Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Claudius

Denari degli Ottoni

Ciao amici

c'è qualche pubblicazione specifica sui denari degli Ottoni?

Ma come mai se ne vedono battuti sempre e solo a Pavia, immagino che ci fossero altre zecche, come mai non se ne vedono in giro?

Grazie come sempre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non conoco la monetazione del periodo e forse sparo una balla, ma mi sembra di avere visto dei denari di Lucca a nome OTTO Imperator. Se poi ne esistano altre ancora non so.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Giuseppe :)

si ne esistono anche di Milano per esempio, ma quello che mi sembra strano è il fatto che se ne vedano sempre cos' tante di Pavia e rarissimamente di altre zecche.

E anche i ritrovamenti casuali e i depositi sparsi per l'Italia contengono quasi sempre denari della zecca di Pavia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma come mai se ne vedono battuti sempre e solo a Pavia,

Alla base va considerato il fatto che nel periodo le zecche imperiali in Italia erano solo quattro: Milano, Pavia, Lucca e Venezia.

DF

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Adamaney :)

mi sai dire qualcosa relativamente alla grande diffusione monetaria della zecca di Pavia rispetto alle altre?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono molto dentro alla materia, che esula un po' dal mio periodo di studio e tocca solo marginalmente l'area ligure. Gli Ottoni non coniarono che a Pavia, Lucca e Milano (Roma a parte, beninteso) perché non vi erano altre zecche autorizzate; non so se vi siano lavori atti a spiegare l'assenza degli Ottoni dall'officina di Venezia. Il fatto che siano sovrabbondanti le monete per due sole zecche ha con ogni probabilità una spiegazione economica che posso soltanto ipotizzare (maggiore vivacità commerciale o demografica dell'area Tirrenica in rapporto al circolante in quel momento specifico, rispetto alle altre officine, che forse non avevano deficit di moneta)

DF

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono molto dentro alla materia, che esula un po' dal mio periodo di studio e tocca solo marginalmente l'area ligure. Gli Ottoni non coniarono che a Pavia, Lucca e Milano (Roma a parte, beninteso) perché non vi erano altre zecche autorizzate; non so se vi siano lavori atti a spiegare l'assenza degli Ottoni dall'officina di Venezia. Il fatto che siano sovrabbondanti le monete per due sole zecche ha con ogni probabilità una spiegazione economica che posso soltanto ipotizzare (maggiore vivacità commerciale o demografica dell'area Tirrenica in rapporto al circolante in quel momento specifico, rispetto alle altre officine, che forse non avevano deficit di moneta)

DF

166283[/snapback]

Bisogna tenere conto della posizione ambigua di Venezia, che stava con un piede a Costantinopoli ed uno nell'Impero: giocava a rimpiattino con entrambi per infine fare i comodi suoi. La cosa comunque mi stuzzica, farò qualche ricerca in materia. Grazie per l'ispirazione! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caro Claudius,

il top sull'argomento l'ha scritto Michael Matzke, insigne studioso tedesco, nel suo articolo che inizia, se non mi sbaglio, con "Vum ottolinus zum grossus...". In esso cataloga in modo più preciso tutti i denarini lucchesi alla luce dei ritrovamenti archeologici. Un'altra studiosa che si sta occupando dell'argomento, la cui tesi di laurea è stata recentemente pubblicata dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, è Cristina Cicali, ricercatrice dell'Università di Siena. Il suo lavoro è sui ritrovamenti monetali del castello minerario di Rocca S.Silvestro.

Spero di essere stato esaustivo.

ciao!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?