Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
foti.l

Toscana Varianti del Tollero per Livorno anno 1697 - 1698

Risposte migliori

foti.l

Nei coni del Tollero col porto di Livorno sono riscontrabili numerose varietà nel busto del Granduca e nelle leggende del dritto.

Il busto del Granduca varia da più piccolo a più grande e con i lineamenti e capigliatura diversa.

Il rovescio ha sempre la stessa leggenda "ET PATET ET FAVET" riferita al porto di Livorno che si spalanca ed è propizio.

Anche il R/ ha delle piccole e trascurabili diversità inerenti il paesaggio della città fortificata e delle navi.

Le varianti più apprezzabili sono quelle dell'anno 1697 e 1698 e riportate dal Di Giulio al n° 138 e n° 139 e classificate R/2.

Nel rovescio in prossimità della base del faro manca il vascello, così come manca la bandiera sul faro e sul forte all'imboccatura del porto.

Vi allego i miei esemplari in buona conservazione e provenienti dall'asta Negrini n.20 e Nomisma n.37.post-44437-1448052252,94_thumb.jpgpost-44437-1448052269,87_thumb.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fofo

Luciano buongiorno,

Che spettacolo da osservare, bhé che dire..

Sono molto belle e rare, ben centrate, mi piace particolarmente il 1697 con la cordonatura in grande rilievo al rovescio senza vascello e bandiera, bella nitida per il tipo che di solito si trova bassa di conio o mal coniata.

Credo siamo sullo splendido per entrambe le varianti che possiedi.

Su Livorno sei un mago..complimenti un saluto

Rodolfo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fofo

Aggiungo anche che da come da te accennato, le tue sono le varianti con la capigliatura più in rilievo, più scultorea di Cosimo III di cui esistono invece varianti più basse di conio e dettagli diversi al rovescio.

A quanto pare ti piacciono al di là delle conservazioni super anche le belle conservazioni ma con ottimi ritratti dei lineamenti del Granduca.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

foti.l

Grazie...in collezione ho anche molte monete in conservazione BB con belle patine ma che hanno lo stesso fascino di quelle Spl o Fdc.

Come dici Te è il colpo d'occhio che ti fa apprezzare la moneta.

Saluti

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fofo

Ci vuole anche esperienza per farsi un buon punto di vista e migliorare così il colpo d occhio.

@@dabbene sarà sicuramente dietro Verona..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Ciao,

no dai a Verona vado venerdì... :blum:, più che altro seguo Parma in verità, ricordatevi comunque anche della discussione dei tempi sui tolleri di Livorno....ce n'erano anche lì.....

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fofo

consiglio a @@foti.l.I di leggere anche questa discussione sulle Livornesi fatta da Mario il cordinatore qualche tempo fa e dove magari puoi aggiungere le tue due belle monete o riprenderla penso se ti va in futuro..

 

http://www.lamoneta.it/topic/108532-tollero-col-porto-per-livorno/?hl=+tollero%20+col%20+porto%20+livorno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

foti.l

Grazie ma avevo già letto l'ottima è utile ricerca di Dabbene.

Ora mi scuso perché ho poco tempo ma vi anticipo foto del tollero più raro di tutta le serie e illustrato dal Di Giulio al n°146.

Modificato da foti.l
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fofo

Questo é un sogno!! bellissima moneta, che invidia!!

Rarissima , introvabile...

Di altissima qualità e patina di raccolta..

Complimenti

Rodolfo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Complimenti @@foti.l.I, qui siamo nei top dei top per questa moneta, personalmente rarità a parte e splendida conservazione, trovo più affascinante questa rappresentazione di Cosimo III che le prime in cui viene raffigurato più giovane.

Il labbro, il mento, il busto piccolo, in questa moneta c'è una precisa scelta di voler essere raffigurato in modo reale, nella senilità, nella decadenza, una scelta sappiamo non da tutti che invece spesso volevano belle rappresentazioni, quindi anche una svolta sicuramente concordata e diciamola coraggiosa.

Complimenti ancora per averci fatto vedere questo entusiasmante ritratto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×