Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Legio II Italica

Tito e l' eruzione del Vesuvio

Nel leggere un recente post apparso nella sezione Monete Imperiali Romane , mi e' sorta spontanea la curiosita' di sapere se e quali misure di soccorso siano state prese da Tito nei giorni successivi alla devastante eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei , Ercolano e Stabia . L' unica fonte vicina ai fatti e' quella di Svetonio che scrisse le Vite dei dodici Cesari ; quando il Vesuvio erutto' era un bambino di nove anni per cui qualcosa forse ricordo' direttamente della catastrofe , quindi leggendo la Vita di Tito , tomo VIII , 3-5 , veniamo a sapere che :
"Durante il suo principato accaddero alcune sciagure fortuite e dolorose , come l' eruzione del monte Vesuvio in Campania , un incendio della durata di tre giorni a Roma e ancora una epidemia piu' grave di tutte le precedenti . In tante e tali calamita' dimostro' non solo la sollecitudine propria di un principe , ma anche un singolare affetto paterno , sia quando consolava la popolazione con i suoi editti , sia quando portava tutti gli aiuti che erano in suo potere . Trasse a sorte tra i consolari coloro che dovevano incaricarsi della restaurazione della Campania ; per la riedificazione delle citta' distrutte uso' i beni di quelli che erano periti nell' eruzione del Vesuvio senza lasciare eredi ........" 
Svetonio purtroppo non e' molto espansivo nel raccontare realmente lo stato delle tre citta' distrutte , ma probabilmente cio' non rientrava nello scopo dell' opera . Altra testimonianza più rilevante su ciò che accadde in quei giorni è data da Plinio il Giovane che si trovava in quei giorni a Miseno con la sua famiglia e che trent' anni dopo descrisse l' evento all' amico Tacito :
« Si elevava una nube , ma chi guardava da lontano non riusciva a precisare da quale montagna : nessun' altra pianta meglio del pino ne potrebbe riprodurre la forma . Infatti slanciatosi in su in modo da suggerire l' idea di un altissimo tronco , si allargava poi in quelli che si potrebbero chiamare dei rami »
In questa lettera Plinio il Giovane riferì anche le testimonianze sulla morte dello zio Plinio il Vecchio . Lo zio si era diretto ad Ercolano per andare ad aiutare la famiglia dell' amico Cesio Basso : egli provò a raggiungere la località vesuviana via mare , ma dovette cambiare rotta a causa del ritiro improvviso delle acque , per cui si diresse verso Stabia dove approdò , facendosi ospitare da Pomponiano . Tuttavia, anche questa cittadina venne colpita dalle ceneri e lapilli del vulcano e , soffocato dai vapori tossici , Plinio il Vecchio vi trovò la morte .
In una seconda lettera a Tacito descrisse ciò che accadde a Miseno . Egli racconta delle scosse di terremoto avvenute giorni prima , e la notte dell' eruzione , le scosse : «crebbero talmente da far sembrare che ogni cosa [...] si rovesciasse . Inoltre , pareva che il mare si ripiegasse su se stesso , quasi respinto dal tremare della terra così che la spiaggia s' era allargata e molti animali marini giacevano sulle sabbie rimaste in secco».
Plinio il Giovane, suo nipote, ce lo rappresenta come un uomo dedito allo studio ed alla lettura, intento ad osservare i fenomeni naturali ed a prendere continuamente appunti, dedicando poco tempo al sonno ed alle distrazioni.
Il racconto della sua morte , contenuto in una lettera del nipote Plinio il Giovane , ha contribuito all' immagine di Plinio come protomartire della scienza sperimentale , anche se , sempre secondo il resoconto del nipote , si espose al pericolo anche per recare soccorso ad alcuni cittadini in fuga dall' eruzione . Il presunto teschio di Plinio il Vecchio è conservato nella sala Flajani del Museo storico nazionale dell' arte sanitaria a Roma .

Altre poche notizie in Cassio Dione .

post-39026-0-19056900-1460357683_thumb.p

Piace a 6 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Impressionanti le testimonianze di Plinio , specialmente quella relativa al ritiro del mare che mise in secco sulla spiaggia allargatasi a spese del mare , pesci morenti , al quale effetto segui' sicuramente quello che oggi chiamiamo uno tsumani .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quando percorri il tratto di autostrada che passa alle pendici del Vesuvio non puoi far altro che ammirarlo nella sua maestosita,anche in cuor tuo pensi speriamo che si faccia i fatti suoi.Adesso leggendo cio che hai scritto credo che si viaggera' ai limiti della velocita'.Pero' per chi lo visita è sempre una bella emozione e noti che il popolo che vive ai suoi piedi non sembra per niente preoccuparsi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quando percorri il tratto di autostrada che passa alle pendici del Vesuvio non puoi far altro che ammirarlo nella sua maestosita,anche in cuor tuo pensi speriamo che si faccia i fatti suoi.Adesso leggendo cio che hai scritto credo che si viaggera' ai limiti della velocita'.Pero' per chi lo visita è sempre una bella emozione e noti che il popolo che vive ai suoi piedi non sembra per niente preoccuparsi.

 

Bisogna dire che oggi il Vesuvio e' costantemente sotto controllo dei vulcanologi . Purtroppo e' anche risaputo che la camera magmatica sotto il vulcano e' immensa e attiva e un giorno lontano la pressione interna fara' saltare il tappo che attualmente chiude la bocca del Vesuvio e come un tappo di spumante saltera' , allora saranno .......dolori . 

Meglio l' Etna che e' un gigante quasi innocuo perché non esplosivo , ma piu' effusivo .    

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bisogna dire che oggi il Vesuvio e' costantemente sotto controllo dei vulcanologi . Purtroppo e' anche risaputo che la camera magmatica sotto il vulcano e' immensa e attiva e un giorno lontano la pressione interna fara' saltare il tappo che attualmente chiude la bocca del Vesuvio e come un tappo di spumante saltera' , allora saranno .......dolori . 

Meglio l' Etna che e' un gigante quasi innocuo perché non esplosivo , ma piu' effusivo .    

 

Ciao,

metto il link di questo interessante articolo di Giovanni Guadagno:  Il viaggio di Plinio il Vecchio verso la morte, in Rivista di Studi Pompeiani, VI, 1993-4, pp. 63-76. Il primo è l'indice del volume.

http://www.amicidipompei.com/riviste/1255512398.pdf

https://books.google.it/books?id=wRvBjnz_i7YC&pg=PA63&lpg=PA63&dq=Il+viaggio+di+Plinio+il+Vecchio+verso+la+morte&source=bl&ots=_ZMlUX6rtL&sig=2fRznjRvmF-eySLQrdlmG9J-evM&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwiS5NH4_4rMAhUBOBQKHTABBy4Q6AEIHTAA#v=onepage&q=Il%20viaggio%20di%20Plinio%20il%20Vecchio%20verso%20la%20morte&f=false

Viene approfondito molto bene il "rapporto" fatale tra Plinio e il Vesuvio.

Per quanto riguarda invece Tito, voglio evidenziare un'epigrafe che ha in realtà un'importanza storica notevole, per quanto sembri totalmente folkloristica... incisa nella latrina della "casa della Gemma" di Ercolano recita così:

 

Apollinaris medicus Titi imp(eratoris) / hic bene cacavit. CIL IV, 10619.

 

post-43481-0-03965000-1460530706_thumb.j

 

https://sites.google.com/site/ad79eruption/herculaneum-1/insula-oi/house-of-the-gem

 

La questione è ben sviscerata dal Guadagno nella nota 45 del testo da me citato:

post-43481-0-71923400-1460530396.jpg

 

Davide

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante anche il ricordo del tremendo sisma del 5 febbraio del 62 che colpi tutta la zona di Pompei e dintorni , avvenuto diciassette anni prima dell’ eruzione del Vesuvio . Seneca nella sua opera “Questioni Naturali” ci ha tramandato il ricordo dei gravissimi danni causati a Pompei dal terremoto , con vittime e crolli di edifici e con il conseguente abbandono della citta’ da parte di molte famiglie nobili .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@@Legio ti pongo una domanda che mi incuriosisce, prima dell'eruzione del Vesuvio i romani non avevano nessuna conoscenza della pericolosita' dei vulcani? Altrimenti nei giorni prima  con segnali evidenti di una probabile eruzione si sarebbero allontanati ,forse  nell'antichita' fenomi del genere non erano tenuti in considerazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@@Legio ti pongo una domanda che mi incuriosisce, prima dell'eruzione del Vesuvio i romani non avevano nessuna conoscenza della pericolosita' dei vulcani? Altrimenti nei giorni prima  con segnali evidenti di una probabile eruzione si sarebbero allontanati ,forse  nell'antichita' fenomi del genere non erano tenuti in considerazione.

 

Salve @@Liamred00 , hai sbagliato il mio nickname che arrivera' invece a Legio .

I Romani conoscevano bene la pericolosita' dei vulcani ma come sai erano anche molto religiosi , pensavano che offrire cerimonie ed offerte agli dei della Terra li preservassero o almeno in parte dai disastri di eruzioni e terremoti ; molte volte scienza e religione non si incontrano .

E' in pratica lo stesso che avviene oggi , si e costruito vicino al Vesuvio pur sapendo che un giorno eruttera' nuovamente , la sola differenza e' che al giorno d' oggi le strumentazioni che monitorizzato il vulcano potrebbero fare presagire una eruzione dando l' allarme alla popolazione , ma inevitabilmente ci saranno come minimo danni alle costruzioni . L' ultima eruzione risale al 1944

Date storiche documentate delle eruzioni del Vesuvio dopo quella del 79 

Dopo l'eruzione del 79 che fu l'ultima delle eruzioni "pliniane" ed anche la prima dei tempi storici , il Vesuvio ha avuto innumerevoli eruzioni di svariati tipi , qui sotto cronologicamente elencate :

Eruzioni esplosive : 203, 472, 512, 685, 968, 999, 1680, 1682, 1685, 1689.

Eruzioni effusive :1717, 1725, 1728, 1730, 1751, 1752, 1755, 1771, 1776, 1785, 1805, 1810, 1812, 1813, 1817, 1820, 1831, 1855, 1858, 1867, 1868, 1871, 1884, 1891, 1895, 1899, 1929.

Eruzioni effusivo-esplosive : 1036, 1068, 1078, 1139, 1631, 1649, 1660, 1694, 1698, 1707, 1714, 1723, 1737, 1761, 1767, 1779, 1794, 1822, 1834, 1839, 1850, 1861, 1872, 1906, 1944.

Eruzioni dubbie : 787, 991, 993, 1007, 1305, 1500.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Attenzione che quello che eruttò fu il Somma e non il Vesuvio così come lo vediamo e interpretiamo oggi, anzi il Vesuvio nacque proprio da quella eruzione. Al tempo Vesuvius o Vesbius veniva chiamato il Somma, i romani ignoravano assolutamente la pericolosità del luogo e fu abbandonata da molti cittadini solo per la frequenza dei fenomeni sismici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Non sembra esattamente come affermi ; e' vero che il complesso vulcanico sarebbe piu' esatto chiamarlo del Somma Vesuvio , pero' il Somma si dovrebbe essere estinto da almeno 25.000 anni , quindi non dovrebbe aver eruttato in epoche storiche documentate , infatti come risulta da Wikipedia : "L' accrescimento del Monte Somma , i cui prodotti consistono in una sovrapposizione di flussi lavici e depositi di spatter e scorie , è durato fino a circa 25.000 anni fa , quando una serie di eruzioni pliniane e sub-pliniane intervallate da periodi più o meno lunghi di quiescenza hanno provocato il collasso della struttura" 
Dal quale collasso del Somma si sarebbe poi formato il Vesuvio , ma questo non dimostra che cio' avvenne nel 79 .
Inoltre i Romani sapevano benissimo della pericolisita' del Vesuvio , infatti basta leggere Cassio Dione quando descrive l' eruzione del Vesuvio del 79 , sembra quasi di ascoltare una lezione di un vulcanologo odierno , condita pero' anche di fatti fantasiosi : Libro : LXVI , Tomi : 21 ,1 - 22 ,1 - 24 ,1 e 3

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Error , valida precedente risposta .

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Legio II Italica , e chiedo scusa a Legio, la fretta porta a sbagliare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sembra esattamente come affermi ; e' vero che il complesso vulcanico sarebbe piu' esatto chiamarlo del Somma Vesuvio , pero' il Somma si dovrebbe essere estinto da almeno 25.000 anni , quindi non dovrebbe aver eruttato in epoche storiche documentate , infatti come risulta da Wikipedia : "L' accrescimento del Monte Somma , i cui prodotti consistono in una sovrapposizione di flussi lavici e depositi di spatter e scorie , è durato fino a circa 25.000 anni fa , quando una serie di eruzioni pliniane e sub-pliniane intervallate da periodi più o meno lunghi di quiescenza hanno provocato il collasso della struttura"

Dal quale collasso del Somma si sarebbe poi formato il Vesuvio , ma questo non dimostra che cio' avvenne nel 79 .

Inoltre i Romani sapevano benissimo della pericolisita' del Vesuvio , infatti basta leggere Cassio Dione quando descrive l' eruzione del Vesuvio del 79 , sembra quasi di ascoltare una lezione di un vulcanologo odierno , condita pero' anche di fatti fantasiosi : Libro : LXVI , Tomi : 21 ,1 - 22 ,1 - 24 ,1 e 3

Quello che io riporto è quanto ho letto nella pubblicazione di Alberto Angela sui fatti di Pompei. Riguardo la pericolosità del Vesuvio questo non ha a che vedere con quanto riportato da Dione nel senso che come lavorassero che vulcani lo sapevano che quello invece fosse un vulcano in procinto di eruttare lo ignoravano completamente soprattutto considerando che la cima era piana ed erano presenti viticolture sulla sommità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dalla cronologia di eruzioni messa da Legio II Italica si nota questo passare di piu di 70 anni dall'ultima eruzione,cio' potrebbe supporre che in un futuro si potrebbe avere un eruzione devastante, anzi un susseguirsi di eruzioni per colmare l'arco di tempo di inattivita'.Cosa nè pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dalla cronologia di eruzioni messa da Legio II Italica si nota questo passare di piu di 70 anni dall'ultima eruzione,cio' potrebbe supporre che in un futuro si potrebbe avere un eruzione devastante, anzi un susseguirsi di eruzioni per colmare l'arco di tempo di inattivita'.Cosa nè pensate?

 

Ciao , il problema non e' tanto il passare del tempo da una eruzione all' altra , quanto piuttosto il Tappo che si e' formato sulla bocca del vulcano a seguito dell' eruzione del 1944 ; questo Tappo non permette lo sfogo naturale della pressione all' interno della camera magmatica attiva , posta sotto la superfice del vulcano . Il rischio e' che un giorno la pressione interna raggiunga un punto tale che non potendo sfogare dalla bocca del vulcano , generi una grande esplosione catastrofica o una serie di terremoti dalle conseguenze non prevedibili . Insomma la zona e' a forte rischio , per questo e' costantemente monitorata con strumentazione scientifica , pronta a dare l' allarme in caso di superamento di determinati valori .

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?