Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Ugo

9 e 10 Paoli

Risposte migliori

Ugo

Salve, mi rivolgo come al solito ai superesperti per avere qualche informazione storica su queste due "banconote".

Grazie!! :)

post-3320-1160417385_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apulian

Be', sull'assegnato due parole posso dirtele anche io :P :o :)

furono creati durante la rivoluzione francese, fine '700, e in pratica erano banconote il cui valore nominale era garantito dalle proprietà terriere e immobiliari confiscate all'aristocrazia e al clero.

L'idea era buona, ma naufragò quando i rivoluzionari si misero a stampare tonnellate di banconote..... con conseguente svalutazione degli assegnati.

Il tuo assegnato è della Repubblica Romana, sorta a fine '700 durante il (breve) periodo in cui il papa fu cacciato; gli anni Sesto e Settimo indicati sono quelli trascorsi dall'inizio della rivoluzione: credo, quindi, siano 1798 e 1799. Fruttifero non si riferisce agli interessi, ma è un mese (non ricordo quale) del calendario rivoluzionario

I beni enfiteutici sarebbero i latifondi "sequestrati" ai nobili, il cui valore garantiva la solvibilità dell'assegnato.

Questa la storia in generale, come al solito attendo (attendiamo) Petronius per i dettagli e tutto il resto :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ugo

In attesa del "sommo" Petronius, ritengo comunque molto interessante quanto mi hai detto!!

Grazie!!

Sapete anche dirmi un valore indicativo di questi assegnati? Li ho pagati 15 EURO tutti e due. (Troppo?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Per l'assegnato apulian ha già detto tutto :)

Il primo biglietto è emesso dal Sacro Monte di Pietà, sempre nel periodo della Prima Repubblica Romana.

Il Sacro Monte di Pietà, insieme al Banco di S. Spirito, curò la prima emissione di cartamoneta nello Stato Pontificio; correva l'anno 1785 quando, a causa della penuria di moneta metallica, Pio VI autorizzò l'emissione di "cedole" in scudi romani, in apparenza simili, ma in realtà con una varietà di oltre 2000 tipi, stante in primo luogo la distinzione tra i due Istituti, il taglio (da 3 a 3000 scudi) e le date di emissione (dal 1785 al 1797).

L'inevitabile inflazione generata dall'enorme quantità di cedole emesse fu affrontata dalla Repubblica Romana con la demonetizzazione dei tagli più alti e la riduzione di valore degli altri.

E qui si inserisce il tuo biglietto: la demonetizzazione riguardava le cedole di taglio superiore ai 35 scudi, per le altre ci fu una prima riduzione di valore ad un terzo, seguita da una seconda ad un quindicesimo: questo spinse i Banchi a introdurre una monetazione cartacea spicciola, denominata "resti" in luogo di quella metallica.

Il prezzo di 15 euro per entrambi è sicuramente buono; in particolare il "resto" da 10 paoli è classificato raro nel catalogo Gavello, mentre comune è l'assegnato.

petronius B)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ugo

Grazie mille!!!!

Come sempre più che esaurienti!!!! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×