Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
demonetis

Campania Perché "Re del regno delle Due Sicilie"?

Risposte migliori

demonetis
Supporter

E' da tempo che mi "tormento" con la seguente domanda: perché Ferdinando I (con legge n. 565 dell'8 dicembre 1816) decide di assumere il titolo di "Re del regno delle Due Sicilie" e non semplicemente di "Re delle Due Sicilie"? E così tutti i suoi discendenti. Tale denominazione pare un pleonasmo.

Avete delle idee a proposito? Grazie.

 

Dall'art. 1.2 della cit. legge:

4r2cys.jpg

 

Da una legge di Ferdinando II:

vxh69.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

demonetis
Supporter

Dallo studio che mi hai segnalato (e per questo ti ringrazio) è spiegato chiaramente che dall'8 dicembre 1816 il sostantivo regno, utilizzato nella formula Re del regno delle Due Sicilie, identifica l'unione dei due regni in una sola entità: "Ferdinando I, re del Regno (uno ed uno solo) delle Due Sicilie".

Ma quando alcuni secoli prima Alfonso d'Aragona unì sotto la sua persona i due regni in uno ed uno solo perché fu proclamato re delle Due Sicilie e non Re del regno delle Due Sicilie?

Quali differenze esistono tra le unioni poste dai due sovrani da giustificare titoli differenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bizerba62

Ciao.

 

"Ma quando alcuni secoli prima Alfonso d'Aragona unì sotto la sua persona i due regni in uno ed uno solo perché fu proclamato re delle Due Sicilie e non Re del regno delle Due Sicilie?"

 

In realtà i Regni continuano formalmente ad essere due e la denominazione "rex utriusque Siciliae" non designa, in senso tecnico, un nuovo Regno, terzo rispetto a quello di Napoli e a quello di Sicilia, ma è un appellativo con il quale il Sovrano si attribuisce la titolarità di uno Stato composto da entrambe le Corone, che però mantengono la propria individualità.

 

Tanto che assistiamo al mantenimento di ordinali dinastici diversificati per Napoli e Palermo, a conferma dell'esistenza di due Corone distinte.

 

Nel 1816, invece, si costituirà formalmente il "Regno delle Due Sicilie", che sarà - questo sì - un Regno terzo rispetto a quello di Napoli e di Sicilia.

 

"Quali differenze esistono tra le unioni poste dai due sovrani da giustificare titoli differenti?"

 

A parte la "terzietà" giuridica del nuovo Regno rispetto ai due preedenti che lo costituiscono, le differenze sembrano più formali che sostanziali e la giustificazione di questo nuovo assetto statuale va probabilmente ricercata nella particolare situazione politica che attraversano i Regni nel periodo storico in cui avvenne tale mutamento, che vede le armi napoleoniche invadere il Regno di Napoli e l'esilio di Ferdinando a Palermo sotto la protezione inglese.

 

Saluti.

M.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

demonetis
Supporter

Ciao.

"Ma quando alcuni secoli prima Alfonso d'Aragona unì sotto la sua persona i due regni in uno ed uno solo perché fu proclamato re delle Due Sicilie e non Re del regno delle Due Sicilie?"

In realtà i Regni continuano formalmente ad essere due e la denominazione "rex utriusque Siciliae" non designa, in senso tecnico, un nuovo Regno, terzo rispetto a quello di Napoli e a quello di Sicilia, ma è un appellativo con il quale il Sovrano si attribuisce la titolarità di uno Stato composto da entrambe le Corone, che però mantengono la propria individualità.

Tanto che assistiamo al mantenimento di ordinali dinastici diversificati per Napoli e Palermo, a conferma dell'esistenza di due Corone distinte.

Nel 1816, invece, si costituirà formalmente il "Regno delle Due Sicilie", che sarà - questo sì - un Regno terzo rispetto a quello di Napoli e di Sicilia.

"Quali differenze esistono tra le unioni poste dai due sovrani da giustificare titoli differenti?"

A parte la "terzietà" giuridica del nuovo Regno rispetto ai due preedenti che lo costituiscono, le differenze sembrano più formali che sostanziali e la giustificazione di questo nuovo assetto statuale va probabilmente ricercata nella particolare situazione politica che attraversano i Regni nel periodo storico in cui avvenne tale mutamento, che vede le armi napoleoniche invadere il Regno di Napoli e l'esilio di Ferdinando a Palermo sotto la protezione inglese.

Saluti.

M.

Sei stato chiarissimo. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×