Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
cliff

Un ibrido sconveniente: Crispo con Licinio

Inviato (modificato)

Recentemente in un lotto multiplo di area francese mi sono imbattuto in questa curiosa moneta di cui allego le foto. Pesa 2,7 grammi per 18mm.

 

post-2689-1460218277,65_thumb.jpg post-2689-1460218297,31_thumb.jpg

post-2689-1460218333,6_thumb.jpg post-2689-1460218358,23_thumb.jpg

 

 

Inizialmente non riuscivo proprio a catalogarla, ma poi ho capito che la ragione era l'abbinamento di un dritto di Crispo (CRISPVS NOB CAES) con un rovescio che la legenda assegnava con pochi dubbi a Licinio (D N LICINI AVGVSTI). Che cosa curiosa!

Anche perché i due se non ricordo male erano proprio nemici: con Crispo che ha passato buona parte della sua vita in campagne di guerra contro Licinio come comandante dell'esercito del padre Costantino.

Una moneta "sconveniente" dunque, se confermata, che non avrebbe sicuramente fatto piacere a Crispo (ma neanche a Licinio...), almeno nell'ultimo periodo. ;)

Ma come è potuta avvenire la creazione di questa moneta? Soprattutto dove e quando?

A livello temporale le due facce della moneta a che anni possono essere ricondotte? C'è possibile coerenza temporale?
E a livello di zecche? Il rovescio di Licinio è riconducibile ad Arles (SA in esergo), è corretto?

Mi sono accorto solo oggi della particolarità di questa moneta (sto a poco a poco catalogando anche con il vostro aiuto le monete del lotto) ma non ho avuto ancora il tempo di studiarla a fondo, non sono peraltro neanche uno specialista del periodo.

Grazie quindi a tutti gli amici del forum che vorranno unirsi al suo studio ed approfondirne insieme le implicazioni. Potrebbe nascerne spero una discussione interessante. :)

Modificato da cliff
Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ciao @@cliff ,

lo specialist principe per il periodo è @@Nikko ma provo a mettere giù qualche dato. E la mia opinione. Partendo dal concetto che dalle caratteristiche  mi pare un'emissione ufficiale.

 

  • 316 – 1 marzo 317: guerra tra Licinio e Costantino. Vittoria (a Mardia) del secondo con cessione delI’Illiria e uccisione del casus-belli Aurelio Valerio Valente.  
  • Nel periodo 317-324 tra Costantino e Licinio vi è apparentemente la pace, che nell’ultimo periodo diviene una sorta di “guerra fredda”. Crispo, Costantino II e Licinio II sono i cesari.
  • Nel 321-322 vengono emesse ad Arles monete con legende IMP LICI-NIVS AVG /  DN LICINI AVGVSTI VOT XX - SA (RIC VII Arles 229). Ma pure quelle dedicate a Costantino e una a nome di Crispo in onore del padre (legenda CRISPVS NOB CAES con rovescio DN CONSTANTINI MAX AVG – P star A). Si tratta di una not-in RIC rated R5 che dovrebbe essere al Kendal Museum, Lake District, England.                                               Vi sono poi pure le emissioni di Crispus CAESARVM NOSTRORVM VOT V.
  • Nel 324 dopo un paio di anni di schermaglie la guerra tra Licinio e Costantino riprende.

Collocherei quindi la moneta nelle emissioni del 321-322. Essendoci solo una R5 di Crispo a nome del padre e nessuna evidenza per Licinio, l’unica ipotesi che mi sovviene è che si tratti di un ibrido involontario tra un conio col ritratto di Crispo e quello del RIC 229 immesso comunque inconsciamente nel flusso monetale. Quest’ultima è una moneta comune (C 2) e quindi fu emessa in buon numero.

 

Questa, ripeto, è l'unica ipotesi che mi sovviene.

 

Ciao

Illyricum

;)

Modificato da Illyricum65
Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie @@Illyricum65 !

Anch'io credo che la cosa piu' probabile sia l'opzione ibrido involontario tra un RIC 229 di Licinio e un dritto di Crispo.

Il risultato è questa strana combinazione tra due personaggi che appartenevano a fazioni opposte.

Anche a me parrebbe produzione ufficiale e autentica. L'errore nell'accoppiamento dei conii dovrebbe essersi prodotto nella zecca di Arles, giusto?

@@grigioviola che impressione ne ha?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Esatto! Se osservi i rovesci DN LICINI AVGVSTI VOT XX SA in essergo che trovi sul web ci siamo come confronto. Idem per i diritti CRISPVS NOB CAES ... il tutto riferito ad Arelate, chiaramente.

Il risultato è questa strana combinazione tra due personaggi che appartenevano a fazioni opposte.

Al momento dell'emissione erano contrapposte ma non così chiaramente, infatti Costantino emette monete anche a nome del "collega". Si erano bastonati qualche anno prima e attendevano la scusa per una "resa dei conti"...

Bella combinazione, aggiunge interesse ad una moneta altrimenti comune.
Ciao
Illyricum
;)

Modificato da Illyricum65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avete già detto tutto voi :)

Un ibrido ufficiale e piuttosto raro...in realtà è proprio il primo che vedo. Di solito trovo accoppiati Costantino I e i "suoi" Cesari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?