Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
appah

Follaro inedito - Ruggero II?

Risposte migliori

appah

Buongiorno,

 

Vorrei condividere la "scoperta" di questa moneta, che secondo me è una tipologia completamente nuova di follaro (o frazione di) di Ruggero II d'Altavilla.

 

La moneta è in rame, ha un diametro massimo di 17mm e pesa 1.32g, quindi in linea con la monetazione in rame di Ruggero dopo la riforma del 1140.

 

La conservazione del pezzo è abbastanza bassa, con schiacciature che impediscono una lettura completa delle impronte, ciononostante lo stile è inconfondibilmente quello dei follari normanni del regno di Sicilia:

 

Lato A: Legenda circolare in caratteri latini o greci: + OTEPC [...] T; al centro una croce greca con i bracci molto spessi. il braccio superiore è unito al cerchio interno da un prolungamento più sottile. Contorno perlinato.

Lato B: Al centro, dentro un cerchio, stella a sei punte da cui partono, a raggiera, 12 linee di legenda cufica. Al centro un globetto.

 

post-3273-0-06396500-1447840432_thumb.jppost-3273-0-68481500-1447840434_thumb.jp

 

Sono mesi che cerco di trovare un senso alla legenda del lato A, senza riuscire a venirne a capo. Penso che una svolta potrebbe venire dall'interpretazione della legenda cufica sul lato B, di cui però gli esperti che ho potuto contattare non hanno saputo dare una lettura.

 

Che ne pensate?

 

Un saluto!

 

Paolo

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ak72

Premetto che non ho identificato la moneta, ma quando ho visto questa moneta la sensazione che ho avuto è:

1) non è di area Italiana

2) possedimenti "d'oltre mare" .... Antiochia o simili

3) potrebbe essere greco? (qualche conferma....  :unknw: )

 

Da: 

Encyclopaedia perthensis, or, Universal dictionary of the arts ..., Volume 16

post-40771-0-75556000-1447849057.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

Quella degli stati crociati è un'ipotesi plausibile, ma spulciando lo Schlumberger, che è l'unico testo che ho a disposizione per questa monetazione, non ho trovato nulla di simile. Di più, lo Sch. non censisce proprio monete con legende greche/latine associate a legende in arabo.

L'oriente latino esta comunque una possibilità, e magari testi più recenti di quello che ho consultato io possono gettare un po' di luce

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adamaney

L'Oriente Latino mi pare proprio di no......... Escluso 100%.

Condivido la pista normanna :)

Modificato da adamaney

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

Già, nel frattempo sono riuscito a consultare il Malloy, e niente anche lì.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Sono anch'io del parere che non si tratta di una moneta degli stati crociati,bisognerebbe vedere fra le monete arabe siciliane,però,nell'ultimo studio pubblicato dalle Edizioni D'Andrea sulle monete arabe siciliane non c'è

 

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Andreas

Per quel poco che vedo e che so, desunto dal MEC, dovrebbe trattarsi di un follaro del tipo di quelli coniati a Messina nel 1145/1146 (MEC 14, n. 221-225A), ma con al dritto il nome di Ruggero scritto non in arabo ma  in greco. Vi si legge abbastanza plausibilmente, infatti, P (croce) OTEP, che sicuramente  sta per ROGER in greco, con la prima rho  e la gamma mal fatte al punto da sembrare entrambe una T. Leggende greche non erano infrequenti a Messina, anche se probabilmente questo incisore stava copiando  le legende greche delle precedenti monete messinesi senza conoscere quell'alfabeto.  Ad occhio sembra interessante

 

 

Saluti,

Andreas

Modificato da Andreas
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

Per quel poco che vedo e che so, desunto dal MEC, dovrebbe trattarsi di un follaro del tipo di quelli coniati a Messina nel 1145/1146 (MEC 14, n. 221-225A), ma con al dritto il nome di Ruggero scritto non in arabo ma  in greco. Vi si legge abbastanza plausibilmente, infatti, P (croce) OTEP, che sicuramente  sta per ROGER in greco, con la prima rho  e la gamma mal fatte al punto da sembrare entrambe una T. Leggende greche non erano infrequenti a Messina, anche se probabilmente questo incisore stava copiando  le legende greche delle precedenti monete messinesi senza conoscere quell'alfabeto.  Ad occhio sembra interessante

 

 

Saluti,

Andreas

 

Sì lo stile del lato B ricorda quello del rovescio del Travaini 245 (http://www.acsearch.info/search.html?id=1196268), ma più ancora quello di alcune kharrube (http://www.acsearch.info/search.html?id=450802).

Quanto alla lettura ROGER in greco, ci avevo pensato ma quella croce fra la R e OGER non ci sta proprio, sembra più una croce di inizio legenda, che quindi inizierebbe con OGER / OTER e finirebbe con G o T :unknw:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

claudioc47
Supporter

@@appah ciao Paolo, ho consultato anche lo Spinelli, ma non ho trovato nulla.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

@@appah ciao Paolo, ho consultato anche lo Spinelli, ma non ho trovato nulla.

 

Ciao Claudio, sì anch'io ho guardato su Spinelli, Tarascio, Sambon, etc. ma non c'è. Se è normanna, e tutto lascia credere che lo sia, è inedita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azaad
Supporter

La moneta è molto interessante .

Onestamente non l'ho mai vista. se siciliana, andrebbe ricondotta, per lo stile e le caratteristiche ponderometriche ad un follaro di ruggero II, ultimo periodo, per messina o bari.

Purtroppo sono fuori per lavoro, per cui vado a memoria. Proveró a confrontare sabato, se nessuno lo ha giá fatto prima, la legenda cufica con quelle delle monete note di Ruggero II.

non conosco le emissioni egli stati crociati, per cui a riguardo non posso affermare nulla.

Modificato da azaad

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anto R

È vero, assomiglia ai MEC 221 - 225A ma lo stile di costruzione della stella è totalmente differente! Infatti in questo caso la stella è formata dall'intersezione delle righe mentre nei follari del 1146/1146 la stella è costruita a sé e le righe si originano dalle sue punte...

Complimenti, moneta sicuramente da studiare!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Andreas

Sì lo stile del lato B ricorda quello del rovescio del Travaini 245 (http://www.acsearch.info/search.html?id=1196268), ma più ancora quello di alcune kharrube (http://www.acsearch.info/search.html?id=450802).

Quanto alla lettura ROGER in greco, ci avevo pensato ma quella croce fra la R e OGER non ci sta proprio, sembra più una croce di inizio legenda, che quindi inizierebbe con OGER / OTER e finirebbe con G o T :unknw:

 

Che l'incisore non conoscesse l'alfabeto greco sembra abbastanza evidente. Quindi il concetto di inizio-legenda doveva essergli abbastanza astruso.... ancor di più se era di lingua e cultura araba e poco avvezzo al simbolo della croce, che forse non distingueva da una lettera qualunque. Le legende cufiche sono corrette o meno? Io non riesco a vederlo, ma questo potrebbe essere importante per capire se si trattava di una emissione messinese ufficiale  poi abbandonata (per l'incapacità di scrivere in greco degli incisori?) oppure un'imitazione od un falso che mescolava prototipi diversi.

Andreas

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Tuttavia non escluderei l'ipotesi di una moneta salernitana ;)

 

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

Ho dei seri dubbi sul dritto. Quel tipo di croce non è presente in nessuna moneta meridionale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

Ho dei seri dubbi sul dritto. Quel tipo di croce non è presente in nessuna moneta meridionale

 

Beh c'è da dire che i normanni con le croci si sono sbizzarriti...

 

post-3273-0-45978300-1447963778_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

@@appah cerca di informarti sulla provenienza della moneta. Il R/ assomiglia anche alle emissioni nordafricane

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

Proviene da area campana.

Guarda il post n. 8, la somiglianza con la kharruba di Ruggero I è indubbia.

Poi croci e legende greche credo siano improbabili su una moneta nordafricana (=Fatimidi), se già le imitazioni arabe dei follis bizantini (VIII secolo) storpiano il più delle volte la croce in una specie di palloncino...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Erano le imitazioni arabe del VII dei solidi e follia bizantini - le prime monete arabe in assoluto prima della grande riforma - a sostituire un palloncino o eliminare tout court il simbolo della croce dalle monete di loro produzione.

Ma la croce compare in successive monete a legenda araba . Stavolta erano i crociati a Gerusalemme a doversi piegare ed emettere moneta sul piede e sui tipi del donar arabo ma lasciando come segno di distinzione una piccola croce

In ambedue i casi e' la moneta - o meglio l' economia - che la vince e impone le sue regole financi alle religioni!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

appah

Già, anche se come tu stesso dici quelle non sono emissioni dei califfati, bensì di principi cristiani negli stati crociati del medio oriente. Infatti per questa moneta non penso si possa escludere l'ipotesi di una coniazione dei crociati. C'è da rilevare però che la forma del tondello, ad ottagono molto irregolare, è la stessa che si ritrova frequentemente nei follari normanni di Messina e Bari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adamaney

Come provavo ad avanzare sopra, penso si possa sgomberare del tutto l'idea degli stati crociati...

Diversamente non vedrei una zecca o un sistema ipotizzabili, così di primo acchito (a meno di essermi perso qualcosa): sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

Ho chiesto aiuto ad un amico che legge tranquillamente il cufico ed esperto di monetazione araba in Sicilia. Mi dice che non è pseudo cufico ma cufico scritto correttamente. Questo avvalora l'ipotesi che sia stata fatta con maestranze arabe che sapevano benissimo cosa scrivere. Il problema è che si legge soltanto l'invocazione religiosa. Le parole che si distinguono sono: messaggero...e poi: Se non Dio.

Non c'è riferimento a zecca o a un regnante.

Modificato da vox79
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dean Martin

Buongiorno,

 

Vorrei condividere la "scoperta" di questa moneta, che secondo me è una tipologia completamente nuova di follaro (o frazione di) di Ruggero II d'Altavilla.

 

La moneta è in rame, ha un diametro massimo di 17mm e pesa 1.32g, quindi in linea con la monetazione in rame di Ruggero dopo la riforma del 1140.

 

La conservazione del pezzo è abbastanza bassa, con schiacciature che impediscono una lettura completa delle impronte, ciononostante lo stile è inconfondibilmente quello dei follari normanni del regno di Sicilia:

 

Lato A: Legenda circolare in caratteri latini o greci: + OTEPC [...] T; al centro una croce greca con i bracci molto spessi. il braccio superiore è unito al cerchio interno da un prolungamento più sottile. Contorno perlinato.

Lato B: Al centro, dentro un cerchio, stella a sei punte da cui partono, a raggiera, 12 linee di legenda cufica. Al centro un globetto.

 

attachicon.gifD.JPGattachicon.gifR.JPG

 

Sono mesi che cerco di trovare un senso alla legenda del lato A, senza riuscire a venirne a capo. Penso che una svolta potrebbe venire dall'interpretazione della legenda cufica sul lato B, di cui però gli esperti che ho potuto contattare non hanno saputo dare una lettura.

 

Che ne pensate?

 

Un saluto!

 

Paolo

Ciao,

questa monetina costituisce un bel rompicapo, non ho mai visto nulla di simile, per me è inedita.

Intorno alla croce non mi pare che si possa leggere il nome "Rogerios", perchè fra la "ro" e la "o" c'è la crocetta che segna solitamente l'inizio della leggenda, ed è perfettamente in linea con l'asta verticale della croce e la leggenda di solito inizia a ore 1, non a ore 11.

lo stile è quello delle monete normanne di Sicilia e la parte cufica ripropone lo stesso schema di alcune karrube. La moneta è ben conservata, ma mal coniata, e i caratteri cufici chiari sono troppo pochi per riuscire a ricostruire la leggenda. Da quel po' che si vede, si tratta quasi sicuramente della professione di fede islamica. Non c'è alcun accenno al nome dell'autorità emittente, ma dallo stile mi sento di poterla attribuire a Ruggero II.

Saluti!

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×