Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Giano

AG ancora una sconosciuta!!

Risposte migliori

Giano

questa è un'altra moneta che mi ha dato qualche problema, forse per quella sorta di contromarca al D/.

peso: 3,17g.

diametro: 14mm

ciao e grazie a chi risponde!

post-2934-1160127943_thumb.jpg

post-2934-1160127966_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Ciao Giano, al rovescio cosa ti sembra di vedere??

E' molto importante, ai fini dell'identificazione. :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori

L'immagine non é delle migliori...

ho provato ad ingrandire....

sarebbe interessante sapere che immagine rappresenta la contromarca...una conchiglia? una ruota?...

Marco

Modificato da cori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

io avevo pensato ad un tripode, tipo neapolis, dato che si intravedono anche delle lettere sui due lati. ma nulla di sicuro.

la contromarca sembra essere una ruota o una stella.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Anche a me pare di vedere un tripode, ma certo non è chiaro. :(

Per quanto riguarda la monetazione di Neapolis, la escluderei, visto che non si tratta nè del volto di Apollo o comunque maschile nè di un busto femminile, ma di un volto femminile a destra.

E' molto strano, sembra che al rovescio una parte sia incusa. :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Qualla specie di globetto sopra al presunto tripode mi fa pensare anche ad alcuni bronzi di Cyzicos in Mysia, ma il peso è un pò bassino, visto che con questa iconografia andavano da un massimo di quasi 30 grammi, a un minimo di 5 circa. :(

post-981-1160137018_thumb.jpg

post-981-1160137108_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

credo che suiamo ancora lontani...cmq grazie per i tentativi fatti fino ad ora.

cmq credo che si tratti di una moneta rimaneggiata sia al D che al R. hai ragoone a dire che sembra in parte incusa ho avuto la stessa impressione.

spero in altri tentativi.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lucano

quel tripode mi ricorda un bronzetto di thurium se non fosse per la contromarca <_< ...un bronzetto simile mi pare anche di averlo visto su un catalogo d'asta assegnato a una zecca siceliota...forse taormina,boh nn ricordo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lucano

mi pare di vedere abbastanza chiaramente una upsilon,che farebbe pensare al toponimo thourio(n)...bisognerebbe cercare di capire cosa precede e cosa segue la upsilon,forse si intravede un teta sotto la upsilon(spesso l'omicron è omesso per thuri)però non ne sono troppo sicuro.....tienici aggiornati! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

potrebbe essere, ma purtroppo la conservazione non aiuta.

grazie comunque.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Thurium credo sia da scartare, bronzi simili pesano circa 6 grammi, inoltre presentano al dritto Apollo. :(

L'ipotesi siciliana potrebbe essere da seguire. <_<

Modificato da miglio81

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano
L'ipotesi siciliana potrebbe essere da seguire.

quindi che dici?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Dico che mi ricorda molto alcuni bronzi di Syracusa di peso simile coniati sia sotto Agatocle II, sia sotto il dominio romano dopo al 212 a.C. ma sempre con Apollo al dritto.

Ma l'ipotesi che si avvicina di più iconograficamente è quella di Centuripae e in partocolare una tetras dal peso variabile tra i 3 e i 4 grammi che al dritto presenta Artemide a destra.

Ma continua a non soddisfarmi.

La mia opinione è che questa moneta sia stata lavorata e modificata più volte dopo la sua nascita e per questo non sarà facile identificarla. :(

post-981-1160223753_thumb.jpg

Modificato da miglio81

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

invece mi sa che è prorpio lei...

purtroppo dalle foto non si vede benissimo, ma dal vivo ti assicuro che il D è proprio quello di Centuripae.

grazie mille miglio...come al solito. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

Con tutto il rispetto e la stima che nutro per Miglio81, ho l'impressione che le differenze tra la moneta di Giano e l'esemplare proposto per la classificazione, siano di gran lunga maggiori delle somiglianze.

La prima che mi viene in mente è la lettera superstite sull'esemplare di Giano che no trova riscontro nella moneta di Centuripae.

La forma del tripode mi sembra inoltre diversa, ad esempio l'intreccio tra le gambe ed la forma dei piedi delle stesse (tra parentesi, secondo me il rovescio di Giano va visto capovolto di 180°).

Anche il dritto mi sembra diverso. Personalmente ci vedo Apollo, per quanto la pettinatura appare molto femminile, ma in alcune zecche questo accade; ad esempio a Pella in Macedonia il Moushmov riporta: 6447 Apollo’s head, his hair combed like a woman’s, right.

Anche la presenza della contromarca mi rende scettico sull'area della Magna Grecia o Siciliana e mi fa più pensare all'area Macedone o della Tracia.

Comunque queste sono solo considerazioni personali basate sulla non facile visione della moneta di Giano ed non ho una classificazione migliore da offrire in alternativa. Suggerirei solo di non interrompere la ricerca, tenendo presente anche le emissioni Selucidiche.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Con tutto il rispetto e la stima che nutro per Miglio81, ho l'impressione che le differenze tra la moneta di Giano e l'esemplare proposto per la classificazione, siano di gran lunga maggiori delle somiglianze.

La prima che mi viene in mente è la lettera superstite sull'esemplare di Giano che no trova riscontro nella moneta di Centuripae.

La forma del tripode mi sembra inoltre diversa, ad esempio l'intreccio tra le gambe ed la forma dei piedi delle stesse (tra parentesi, secondo me il rovescio di Giano va visto capovolto di 180°).

Anche il dritto mi sembra diverso. Personalmente ci vedo Apollo, per quanto la pettinatura appare molto femminile, ma in alcune zecche questo accade; ad esempio a Pella in Macedonia il Moushmov riporta: 6447 Apollo’s head, his hair combed like a woman’s, right.

Anche la presenza della contromarca mi rende scettico sull'area della Magna Grecia o Siciliana e mi fa più pensare all'area Macedone o della Tracia.

Comunque queste sono solo considerazioni personali basate sulla non facile visione della moneta di Giano ed non ho una classificazione migliore da offrire in alternativa. Suggerirei solo di non interrompere la ricerca, tenendo presente anche le emissioni Selucidiche.

Luigi

159430[/snapback]

Ciao Luigi...penso che hai postato l'unica moneta che può assomigliare a quella postata da Giano, non so se il modulo ed il peso corrispondono, ma é veramente molto similare... ho cercato anche io nelle monete della Magna Grecia e della Sicilia ed ho visto che le monete con contromarca specialmente in Sicilia sono poche (ho trovato Agrigento)...

Credo, come sempre, che hai indicato la via giusta da seguire...

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Concordo con te Luigi, infatti anche a me non convinceva e c'erano differenze troppo grandi. :(

Al contrario l'esemplare che hai postato sembra proprio la moneta in questione. <_<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

grande Luigi!!

io con Centuripae ci vedevo solo una somiglianza con il D, ma con quetsa moneta postata da te devo ricredermi!!

grazie mille e complimenti.

mi dici i riferimenti e l'area di provenienza e magari anche dove posso vedere qualcosa che riguarda quella contromarca?

ancora grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

L'immagine che ho allegato (era comunque solo un esempio, non una ipotesi di classificazione della moneta) è stata emessa dalla zecca di Kallatis o Callatis in Tracia. Le emissioni di questa zecca sono spesso contromarcate sul volto di Apollo (a volte con una piccola testa di Apollo!).

Non ho informazioni sulla contromarca in questione; forse ti potrebbe aiutare chi possiede l'Howgego (Greek Imperial Countermarks, C. Howgego) o una sua ristampa.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

sarà solo un ipotesi ma quadrano molte cose...

per l'Howgego posso vedere in biblioteca in facoltà ci sarà sicuramente.

grazie ancora.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×