Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
grigioviola

Una siliqua dalla Britannia

post-8339-0-70553900-1443028396_thumb.jp post-8339-0-01647500-1443028465_thumb.jp

Volevo proporvi questa monetina, segno di quanto circolava in Britannia (dove è stata ritrovata).

Non sono riuscito a identificarla e vi chiedo aiuto.

Vi chiedo inoltre se, a vostro avviso, è stata tosata e, quindi, fino a quando può aver circolato e in quale contesto.

Il mondo delle siliquae mi è ignoto ma mi affascina soprattutto se applicato alla fine della presenza romana in Britannia.

Grazie a quanti mi daranno aiuto e mi sapranno dare indicazioni per approfondire la materia!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

ahi ahi ahi… sarà dura. La moneta è abbastanza consunta...

 

Premessa: a mio avviso il rovescio è VOT V MVLT X.

 

Su questa base l’Imperatore potrebbe essere:

GRATIANVS     DN GRATIA-NVS PF AVG

HONORIVS      DN HONORI-VS PF AVG

IOVIANVS        DN IOVIA-NVS PF AVG

IULIANUS        DN IVLIA-NVS PF AVG /  FL CL IVLIA-NVS PP AVG

PROCOPIUS    DN PROCO-PIVS PF AVG

THEODOSIUS I  DN THEODO-SIVS PF AVG

VALENS     DN VALEN-S PF AVG

VALENTINIANUS I  DN VALENTINI-ANVS PA

VALENTINIANUS II DN VALENTINIANVS IVN PF AVG / DN VALENTINIANVS PF AVG

 

A moneta in mano riesci a decifrare parte della legenda?

 

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Ciao...concordo con Illy circa la legenda al rovescio. ..abbastanza tosato..l'attribuzione presuppone qualche indizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domani vedo di fare del mio meglio... Anche se davvero si vede gran poco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niente di strano :)

sono pronto a scommettere che questa pesa 0,95  / 1 grammo...

la Britanni aveva una preferenza per l'argento, pur utilizzandolo più come "bene" che come moneta...

le silique della fine IV e inizio V sec circolarono per un secolo almeno, ribassate allo standard locale che avrebbe poi dato vita alla sceat...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per l'attribuzione, visto il retro, la posizione dei residui di lettere e la faccia, sono indeciso tra Valentiniano I e Teodosio.

il tipo di VOT al retro, per stile, mi fa dire Costantinopoli... la vedi simile sulle silique di Valentiniano I tipo 36b etc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Infatti, guardando la tipologia ero anch'io propenso per Valentiniano I.

Sul peso c'hai preso! 1 grammo tondo, per 13/15 mm di diametro.

I pochi residui di legenda al dritto credo siano più compatibili con Valentiniano che non con Teodosio.

La zecca mi fido di te visto che di occhio per questa tipologia ne hai, dato che in assenza di esergo solo con lo stile si può ipotizzare qualcosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti ho il ricordo di uno stralcio d'articolo che affermava che in Britannia ci sono relativa mente abbastanza monete del periodo valentiniani (forse, ipotizzo, per qualche azione militare di cui non è rimasta menzione nelle fonti).

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi (se ho un po' di tempo) provo a vedere nel libro di Reece cosa dice per il periodo in oggetto e vedo se c'è qualche dato interessante sulle siliquae in Britannia.

Ah... non finirò mai di ringraziare (e maledire per le mie finanze!) questo forum perché mi sta solleticando sempre a sondare terreni inesplorati e ad ampliare il mio orizzonte... pur cercando di mantenere una certa omogeneità d'interesse.

Grazie ragazzi! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in Britannia si trovano valanghe di silique tosate anche per Arcadio e Onorio.... ma non è questo il caso

 

ps - io non l'ho ancora letto bene ma online si trovano:

 

King - late roman silver hoards in britain and the problem of clipped siliquae

 

Burnett - clipped siliquae and the end of roman Britain

 

io li ho, e di principio sono per condividere qualsiasi testo in mio possesso, anche la semplice scansione di una pagina...quindi se avete difficoltà, potete contattarmi su MP senza remore :)

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la segnalazione!

Vedo di recuperarli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

si trova pure

 

"Finds of late roman silver coins from England and Wales" di Bland e Walton (2013)

 

con le statistiche dai ritrovamenti PAS.

 

Ciao

Illyricum

;)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Ciao a tutti

da quello che mi è parso di capire, il ritaglio delle silique era stato deciso  per fissarne un peso standard, anche se ancora non è chiaro se:

1) Il ritaglio fosse stato disposto dall'Autorità Romane e, quindi, era ufficiale, oppure era decisa dalle popolazioni locali;

2) Il ritaglio delle silique fosse fatto in Britannia o sul Continente  Europeo. Probabilmente il ritaglio delle silique era deciso ed eseguito "in situ", anche se non si conoscono gli ufficiali che lo  autorizzavano, in ogni caso, data l'abbondanza delle monete d'argento, era un affare per l'autorità l'emissione delle "clipped siliquae".

Le silique cominciarono ad essere sotterrate, non prima della metà del V° secolo d.c.

Ho capito bene?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per contribuire al post del "Sir" grigioviola (dopo che postiamo tutte 'ste discussioni sulla Britannia ce lo concederanno 'sto titolo?) ecco la mia siliqua "clippata" proveniente dal Regno Unito.

Si tratta di una VRBS ROMANORVM Honorius (residua parte della legenda al dritto con il suo nome ben in evidenza).

Peso 0.9 g , 1,2 mm

 

post-3754-0-42365300-1443127997_thumb.jppost-3754-0-11524500-1443128016_thumb.jp

 

Un bell'esemplare-tipo con il bordo poligonale che presenta... ;)

 

Ciao

Illyricum

:)

 

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bellissimo esemplare! Identificabile e ben conservato.

Eheheh vi comunico che a breve io e Illy saremo convocati a palazzo dalla regina per il titolo di baronetto come i Beatles tempo addietro :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

Siete i Lennon/McCartney della numismatica...io invece, ho simpatie irlandesi :D :D

Bellissima siliqua Illy...

Modificato da eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non escluderei Arcadio che ha un Vot V Mvlt X per Mediolanum.

 

Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visti viso e laccetti, mi sento di dire che Arcadio, pur non impossibile in assoluto, mi pare altamente improbabile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?