Jump to content
IGNORED

L'elmetto del 20 lire


Saturno
 Share

Recommended Posts

Buongiorno,

inizio questa discussione per indirizzare l'attenzione su di un aspetto particolare della moneta, forse, più famosa del Regno di Vittorio Emanuele III: l'elmetto del 20 lire 1928.

Nella foto  il mio esemplare.

Come si vede il Re calza un elmetto modello 1916, di fabbricazione italiana ma di derivazione francese; si tratta della rielaborazione del modello 1915 "Adrian", ideato dal generale Louise Auguste Adrian.

Allo scoppio delle ostilità, nessuno degli eserciti disponeva di elmetti protettivi. Si andava in guerra con il cappello floscio ( o il tipico chepì francese), fino a quando si osservò che le maggiori ferite venivano riportate alla testa da schegge e quindi si ideò un apposito casco protettivo, la cui produzione inizio nel febbraio 1915.

20 lire 28 r.jpg

20 lire 28 d.jpg

Edited by Saturno
  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


L'elmetto  Mod. 16 Adrian, restò in dotazione all'Italia per quindici anni fino a quando venne introdotto  il modello definitivo "M33"  che ebbe una più lunga vita operativa, circa 60 anni (ricordo che ancora nella metà degli anni 80 era ancora in dotazione all'esercito e da me indossato all'epoca del servizio militare, con grande mio disappunto, ricordo, per la sua pesantezza...),

Invece la Francia dopo la Grande Guerra elabora modifiche e varianti all'Adrian Mod. 16, quali il Mod. 1922 e il Mod. 1926, e continuerà ad utilizzare tale elmetto durante tutta la Seconda guerra mondiale

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Finalmente una discussione su questa moneta che non sia i soliti "è autentica? in che conservazione? quanto vale?"

Chapeau :hi:o meglio "Elmetto " :lol:

petronius :)

  • Like 6
Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, petronius arbiter dice:

Finalmente una discussione su questa moneta che non sia i soliti "è autentica? in che conservazione? quanto vale?"

Chapeau :hi:o meglio "Elmetto " :lol:

petronius :)

Grazie...:)

volevo attirare l'attenzione su questo particolare, per evidenziare quanta storia c'è dentro le monete (e specialmente questa moneta)  che a volte sfugge a molti, concentrati sull'aspetto conservativo/economico, tralasciando invece quello storico/documentativo.

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Discussione molto interessante. Bella idea. ;)

Direi però di spostarla nella sezione Regno d' Italia e segnarla come "Approfondimento".  

Saluti

Simone

Link to comment
Share on other sites


4 ore fa, Saturno dice:

L'elmetto  Mod. 16 Adrian, restò in dotazione all'Italia per quindici anni fino a quando venne introdotto  il modello definitivo "M33"  che ebbe una più lunga vita operativa, circa 60 anni

VEIII e monete di Albania 1939-41....l'elmetto M33?

 

v.

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, villa66 dice:

VEIII e monete di Albania 1939-41....l'elmetto M33?

 

v.

Si, nelle monete  coniate per l'Albania nel 39-41 il Re porta l'elmetto M33.

images.jpg

Link to comment
Share on other sites


Visto che siamo in  tema, aggiungo che anche l'uniforme che il Re indossa nella moneta del 1928 è diversa da quella che si vede portare nelle monete albanesi del 39-41.

Nel pezzo da 20 lire del 1928, il Re indossa l'uniforme modello 1909 con il colletto chiuso; nelle monete albanesi invece, indossa il modello 1934, con camicia e cravatta, molto meno pratica della precedente :mad:, però più elegante per andare in guerra...:D 

 

veIII.jpg

Link to comment
Share on other sites


So già che è un pensiero campato in aria considerando il diverso periodo e il diverso tipo di circolante ma pensate che bella che sarebbe stata una moneta dello stesso modulo del  20 lire elmetto con il dritto del lek per l'albania e magari il rovescio del 10 lek: avremmo avuto l'elmetto italiano e l'elmetto per l'albania. :wub:

Saluti

Simone

 

Prova.jpg

Edited by uzifox
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Bella ed interessante disquisizione su di un elemento che sembra banale, invece arrichisce la nostra cultura. Come mi disse, a piena ragione, il buon e caro Mario Traina, bisogna guardare le monete al di là della moneta. La moneta è un pezzo di carta o un tondello metallico, ma la moneta "vera" è la sua iconografia, è quello che l'autore ha voluto trasmettere. Nel caso che stiamo esaminando, parliamo di un accessorio, l'elmetto, che però nasconde una storia che la disamina di @Saturnoha ben evidenziato. Ben vengano discussioni come questa, che ci aprono la mente su quelli che sono particolari che poi danno il nome alle monete " 20 LIRE CAPPELLONE - 20 LIRE ELMETTO".

Link to comment
Share on other sites


Ma avete notato che bello è persino il titolo di questa discussione?

Non il solito "20 lire elmetto" ma "L'elmetto del 20 lire" (titolo quanto mai appropriato!)

Complimenti

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.