Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
francesco77

Sconfitta degli spagnoli a Napoli nel 1647 e 1707

Risposte migliori

francesco77

Oggi per puro caso ho scoperto che il 7 luglio è un giorno importante per Napoli, fatidico (?) per gli spagnoli.

Dunque, come scritto in un mio studio sull'esoterismo http://ilportaledelsud.org/esoterismo.htm e sulla medaglia del 1707 per l'entrata dell'esercito imperiale austriaco a Napoli ho affrontato una serie di argomenti collegati al numero 7 ed in particolare al 7-7-1707, 7 luglio 1707, ma leggendo in rete la storia di Masaniello ho notato con un po' di stupore che questo coraggioso personaggio sollevò il popolo napoletano contro gli spagnoli proprio il 7 luglio del 1647. http://it.wikipedia.org/wiki/Masaniello

Che coincidenza, vero? E se non fosse una coincidenza?

Tornando indietro nel 1495 scopriamo che Ferdinando II d'Aragona (Ferrandino) cacciò i francesi di Carlo VIII riconquistando Napoli proprio il 7 luglio. Di seguito un passo estrapolato dall'enciclopedia Treccani:

" ......... Giunto nelle acque del golfo, F. lasciò il grosso al largo ed accostò con una flottiglia. Dopo qualche esitazione, dovuta a conflitti interni, i "popolari" napoletani, guidati da Gian Carlo Tramontano, presero le armi in suo nome. F. non si lasciò sfuggire l'occasione: sbarcato il 7 luglio presso il ponte della Maddalena, obbligò i Francesi ad uscire dalla città, favorendo così il buon esito della rivolta. Al termine della giornata, i nemici furono infatti costretti a chiudersi in Castelnuovo e F., impossessatosi della città, ma non delle fortezze, poté insediarsi in Castel Capuano. Le sorti del conflitto (mentre gli eserciti della Lega si scontravano con i Francesi in Val di Taro) volsero presto a suo favore: dopo Napoli ed alcune "terre" nei dintorni, a metà luglio, erano state recuperate quasi per intero la Puglia, la Terra di Lavoro e Salerno (esclusa però la rocca)..........".

Avete letto chi guidò la rivolta? Certo che gira e rigira la numismatica rientra sempre nei fatti storici importanti. Vabbè, comunque quanto appena scritto non ha nulla di scientifico se vogliamo parlare di numismatica, è giusto per farvi divertire un po'. La sorpresa ve la farò la prossima settimana! Restate in campana perchè ci sarà molto da discutere sulle monete della Repubblica Napoletana e sulla loro circolazione a Napoli e ........ in altre regioni. :good: :angel:

post-8333-0-78433500-1407526417_thumb.jp

post-8333-0-15521900-1407526433_thumb.jp

post-8333-0-01112800-1407527183_thumb.jp

post-8333-0-86774600-1407527202_thumb.jp

post-8333-0-59505200-1407527217_thumb.jp

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

angel

Gli avvenimenti citati sono riportati nel Volume 1 del Diario di Francesco Capecelatro: contenente la storia delle cose avvenute nel reame di Napoli negli anni 1647 da pag. 14 a pag. 30

E' possibile leggerli qui:

Diario di Francesco Capecelatro - Google Books books.google.com/books/about/Diario_di_Francesco_Capecelatro.html?... Diario di Francesco Capecelatro: contenente la storia delle cose avvenute nel reame di Napoli negli anni 1647 - 1650, Volume 1 (Google eBook). Front Cover.
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dottorenoncurante

Ciao Francesco, la medaglia per l'ingresso degli Imperiali a Napoli del 1707 è veramente affascinante e l'articolo è interessantissimo. Leggevo che se ne conoscono solo coniate in argento, è possibile però che ne esista una versione in stagno?

Sarei molto curioso inoltre di sapere in generale a chi venivano consegnate medaglie del genere e con quale criterio

 

Saluti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao @dottorenoninfluente , grazie mille per la tua considerazione. Di questa medaglia del 1707 si conoscono esemplari in argento e metallo bianco (zinco), in entrambi i casi devono avere il diametro giusto e la scritta in rilievo nel taglio   http://www.panorama-numismatico.com/medaglia-esoterica-napoli-1707-parte-due/ , in questo studio è scritto tutto. 

Ci tengo a precisare ciò perchè di recente è apparso sul mercato qualche esemplare falso prodotto con la tecnica della fusione e con il taglio liscio. Non so a chi venivano conferite all'epoca ma certamente a qualche autorità, si tratta di medaglie rarissime. Il conio è opera dell'artista incisore tedesco Philipp Heinrich Muller (Augusta 1654-1719).

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dottorenoncurante

Ciao Francesco, mi permetto di aggiungere alcune considerazioni al post, oltre ad una foto della mia medaglia sperando di far cosa gradita!

Cercando nel web ho constatato che in tedesco queste medaglie, quando non sono in argento, vengono definite "zinnmedaille". Questo termine potrebbe definire una tipologia di medaglie prodotte con metalli più poveri dell'argento, anziché definire precisamente il metallo (in questo caso lo stagno, zinn). Personalmente credo che la maggior parte delle medaglie per la presa di Napoli identificate come zinnmedaille, letteralmente "medaglia di stagno" siano errate, dal momento in cui come hai scritto sono molto più probabilmente prodotte in zinco. Tuttavia nel catalogo Künker Auktion 247, con riferimento ad un esemplare in argento della medaglia del 1707 viene riportato quanto segue:  "Coll. Fieweger 695 (Dort in zinn)."  Letteralmente "qui in stagno". Possibile che abbiano confuso zink con zinn oppure lo zinco con lo stagno?

Un saluto!

PS La mia misura 46 mm, con la bella citazione di Ovidio in rilievo sul taglio!

 

Untitled.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao, in effetti è in metallo bianco, prevalentemente zinco, stagno e ferro, il tuo esemplare è autentico e sicuramente d'epoca, alcune copie moderne che mi sono passate tra le mani anni fa avevano il taglio liscio ed erano certamente delle fusioni. Peccato per il brutto colpo al rovescio a ore 8 ma è davvero un bel pezzo.... complimenti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×