Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
L. Licinio Lucullo

Denario Ottaviano e Salvidieno

Risposte migliori

L. Licinio Lucullo

In questa emissione Salvius, CO(n)S(ul) DESIG(natus), raffigura Ottaviano con la corta barba che, all’epoca, si portava in segno di lutto. Anche Antonio, sull’emissione RRC 480/22, era stato rappresentato così.

Quinto Salvio era amico d'infanzia e confidente di Ottaviano; durante il Secondo Triumvirato, ricoprì alcuni importanti incarichi militari: nel 42 gli fu affidata un flotta per attaccare Sesto Pompeo in Sicilia, ma l'attacco si concluse con una disastrosa sconfitta. Due anni dopo, giocò un ruolo fondamentale nella vittoria ottenuta da Ottaviano a Perugia su Lucio Antonio. Fu ricompensato con il titolo di imperator e divenne consul designatus per il 39, titoli che compaiono entrambi su questo raro denario. Passato segretamente dalla parte di Marco Antonio in un periodo di tensioni tra i Triumviri, fu da lui denunciato ad Ottaviano alla fine del 40, in un momento di riconciliazione tra i due. Dichiarato nemico pubblico, il suicidio o la pubblica esecuzione mise fine alla sua carriera politica.

Il fascio di fulmini, secondo Sear, simboleggia qui Giove

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adriapel

Nel 45 Giulio Cesare preparava la spedizione contro i Parti e invio Ottaviano suo pupillo al quale affiancò due uomini di umili origini ma cha a sua detta erano due buone promesse di virtù militari. Questi due uomini erano Agrippa e Salvidieno Rufo. Giulio Cesare aveva visto giusto erano due grandi combattenti. Nella battaglia di Perugia entrambi questi grandi combattenti ebbero la meglio e fecero prigioniero Lucio Antonio. Voglio però credere che la parte del leone la fece Agrippa navigato comandante. Salvidieno Rufo tentò successivamente un accordo con Antonio e questo le fu fatale. Il perché di questo voltafaccia è storicamente poco spiegabile, Salvidieno aveva sottovalutato Ottaviano e sopravalutato Antonio. Sicuramente quest'ultimo aveva la fama di grande combattente e questo lo spinse ad appoggiarlo. Ma la storia è andata diversamente e Ottaviano si dimostrò un grande stratega della politica più che dei campi di battaglia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×