnalare una moneta in asta descritta con forti incrostazioni verdi...queste non sono corrosioni? C'e' qualche somiglianza con le ossidazioni del sesterzio di Traiano?

post-37565-0-29351300-1406710403_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

centurioneamico

Gli spot azzurri, già evidenziati da mario, sono punti di corrosione attiva. a giudicare dal colore e, per esperienza personale, non credo siano stati neutralizzati. Anche tutte quelle protuberanze visibili al dritto ed al rovescio (si tratta di cuprite rossa), sono potenziali punti di innesco per nuove corrosioni. Al momento è possibile che il metallo abbia trovato un certo equilibrio elettrochimico sfogando in quelle zone di corrosione azzurre. Se si spengono quei punti di innesco, magari perchè vengono a mancare le condizioni di autoalimentazione della corrosione, il fenomeno potrebbe spostarsi altrove accendendo altri piccoli cancri.

In questo specifico caso sevirebbe l'intervento di un professionista perchè, la sola attività di inibizione delle corrosioni attive, creerebbe comunque una condizione di squilibrio portando a nuovi inneschi. Il restauro ideale prevederebbe la rimozione meccanica di tutti gli ossiduli già indicati, la rimozione dei potenziali sali responsabili di corrosione mediante bagni e, infine, l'inibizione totale mediante lo sperimentato metodo del benzotriazolo.

Riguardo il dupondio citato sopra invece possiamo affermare che le incrostazioni verdi visibili al rovescio sono attualmente stabili (quindi non dovrebbero mutare ne per forma ne per dimensione).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×