Jump to content
IGNORED

L'elmo di Roma


caiuspliniussecundus
 Share

Recommended Posts

Qualcuno sa esattamente che cosa rappresenta il grifone sull'elmo di Roma? come mai questa strana figura mitologica? Che io sappia ritorna su un denario della Gens Papia. E quelle sue ali da elmo di Asterix?? non trovate che la testa di Roma del classico denario anonimo sia assolutamente fuori dagli stereotipi guerrieri del tempo?

post-705-1158965021_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • 6 years later...

Rianimo questa vecchia discussione precisando la mia domanda: esistono dei reperti archeologici riferibili all'elmo attico alato raffigurato sulla testa di Roma così come compare sul denario repubblicano (anonimo, poi con simboli e poi a seguire in molte altre tipologie)???

Ad un esame superficiale (non sono uno specialista di elmi) dalle immagini disponibili su internet elmi alati con una visiera così pronunciata non ne ho trovati. C'è l'elmo frigio della collezione Alex Guttmann (che allego in foto sotto), ma è leggermente diverso. Roma tra l'altro compare a volte con elmo frigio come questo.

In altre parole, lo spettacolare elmo di Roma che compare sui denari repubblicani è esistito veramente (magari come elemento da parata non da guerra) oppure è stato una lisergica invenzione degli incisoni romani??

Le caratteristiche di questo elmo sono le seguenti:

- è attico (o calcidico, non ho mai capito bene la differenza)

- non ha paragnatidi

- è alato

- è sormontato da un grifone

- ha una visiera pronunciata, (degna da cappellino da baseball su certe emissioni)

post-705-0-23905800-1360073743_thumb.jpg

Edited by caiuspliniussecundus
Link to comment
Share on other sites


Supporter

E' una bella domanda! Speriamo che qualcuno sappia rispondere.

Certo che, se è stata una tipologia da parata, e a maggior ragione per il fatto che può essere datato (se è esistito) a un'epoca abbastanza remota, potrebbe non esserne sopravvissuto alcun esemplare.

Link to comment
Share on other sites


Non so se nell'Antichità, quando non c'erano, di solito, necessità di mimetizzazione, ci fosse una grande differenza tra l'abbigliamento da parata e quello da guerra. Anzi, gli elementi decorativi, la ricchezza, la complessità, il colore e lo splendore erano utilizzati in battaglia a fini psicologici.

La cresta sull'elmetto, in particolare, aveva una funzione di rinforzo e, se ci pensiamo bene, è reperibile fino alla II Guerra Mondiale, quando alcuni eserciti continuavano a utilizzare il famoso elmo Adrian, che era stato usato dall'Italia nella Grande Guerra.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Qualcuno sa esattamente che cosa rappresenta il grifone sull'elmo di Roma? come mai questa strana figura mitologica? Che io sappia ritorna su un denario della Gens Papia.

Riporto Gnecchi:

"Un Leone alato con testa d'Aquila ornata da una cresta, costituisce il Grifone, animale mitologico sacro ad Apollo.

Diversi paesi, l'India, l'Assiria, la Persia, la Scizia, l'Etiopia, e fors'anche qualche altro, se ne contendono l'origine.

La sua testa forma il rovescio dell'asse del Lazio, che porta al diritto la testa giovanile d'Ercole. La sua completa figura fa nel denario di L. Papié, 79 a. C, una apparizione unica, compensata però dal numero stragrande di varietà, formate dai piccoli simboli — o meglio sigilli, come li chiama Eckhel — che ne differenziano i numerosi esemplari.

In una tessera o piccolo bronzo, probabilmente dell'epoca di Domiziano (Coh., 38), un Grifone accovacciato tiene una zampa su di una ruota. Adriano ha qualche medio bronzo Coh., 433-5) col Grifone corrente. In un medaglione d'Antonino Pio (Gn., 68) il Grifone sta accanto ad Apollo.

Alcune monete di Gallieno (Coh., 75 a 80 e 95) e di Carausio (Coh., 16 a 21) hanno il Grifone corrente con la leggenda APOLLINI CONSERVATORI AVO.

Il Grifone non è di indole perversa. Avido dell'oro era preposto nei templi alla guardia dei tesori, insidiati da giganti e da mostri maligni. Forse in tale qualità simboleggia la lotta fra i credenti e gli infedeli, e forse la sua figura orna talvolta i troni, quasi a custodia della fede e dei tesori.

Lo vediamo difatti in un bronzo imperatorio di M. Aurelio (Gn., 105) ornare il seggio di Minerva. E lo vediamo pure, quale ornamento del seggio della Salute, in parecchi medaglioni e bronzi di M. Aurelio, Faustina juniore. Commodo e Geta, dalla leggenda SALVS. Talvolta serve pure di ornamento alle tavole lusorie, in piccoli bronzi di Nerone(Coh., 47 e segg.) e di Trajano (Coh., 349).

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Le caratteristiche di questo elmo sono le seguenti:

- è attico (o calcidico, non ho mai capito bene la differenza)

- non ha paragnatidi

- è alato

- è sormontato da un grifone

- ha una visiera pronunciata, (degna da cappellino da baseball su certe emissioni)

Al Getty Villa di Malibu conservano un elmo alato sormontato da grifone, proveniente dalla Magna Grecia e datato al 350-300 a.C. (epoca quindi compatibile, per aver "ispirato" il denario)

Ha anche una leggera visiera (decorata a corona, però, non a becco).

Ha i paragnatidi, però incernierati (quindi, forse, asportabili?)

Nella descrizione del museo (vista su un catalogo) si specifica che è attico ed è ritenuto da cerimonia.

La fotografia è presente anche su wikicommon

post-13865-0-06178700-1360328224_thumb.j

Edited by L. Licinio Lucullo
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Certo, non è proprio come quello del denario, però direi che attesti almeno l'esistenza del "genere" attico + ali + grifone + visiera

Edited by L. Licinio Lucullo
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Non so se nell'Antichità, quando non c'erano, di solito, necessità di mimetizzazione, ci fosse una grande differenza tra l'abbigliamento da parata e quello da guerra. Anzi, gli elementi decorativi, la ricchezza, la complessità, il colore e lo splendore erano utilizzati in battaglia a fini psicologici.

Vero fino a un certo punto: anche senza esigenze di mimetismo, certi "addobbi" avrebbero inutilmente appesantito o addiritura intralciato il combattente. Un popolo guerriero come quello di Roma era molto sensibile a queste esigenze: non a caso era subito pronto ad abbandonare le armi tradizionali, quando quelle del nemico (come nel caso del gladio) si rivelavano più efficienti

Edited by L. Licinio Lucullo
Link to comment
Share on other sites


  • 2 months later...

Se non ricordo male ci fu uno studio sui Denarii repubblicani pubblicato o su Monete Antiche o su Panorama Numismatico,l'anno scorso o qualche anno fa e l'autore parlava anche delle varie caratteristiche dell'elmo raffigurato sulle monete repubblicane.

--Salutoni

-odjob

Link to comment
Share on other sites


Supporter

C'è un bellissimo studio anche in una discussione su questo forum. Dal telefonino non riesco a linkarlo, ma ho messo il link nella discussione sul denario anonimo de "Una moneta al giorno"

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Perdonate la chicca O.T. ma quando l'ho visto non ho saputo resistere.

Molto interessante anzi, grazie
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.