Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Georg

le conservazioni "eccezionali"...

Risposte migliori

Georg

Salve. Ultimamente mi sono accorto che, da parte di numismatici, collezionisti..e altri del "mestiere" viene utilizzato molto spesso (..ma io direi troppo spesso) l'aggettivo eccezionale, a proposito di esemplari in determinate condizioni di conservazione....

 

Questa cosa mi fa un po' pensare....Mi pare, infatti, che si stia abusando di questo aggettivo.

Bisogna dirlo: non c'è un sito di numismatica, o un catalogo d'asta che non abbia almeno un esemplare definito "eccezionale". !...

...Mi sembra di vedere una certa "frenesia" da parte di tutti nel cercare la cosiddetta "perfezione", in campo numismatico.....Perfezione che, da quanto ne so io, non esiste. ...E lo dico per esperienza, perchè anche io, a volte, mi faccio "tentare" da questo aggettivo....e io stesso confesso di possedere qualche esemplare definito tale :pardon: ,.. Tuttavia, la perfezione assoluta non esiste...qualche piccola "pecca" c'è sempre,... se non altro, per il metodo di produzione delle monete che tutti conosciamo..:!......

 

..Anche se non c'è la perfezione intesa come "mancanza di segnetti, colpetti o quant'altro..", tuttavia, l'eccezionalità è data, in alcuni casi, da altre caratteristiche del pezzo...per esempio il lustro, la freschezza....o il fatto che di quell'esemplare ne esistono veramente pochi in alta conservazione.....!...

 

 

..Il problema è che questo aggettivo, oltre ad essere un po' abusato, nella quasi totalità dei casi non è nemmeno giustificato!...Il numismatico si limita a definire il pezzo ECZ, ma senza dire il perchè!... :unknw: ..(E spesso viene il sospetto che sia solo per motivi commerciali).

 

L'altro problema è che la sigla ECZ viene associata, nella totalità dei casi, solamente allo stato di conservazione FDC...e questo, secondo me, è estremamente riduttivo del significato di "eccezionale"....Ed è anche pericoloso, perchè, come già scrivevo, a lungo andare si spingono i collezionisti a "spaccarsi la testa" (e a vuotare il conto corrente...) per correr dietro a una cosiddetta "perfezione".

 

 

...Riflettendo su questo problema, ho cercato, molto umilmente, di dare una definizione dell'"eccezionalità" di una moneta,basandomi su quattro criteri....Ma con una premessa importante: occorre, secondo me, recuperare l'etimologia di questa parola.

Eccezionale, ossia "l'eccezione" rispetto alla regola.....E non come sinonimo di stupendo, stratosferico,meraviglioso.......

 

 

1) "Eccezionale" riguardo alla rarità dello stato di conservazione. Esempio: se di una moneta si vedono 100 esemplari, dei quali 90 sono tra l'MB e il BB,  5 sono tra il BB e lo SPL, e 5 tra lo SPL e il FDC....queste ultime, anche se non sono FDC, sono già "Eccezionali", perchè sono l' "eccezione" rispetto al consueto stato di conservazione.

 

2) "Eccezionale" riguardo alla qualità dell'esemplare. Anche qui, conta relativamente il fatto che sia o non sia FDC....Poniamo il caso che sia SPL, ma che abbia una grandissima freschezza di aspetto, e magari una patina particolarmente bella (iridescente, magari...) e difficile da riscontrare. Questo è un elemento di "eccezionalità".

 

3) "Eccezionale" riguardo alle cosiddette "classi" di cui parla il Gigante. Per esempio: se una tal moneta è definita generalmente di "seconda classe" per via di difetti di conio ricorrenti, o altre imperfezioni.....nella misura in cui questi difetti o imperfezioni sono assenti, il pezzo in questione è sicuramente da definirsi "eccezionale".

 

3) "Eccezionale",..finalmente, legato al massimo grado di conservazione, il FDC. Anche qui occorre una grande cautela...Dato che anche nei FDC c'è sempre qualche pecca dovuta alla produzione. Anche in questo caso, comunque, l' "eccezionalità" dovrebbe essere legata all'aspetto generale della moneta....Dovrebbe avere delle caratteristiche di freschezza, lucentezza, colorazione della patina (se c'è) o magari assenza di patina (per il rame "rosso") che, solitamente, non si riscontrano.

 

 

In tutti e tre i casi, però, dovrebbe esser sempre specificato il motivo dell'assegnazione dell'ECZ.

 

Es:

2 lire 1885 - Raro - conservazione SPL/FDC - definito ECZ per la rarità di questo stato di conservazione;

 

oppure:

 

10 lire 1936 - conservazione FDC - ECZ per "patina iridescente" ...

 

...e così via....

 

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

El Chupacabra

Non posso che condividere.

Ai miei tempi - secoli fa - l'aggettivo "ECZ" non esisteva e comunque cercare la perfezione in un oggetto sottoposto ad un'azione "cruenta" come la coniatura - secondo me - è un'utopia.

Io usavo, per una moneta esente da difetti e con caratteristiche di pregio, il grado "FDC+". Aggiungere ECZ vuol dire inventarsi un'ulteriore gradazione di giudizio - e sempre secondo me - inutile.

Modificato da El Chupacabra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silver1970

Bella discussione che condivido in toto.

In parecchie aste questo aggettivo viene utilizzato spesso per scopi commerciali.

Saluti

Silver

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus

Salve. Ultimamente mi sono accorto che, da parte di numismatici, collezionisti..e altri del "mestiere" viene utilizzato molto spesso (..ma io direi troppo spesso) l'aggettivo eccezionale, a proposito di esemplari in determinate condizioni di conservazione....

 

Questa cosa mi fa un po' pensare....Mi pare, infatti, che si stia abusando di questo aggettivo.

Bisogna dirlo: non c'è un sito di numismatica, o un catalogo d'asta che non abbia almeno un esemplare definito "eccezionale". !...

...Mi sembra di vedere una certa "frenesia" da parte di tutti nel cercare la cosiddetta "perfezione", in campo numismatico.....Perfezione che, da quanto ne so io, non esiste. ...E lo dico per esperienza, perchè anche io, a volte, mi faccio "tentare" da questo aggettivo....e io stesso confesso di possedere qualche esemplare definito tale :pardon: ,.. Tuttavia, la perfezione assoluta non esiste...qualche piccola "pecca" c'è sempre,... se non altro, per il metodo di produzione delle monete che tutti conosciamo..:!......

 

..Anche se non c'è la perfezione intesa come "mancanza di segnetti, colpetti o quant'altro..", tuttavia, l'eccezionalità è data, in alcuni casi, da altre caratteristiche del pezzo...per esempio il lustro, la freschezza....o il fatto che di quell'esemplare ne esistono veramente pochi in alta conservazione.....!...

 

 

..Il problema è che questo aggettivo, oltre ad essere un po' abusato, nella quasi totalità dei casi non è nemmeno giustificato!...Il numismatico si limita a definire il pezzo ECZ, ma senza dire il perchè!... :unknw: ..(E spesso viene il sospetto che sia solo per motivi commerciali).

 

L'altro problema è che la sigla ECZ viene associata, nella totalità dei casi, solamente allo stato di conservazione FDC...e questo, secondo me, è estremamente riduttivo del significato di "eccezionale"....Ed è anche pericoloso, perchè, come già scrivevo, a lungo andare si spingono i collezionisti a "spaccarsi la testa" (e a vuotare il conto corrente...) per correr dietro a una cosiddetta "perfezione".

 

 

...Riflettendo su questo problema, ho cercato, molto umilmente, di dare una definizione dell'"eccezionalità" di una moneta,basandomi su quattro criteri....Ma con una premessa importante: occorre, secondo me, recuperare l'etimologia di questa parola.

Eccezionale, ossia "l'eccezione" rispetto alla regola.....E non come sinonimo di stupendo, stratosferico,meraviglioso.......

 

 

1) "Eccezionale" riguardo alla rarità dello stato di conservazione. Esempio: se di una moneta si vedono 100 esemplari, dei quali 90 sono tra l'MB e il BB,  5 sono tra il BB e lo SPL, e 5 tra lo SPL e il FDC....queste ultime, anche se non sono FDC, sono già "Eccezionali", perchè sono l' "eccezione" rispetto al consueto stato di conservazione.

 

2) "Eccezionale" riguardo alla qualità dell'esemplare. Anche qui, conta relativamente il fatto che sia o non sia FDC....Poniamo il caso che sia SPL, ma che abbia una grandissima freschezza di aspetto, e magari una patina particolarmente bella (iridescente, magari...) e difficile da riscontrare. Questo è un elemento di "eccezionalità".

 

3) "Eccezionale" riguardo alle cosiddette "classi" di cui parla il Gigante. Per esempio: se una tal moneta è definita generalmente di "seconda classe" per via di difetti di conio ricorrenti, o altre imperfezioni.....nella misura in cui questi difetti o imperfezioni sono assenti, il pezzo in questione è sicuramente da definirsi "eccezionale".

 

3) "Eccezionale",..finalmente, legato al massimo grado di conservazione, il FDC. Anche qui occorre una grande cautela...Dato che anche nei FDC c'è sempre qualche pecca dovuta alla produzione. Anche in questo caso, comunque, l' "eccezionalità" dovrebbe essere legata all'aspetto generale della moneta....Dovrebbe avere delle caratteristiche di freschezza, lucentezza, colorazione della patina (se c'è) o magari assenza di patina (per il rame "rosso") che, solitamente, non si riscontrano.

 

 

In tutti e tre i casi, però, dovrebbe esser sempre specificato il motivo dell'assegnazione dell'ECZ.

 

Es:

2 lire 1885 - Raro - conservazione SPL/FDC - definito ECZ per la rarità di questo stato di conservazione;

 

oppure:

 

10 lire 1936 - conservazione FDC - ECZ per "patina iridescente" ...

 

...e così via....

 

 

 

@@Georg

 

Concordo con quanto dici.

Ma a mio parere quanto dici non fa altro che riflettere i limiti della monetazione contemporanea, con l'eccessiva importanza che di conseguenza viene data allo stato di conservazione.

Tant'è vero che simili scempiaggini sono solitamente assenti (o molto meno presenti) nella numismatica antica, medievale e moderna, dove l'eccezionalità continua a riferirsi - come sarebbe giusto che fosse - a un pezzo di particolare rarità o rilevanza.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giov60

Effettivamente il termine "Eccezionale", così come utilizzato in asta e in qualche catalogo, intende riferirsi a un FDC pieno. Se per una moneta BB del passato si usa oggi il termine SPL ed una SPL di alcuni decenni fa viene definita FDC, cosa deve usarsi per una moneta FDC o quasi? Di qui il termine "Eccezionale".

Io apprezzo molto il termine tedesco "Prachtexemplar" che traduco "magnifico esemplare" che connota bene la moneta senza volerla definire con un termine rubato alla statistica (eccezione alla regola). Anche il termine superbo può manifestare apprezzamento "relativo", ma può essere confuso con il francese "superbe" ad indicare SPL.

Ovviamente il pragmatismo americano ha codificato una scala tendenzialmente "oggettiva" ad evitare una excalation di aggettivi: la scala di Sheldon, in cui la conservazione è giudicata in maniera indipendente da 3 esperti sulla base dei difetti evidenziati a 5X ingrandimenti (NB: l'ente certificatore non deve essere in conflitto di interessi con il soggetto che richiede la certificazione). Immagino che in Italia si preferirà in futuro seguire un'altra strada: far accreditare dall'Accademia della Crusca il termine "Eccezionalissimo", per andare oltre il FDC e l'Eccezionale! oo)

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Georg

@@Georg

 

Concordo con quanto dici.

Ma a mio parere quanto dici non fa altro che riflettere i limiti della monetazione contemporanea, con l'eccessiva importanza che di conseguenza viene data allo stato di conservazione.

Tant'è vero che simili scempiaggini sono solitamente assenti (o molto meno presenti) nella numismatica antica, medievale e moderna, dove l'eccezionalità continua a riferirsi - come sarebbe giusto che fosse - a un pezzo di particolare rarità o rilevanza.

 

 

....Sì, ammetto che quando ho proposto questa mia riflessione, pensavo prima di tutto alle contemporanee (soprattutto Regno e Repubblica);

grazie per questo richiamo che serve, giustamente, ad ampliare l' "orizzonte"! :)..

 

..Beh, di numismatica antica, medievale e moderna so veramente poco; però penso che anche per quegli ambiti valga il principio per cui se una data tipologia si presenta in uno stato di conservazione assolutamente raro, o comunque "insolito", in quei casi viene naturale definire il pezzo "eccezionale", nel senso proprio di "eccezione". ...

...Oppure quando si presenta senza difetti di conio solitamente "normali"...!... ;)..

 

...Sfogliando i cataloghi, spesso ci si imbatte in descrizioni del genere...

Modificato da Georg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus

Se per una moneta BB del passato si usa oggi il termine SPL ed una SPL di alcuni decenni fa viene definita FDC, cosa deve usarsi per una moneta FDC o quasi? Di qui il termine "Eccezionale".

 

A me pare il contrario... direi che è lo SPL del 1995 a esser diventato BB oggi, e il FDC a essere diventato SPL.

Emilio Tevere la pensava allo stesso modo, e infatti riferendosi alle sue stesse perizie diceva che con il passare del tempo erano diventate più rigorose e uno SPL del 1990 non aveva lo stesso significato di uno SPL del 2010.

La mania della corsa alla perfezione la si vede anche qua - con il supporto della tecnologia, dal momento che oggi è molto più semplice realizzare maxiingrandimenti ad alta risoluzione. E così pare che essere "severi" sia un vanto, quando giudicare BB una moneta SPL denota solo incapacità di giudizio, esattamente come giudicare SPL una moneta BB.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giov60

Non voglio polemizzare, per cui non replicherò, ma il dato emerge chiaramente dai cataloghi d'asta degli anni '60 - '80. Quando lo stesso esemplare (non uno simile) è riapparso 40-50 anni dopo, il grading era salito molto di frequente di un grado. Se poi la moneta è apparsa di recente in asta e passata inosservata, il risultato è lo stesso. Credo che le crescita professionale del singolo perito non abbia niente da spartire con questo discorso e neppure la definizione fotografica, ma qui il discorso porterebbe lontano.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silver1970

post-46882-1457808787,85_thumb.jpgpost-46882-1457808814,45_thumb.jpg

Questa medaglia dichiarata FDC eccezionale.

Il diritto non compariva, proviene da un' asta di cui non faro' il nome altrimenti mi cancellano il messaggio, nonostante sia la nuda e cruda verita'.

In questo caso l'aggettivo eccezionale e' stato usato impropriamente per fini commerciali.

Saluti

Silver

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Georg

attachicon.gifImageUploadedByLamoneta.it Forum1457808782.258538.jpgattachicon.gifImageUploadedByLamoneta.it Forum1457808808.844688.jpg

Questa medaglia dichiarata FDC eccezionale.

Il diritto non compariva, proviene da un' asta di cui non faro' il nome altrimenti mi cancellano il messaggio, nonostante sia la nuda e cruda verita'.

In questo caso l'aggettivo eccezionale e' stato usato impropriamente per fini commerciali.

Saluti

Silver

 

...quindi non c'era una motivazione? Immagino di no...

 

Io non so niente di medaglie, specie pontificie; ma se tu, o qualcun altro sapete qualcosa in più...illuminateci! :).. Tiriamoli fuori noi i motivi di "eccezionalità" non inerenti al lato puramente estetico, se ce ne sono!...

Che particolarità ha questa medaglia? E' nata con difetti di conio ricorrenti...che invece, qui, non ci sono?

Qual è il suo grado di rarità?...Quanto è rara in questa conservazione?...

Modificato da Georg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silver1970

...quindi non c'era una motivazione? Immagino di no...

Io non so niente di medaglie, specie pontificie; ma se tu, o qualcun altro sapete qualcosa in più...illuminateci! :).. Tiriamoli fuori noi i motivi di "eccezionalità" non inerenti al lato puramente estetico, se ce ne sono!...

Che particolarità ha questa medaglia? E' nata con difetti di conio ricorrenti...che invece, qui, non ci sono?

Qual è il suo grado di rarità?...Quanto è rara in questa conservazione?...

Le medaglie non circolano quindi e' facile trovarle in FDC, ne hanno coniate 2450 ed e' considerata comune essendo recente.

Di eccezionale non ha nulla, anzi ha dei brutti graffi sulla patina del diritto.

Saluti

Silver

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mcnab77

Secondo me è più facile trovare una moneta in un incredibile stato di conservazione che una banconota, per ovvie ragioni, una moneta può facilmente essere avvolta da un panno e rimanere li per anni o decenni e fregarsene del tempo che passa. Io un aggettivo del genere al limite lo userei per delle banconote che per motivi legati alla fragilità della carta alle dimensioni ecc.ecc. è davvero complicato raggiungere stati di conservazione perfetti..IMHO ovviamente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×