Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
ARES III

Troppo bella per essere vera

Risposte migliori

ARES III

Come molti ormai avranno visto, sono un appassionato (dilettante, ci tengo a precisare) della monetazione degli Eravisci.

In questi giorni mi è capitato di vedere (solo purtroppo da foto) una moneta molto interessante proprio degli Eravisci (peso e dimensioni regolari) della tipologia Roscius Fabatus.

Apparentemente nulla di strano, ma mi sono venuti dei dubbi in merito al dritto della moneta, cioè dove è raffigurata Giunone , perché mi pare di intravedere delle incongruenze:

 

1- questa tipologia di Giunone non compare in nessuna collezione storica (Lanz, Freeman, ......)

2- la foglie è parallela alla testa, invece di essere leggermente obliqua,

3- per non parlare dello straordinario stato di conservazione del volto, con fin troppi particolari.

 

Invito tutti ad intervenire.

 

Grazie.

 

ARES III

 

PS: auguro a tutti buone feste

post-35490-0-88324800-1450792596_thumb.j

post-35490-0-06948700-1450792627.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ARES III

Vi allego un mio schemino nel quale cerco di suddividere le varie varianti dei dritti e dei rovesci della Roscius Fabatus repubblicana, ma come noterete il dritto non c'è.

Quindi siamo di fronte ad una rarità-unica, o forse è il prodotto di qualche galantuomo contemporaneo?

post-35490-0-83462800-1450793067_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ARES III

Gli Eravisci sono una popolazione Celtica stanziata presso la riva sinistra del Danubio in prossimità della città di Buda (Ungheria).

L'anno di emissione è un po' arduo da stabilire, essendo monetazione imitativa deve essere per forza posteriore a quella ufficiale repubblicana.

@@dux-sab se sei interessato ci sono alcune discussioni di g.aulisio ed alcune mie, nelle quali puoi avere maggiori informazioni sulla tematica generale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

g.aulisio

A parte la buona conservazione ed il fatto che non siano stati utilizzati conii frusti, elementi eccezionali per il tipo, ma che non rappresentano di per sé un'anomalia, non vedo al livello della rappresentazione e dello stile aspetti che possano rappresentare campanelli d'allarme. Anzi.

 

Ma vale il solito discorso, auspicabile per tutte le monete, ma che per le imitative diviene imprescindibile: andrebbe vista in mano o almeno attraverso foto ad alta definizione. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×