Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
eliodoro

3/8 di Shekel occupazione di Cartagine

Risposte migliori

eliodoro
Supporter

Ciao a tutti,

segnalo, nella prossima asta Numismatica Genevensis sa, la presenza di questa moneta 3/8 di Shekel occupazione cartaginese, 216- 211 a.c.., 2,71 g, SNG ANS 140, HN 2010. Se non erro, dovrebbe essere in elettro.

Al D: Testa gianiforme Femminile ed al R: Giove, con Nike, su quadriga in galoppo a destra.

Diciamo che, storicamente, l'occupazione cartaginese di Capua, è ricordata come gli Ozi di Capua.

Capua pagò caramente l'appoggiò ad Annibale tant'è che i Romani, una volta sconfitti i Cartaginesi, ridussero la città campana, insieme alle città sabelle di Calatia ed Atella, a semplici Praefecturae, vietandole la coniazione delle monete che riprese, soltanto, con l'arrivo dei Normanni.

Gran bella moneta :o :o

Saluti Eliodoro

1442038l.jpg

Modificato da eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Si tratta in effetti di una moneta in elettro.

L'attribuzione a Capua in realtà resta ancora molto incerta e mancano totalmente segni attribuibili a questa città.

Attualmente prevale l'ipotesi che sia una emissione curata dai Cartaginesi poco dopo la battaglia di Canne (216 a.C. e fino a prima del 211 a.C.), forse addirittura a Cartagine: il titolo di elettro appare essere perfettamente sovrapponibile a quello che si riscontra in monete di elettro dello stesso peso (3/8 di shekel) con tipi puramente punici e sicuramente emesse a Cartagine, anche per avere un costante orientamento dei conii (Jenkins-Lewis nn. 468, 470, 480, 482). Tale moneta è stata poi portata in Italia, per il sostegno economico delle truppe puniche e l'area di circolazione sembra essere concentrata soprattutto nel Bruttium (piuttosto che in Campania).

Oltre a questa moneta punica in elettro furono emessi anche mezzi e quarti di shekel in argento, probabilmente sempre a Cartagine ed esportati ad Annibale attraverso i porti situati nel Bruttium.

Quindi non sembra una produzione legata agli "ozi di Capua"…..

 

La scelta dei particolari tipi (testa gianiforme e quadriga), che si discosta completamente dai tipi usualmente coniati a Cartagine (testa di Tanit e cavallo) sembra dettata più da motivi politici, per contrastare (con una moneta intrinsecamente più pregiata) il quadrigato d'argento romano, che era prodotto e circolante ancora al tempo della battaglia di Canne. Solo poco dopo, intorno al 215 a.C., nascerà la nuova moneta d'argento di Roma, il denario….

Modificato da acraf
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

@@acraf, è sempre un piacere leggere i tuoi commenti.

Concordo pienamente... gli interventi di @@acraf sono sempre bellissimi  e ricchi di spunti, per di più su di una monetazione, quella campana del III^ sec. a.c., con pochissimo seguito...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×