Jump to content
IGNORED

Cavallo Ferdinando II...ancora Abruzzo


Recommended Posts

Salve, oggi vi mostro il mio ultimo acquisto, un “logorantissimo“(ahimè:blush:) cavallo di Ferdinando II per la zecca di Tagliacozzo.

Nel dritto si può notare il busto giovanile di Ferrandino, che lo contraddistingue dai ritratti di Ferrante

Nel rovescio anche se la colonna (simbolo della famiglia nobiliare dei Colonna, che aveva in feudo Tagliacozzo) affianco al cavallo è difficilmente visibile dalla foto, dal vivo si nota facilmente.

Essendo una moneta che passa poco sul mercato voleva condividerla soprattutto con gli appassionati di questa monetazione.

Saluti

Matteo

14429610_1279781878707277_118892624_n.jpg

14454704_1279781805373951_714396363_n.jpg

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Esistono molti altri cavalli 'colonnesi' ma non credo siano automaticamente tutti attribuibili a Tagliacozzo o mi sbaglio? 

Sull'attribuzione della colonna come simbolo dei Colonna mi pare che non vi sia un ' interpretazione univoca se non ricordo male 

Link to comment
Share on other sites


che siano della famiglia Colonna mi pare che non ci sia alcun dubbio, ricordo di leggere lo studio di S. Perfetto  " I cavalli dei colonna",

una sola colonna indica lo stemma della famiglia Colonna, 

mentre le due colonne lo stemma di Brindisi, come troviamo sui cavalli di Ferrandino, al riguardo segnalo un mio articolo dove riporto anche l'immagine di uno stemma in pietra 

di Brindisi di epoca aragonese con due colonne : 

http://numismaticamente.it/numismatica-medioevale/un-cavallo-di-brindisi-inedito

l'attribuzione a Tagliacozzo rimane ancora incerta per me, anche se era il feudo principale di questa famiglia in Abruzzo

Edited by santone
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Salve@numa numa, le coniazioni di questi cavalli sono sicuramente da attribuire ai Colonna.

Qui metto un raffronto stilistico tra i cavalli in esame, un bolognino di Martino V, al secolo Oddone Colonna, e lo stemma nobiliare dei Colonna.

Le tre colonne sono identiche nello stile e nella rappresentazione.

P.S. La colonna nel bolognino si trova al centro, tra le 4 lettere del rovescio.

 

547910l.jpg

image.thumb.jpg.ae8f98e81b6ac7d6dafaa2501fd5c285.jpg

Unknown.png

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Buon giorno @Teus I, solo ora ho visto il tuo post.... come dici te, logoratissimo.... ma con un fascino  non indifferente... :-) complimenti per l'acquisto!!

per ora non ne ho nessuno nella mia collezione.... spero un domani poterne acquistare qualcuno....

un caro saluto!!!! 

Link to comment
Share on other sites


ciao @eliodoro, lo studio sui cavalli dei Colonna puoi trovarlo online sul giornale della numismatica,

anche per me l'attribuzione a Tagliacozzo è incerta, vista la T del Tramontano  "potrebbero " anche essere stati battuti a L'Aquila,

comunque questi con una sola colonna sono della famiglia Colonna e non di Brindisi

Link to comment
Share on other sites


38 minuti fa, santone dice:

ciao @eliodoro, lo studio sui cavalli dei Colonna puoi trovarlo online sul giornale della numismatica,

anche per me l'attribuzione a Tagliacozzo è incerta, vista la T del Tramontano  "potrebbero " anche essere stati battuti a L'Aquila,

comunque questi con una sola colonna sono della famiglia Colonna e non di Brindisi

MI puoi passare il link che non lo trovo..

Grazie..

 

Link to comment
Share on other sites


La colonna unica certamente ricorda molto la colonna dei 'Colonna' 

da approfondire la presenza del simbolo feudale colonnese in una monetazione a tutti gli effetti regale aragonese

 

per l'attribuzione a Tagliacozzo , come evidenziato anche da Santone ed Eliodoro permangono diversi interrogativi 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


@numa numa certamente per ora non si può dare con certezza il luogo della zecca, ma si identifica Tagliacozzo perché a quel periodo era il maggiore feudo dei Colonna nei possedimenti aragonesi.

Solo dei documenti potranno far chiarezza.

Link to comment
Share on other sites


Ho letto l'articolo di Perfetto..

Adesso Vi pongo una domanda..Anche il cavallo di Ferdinando I° con la colonna andrebbe attribuito ai Colonna e quindi, presuntivamente, a Tagliacozzo?

In caso di risposta positiva..Tramontano era maestro di zecca anche di Tagliacozzo?

Quindi, qualora si accertasse che questi cavalli non fossero stati battuti a Brindisi, l'ipotesi di @santone sulla loro genesi aquilana mi sembra più probabile

Saluti Eliodoro

 

Edited by eliodoro
Link to comment
Share on other sites


ciao @eliodoro,

certo che anche i cavalli di Ferdinando I sono dei Colonna e non di Brindisi, Tagliacozzo era il loro feudo principale,

 che i cavalli vennero coniati in quella città  rimane dubbio (almeno per me ) senza prove certe o documenti,

quella della  "probabile" coniazione a L'Aquila è un mio personale pensiero proprio per la T di Tramontano (mastro di Napoli e Aquila),

che Tramontano abbia effettivamente "lavorato " a Tagliacozzo , non avendo documenti o altro rimane un mistero (almeno per me)

Edited by santone
Link to comment
Share on other sites


@santone @eliodoroSecondo me anche l'attribuzione dell'Aquila non ha molto senso. 

Sappiamo per certo che l'Aquila non è mai stata feudo Della famiglia Colonna, quindi per quale motivo la sua zecca avrebbe dovuto coniare cavalli con una colonna?

Link to comment
Share on other sites


31 minuti fa, Teus I dice:

@santone @eliodoroSecondo me anche l'attribuzione dell'Aquila non ha molto senso. 

Sappiamo per certo che l'Aquila non è mai stata feudo Della famiglia Colonna, quindi per quale motivo la sua zecca avrebbe dovuto coniare cavalli con una colonna?

La questione riguarda il mastro di zecca..

Link to comment
Share on other sites


@Teus I  proprio per la T del  Tramontano come già detto mastro di Napoli e Aquila, fino ad oggi  e in assenza di documenti /prove certe non mastro di Tagliacozzo  !!

certo che L'Aquila non era feudo dei Colonna, quello che io  "ipotizzo " è che questi cavalli dei Colonna "potrebbero" essere stati coniati nella zecca dell'Aquila, 

ovvero non aquilani ma  "lavorati " nella zecca dell'Aquila,

come successo anni prima con le monete del Camponeschi ( cella, denaro ,reale) con lo stemma monte a cinque punte

Edited by santone
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Sería importante hacer una distinción en las emisiones. Las que son emisiones a nombre de una ciudad de las que son a nombre de una familia o persona importante, las dos siempre gracias a privilegios reales, así pues, las de l'Aquila eran emisiones ciudadanas y por ejemplo los cavalli con la columna lo eran por gracia del rey a la familia Colonna, hay que recordar que eran una familía influyende dentro del Reino napoletano. Por este motivo, los cavalli con la columna no presentan ninguna marca relacionada al lugar de emisión, la ceca, sólo la marca particular, porqué lo realmente importante era a nombre de quién era hecha la emisión. Es un caso similar a las emisiones de la familia Camponeso, las supuestas emisiones de a familia Antonelli, etc.

 

Edited by jordinumis
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.