Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
grigioviola

Saluti da Rouen: un antoniniano di Carausio

Risposte migliori

grigioviola

Nel "lontano" 2011 iniziai a studiare in maniera approfondita la monetazione di Carausio proprio partendo dalla zecca continentale di Rouen: 

Da allora ho avuto modo di recuperare diversi antoniniani dell'usurpatore britannico, alcuni comuni, altri più rari, qualche imitativo, ma non ero mai riuscito a entrare in possesso di un pezzo della cosiddetta zecca continentale di Carausio che i più identificano in Rotomagnus (Rouen). Di pezzi nel mercato ne appaiono, non molti e a prezzi relativamente alti. Con un po' di fatica, la scorsa settimana sono riuscito ad aggiudicarmi il primo esemplare della mia collezione proveniente da questa zecca da un venditore professionale inglese.

Ecco il pezzo:

car_rouen.JPG

D\ IMP C CARAVSIVS AVG, busto radiato dell'imperatore volto a destra.

R\ SALVS AVG, la Salute stante in piedi volta a sinistra con cornucopia in una mano e bastone con arrotolato serpente nell'altra.

Ex A. G. & S. Gillis Coins (UK) 

La moneta è chiaramente identificabile, per stile e tipo di rovescio, come un prodotto della zecca di Rotomagnus.

Questa è una serie di esemplari analoghi provenienti dal British Museum:

AN01198218_001_l.jpg

AN00663321_001_l.jpg

AN00663320_001_l.jpg

AN00663317_001_l.jpg

 

Dei pezzi presenti al British nessuno ha legami di conio con il pezzo da me proposto.

Mentre invece trovo più aderente l'esemplare classificato al numero 42 nel saggio: "Le trésor de Rouen et l'occupation de la Gaule par Carausius" di Brigitte Beaujard e Hélène Huvelin:

carrr.gif

carr.gif

Il pezzo analizzato nel saggio proviene dal noto ripostiglio di Rouen composto da 207 esemplari di Carausio appartenenti tutti alla zecca continentale. Ed è proprio grazie a questo hoard che storicamente si è identificata nella cittadina di Rouen l'area in cui doveva presumibilmente essere collocato l'atelier gallico dell'usurpatore britannico.

Come di consueto, lascio a voi la parola per ulteriori approfondimenti sempre graditi!

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

Contattato il venditore per ulteriori dettagli è emerso che il pezzo in questione è stato rinvenuto in suolo inglese, precisamente nella zona di Harpham, East Yorkshire. Vi lascio una mappa con l'ubicazione indicativa del luogo di ritrovamento (simbolo stella) e della zecca ipotetica di Roeuen (simbolo casa):

mappa.gif

Di ritrovamenti di antoniniani di Carausio della zecca continentale in suolo britannico vi sono diverse evidenze sia all'interno di hoard conosciuti che come ritrovamenti singoli censiti anche sul PAS.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

altro esemplare se voglismo di nicchia ma di grande interesse per la seconda metà del III secolo in area britannica e gallica del nord! All'interno della produzione carausiana gli esemplari da Rotomagus sono nettamente più rare rispetto alle emissioni britanniche (siano esse di zecca londinese o "C").

Si colloca, secondo gli schemi PAS della Walton (e Moorhead) verso gli estremi settentrionali dell'area dei rinvenimenti monetali a nome di Carausius in Britannia. Anzi, a ben guardare nell'area di Harpham (East Riding of Yorkshire) non si hanno segnalazioni in merito.

walton carausius.JPG

NB: Carausius pallino rosso, Allectus giallo.

Che ci faceva là una moneta di Carausius prodotta a Rotomagus? Probabilmente ci arrivò per mano di qualche militare della classis o mediante qualche commerciante, ovvero coloro che avevano maggiormente possibilità di compiere viaggi dalla Gallia all'Inghilterra del Nord.

Nei pressi dell'attuale area di Halpham erano attivi alcuni insediamenti militari (es. il forte di Malton o la torre di segnalazione di Scarborough). Inoltre alcuni autori inglesi ipotizzano che la costa a nord dell'Humber fosse interessata da altri insediamenti militari costieri dei quali, per fenomeni di erosione marina, si sono perse per sempre le tracce.

Ciao

Illyricum

;)

PS: per chi fosse interessato ad una rapida carrellata sulla produzione di Rotomagus segnalo il link                                 http://www.carausius.hookmoor.com/home/?page_id=946

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Aggiungo ancora una considerazione sulla mappatura PNAS. La diffusione è maggiore a sud est (infatti alcuni collegano questa distribuzione alla presenza della classis in ottica di controllo della pirateria sassone) e nell'Inghilterra del Nord abbiamo una concentrazione lungo la direttrice che passava per York/Eburacum e quindi verso il Vallum.
Ma la domanda che mi pongo, seppure esulando dal tema iniziale, è la seguente: ma sul Vallum vi erano milizie carausiane? Certamente sí. E allora perchè non vi si rinvengono monete del periodo? Forse erano state ridotte le guarnigioni a fronte di un accordo, (pagato) di non belligeranza con i Caledoni in modo da utilizzarle a sud in ottica anti-romana? Comunque sia e anche ritenendole ridotte numericamente qualche moneta la avrebbero dovuto perdere/occultare.
Ciao
Illyricum

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×