Jump to content
IGNORED

Moneta romana di Alessandria,che anno?


odjob
 Share

Recommended Posts

Salute

un mio amico mi ha inviato tramite email la foto di questa moneta coniata ad Alessandria durante il periodo augusteo e vorrebbe sapere l'anno di coniazione

Grazie a chi risponderà

--odjob

Alessandria.png

Link to comment
Share on other sites


Come detto dalla descrizione,  l' anno è il 28esimo del regno di Augusto. Quello che non precisa con chiarezza è che è riportato al di sopra dell'altare.  Il numero 28 è espresso con i numeri greci,  costituiti dalle lettere greche: 20 (K) e 8 (H).  Il numero KH è preceduto dal segno L che sta per έτους che significa "anno". 

Edited by King John
Link to comment
Share on other sites


Ciao @odjob!

Sperando di non sparare cavolate...  :-(

L KH, come indicato nell'allegato, vuole indicare il 28° anno di regno di Augusto.

Quindi 27 a.C. + 28 anni = 1 d.C.

Ciao

TWF

Link to comment
Share on other sites


Grazie per le risposte

io lo avevo detto al mio amico ,che trattavasi del 28°anno di regno di augusto,ma lui mi ha detto che non poteva essere per via degli anni di regno che erano pochi.Quando mi ha risposto ero in auto e non potevo verificare su Wikipedia.

--Salutoni

-odjob

Link to comment
Share on other sites


@odjob, prego!

Però come fa a dire che sono "pochi" quando proprio sulla scheda che ti ha mandato c'è scritto che ha regnato dal 27 a.C. al 14 d.C., 27 + 14 = 41 anni, mica nespole! :-)

Ri saluti!

TWF

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, TheWhiteFly dice:

Però come fa a dire che sono "pochi" quando proprio sulla scheda che ti ha mandato c'è scritto che ha regnato dal 27 a.C. al 14 d.C., 27 + 14 = 41 anni, mica nespole! :-)

 

183.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


@King John

Quando sei in giro si deve star attenti a quel che si scrive.

SEI PERICOLOSO!!!  :-)

Ma sai che sono anni che non ne vedo una in giro?  Invece, quando ero piccolo (forse meglio dire giovane :-D), mi rompevano sempre per farmele mangiare... ma il schifavo! :-P

Chissà se esiste qualche romana imperiale con raffigurate le nespole!?!? :-)

Ciao!

TWF

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Io un bel nespolo nel mio giardino: se vieni dalle mie parti te le offro.

35 minuti fa, TheWhiteFly dice:

Ma sai che sono anni che non ne vedo una in giro?  Invece, quando ero piccolo (forse meglio dire giovane :-D), mi rompevano sempre per farmele mangiare... ma il schifavo! :-P

Ne ho un albero nel mio giardino: se vieni giù le mangiamo assieme...

Link to comment
Share on other sites


36 minuti fa, TheWhiteFly dice:

Chissà se esiste qualche romana imperiale con raffigurate le nespole!?!? :-)

Questo è un po' più difficile perchè (leggo per la prima volta da Wikipedia): " Il frutto iniziò la diffusione in Europa all'inizio del 1800, il primo esemplare infatti fu impiantato nel giardino Botanico di Parigi nel 1784, ed in seguito, ai Kew Gardens di Londra nel 1787".

Link to comment
Share on other sites


13 minuti fa, King John dice:

Questo è un po' più difficile perchè (leggo per la prima volta da Wikipedia): " Il frutto iniziò la diffusione in Europa all'inizio del 1800, il primo esemplare infatti fu impiantato nel giardino Botanico di Parigi nel 1784, ed in seguito, ai Kew Gardens di Londra nel 1787".

Temo ci sia una "leggera" discrepanza tra le nostre fonti! :-)

"La pianta del nespolo comune: origini e diffusione

La pianta del nespolo comune ha origini antichissime che risalgono al primo millennio avanti Cristo.

Recenti studi situano le sue origini sulle rive del Mar Caspio e da qui si è  diffusa in Asia Minore e in Grecia.

A tutt’oggi  la pianta del nespolo comune è diffusa in tutta Europa allo stato selvatico nei boschi di latifoglie oppure inselvatichita negli incolti.

I Romani la tenevano in gran conto  e contribuirono largamente alla sua diffusione.

Era così frequente in Germania che Linneo, pensando che proprio in queste zone si dovesse situare la sua origine, chiamò questo albero Mespilus germanica.

Gli antichi romani oltre a gustarne i frutti impiegavano le sue foglie e i frutti immaturi essiccati come forte astringente per curare i disordini intestinali.

I greci antichi avevano consacrato la pianta del nespolo comune al dio Cronos mentre  per i Romani   era simbolo del dio Saturno perché  veniva considerata una difesa contro le pericolose influenze degli stregoni.

Nel Medioevo  la pianta del nespolo comune era considerata una pianta medicamentosa   impiegata come astringente, regolatore delle funzioni intestinali e forte diuretico."

Tratto da "www.lepiantedafrutto.it"

"Al tempo dei romani erano conosciute molte specie di piante da frutto come la pera, le nespole,  le pesche e le ciliegie introdotte a Roma nel 73 a.C.
Erano state portate dall’Asia Minore  dal generale Lucullo  che aveva sconfitto  Mitriade un re dell’Asia Minore.
"

Tratto da "www.lepiantedafrutto.it"

 

Magari ci sono veramente delle monete! :-)

 

TWF

Link to comment
Share on other sites


@TheWhiteFly

Non vorrei far nascere una questione del..... nespolo ma tu ti riferisci non alla nespola che oggi noi mangiamo comunemente, bensì ad un altro tipo preesistente che è quasi scomparso (almeno io non l'ho mai visto) che è il nespolo comune o Mespilus germanica, come si vede anche cliccando sul primo link da te postato e dalla foto che allego qui.

images.jpg

Edited by King John
Link to comment
Share on other sites


@King John

Questo (della foto) è quello che mi volevano far mangiare... perché faceva bene!  Non quello "classico".

Ne aveva una pianta la nonna in giardino... pare, dai suoi racconti, che li avesse "sfamati" durante la guerra.

Io ricordo solo che faceva schifo! :-)  Lo so anch'io che era balordo... era un reperto archeologico! :-P

Immagino che nel tuo di giardini ce ne sia uno "recente"! :-)  E, magari, potabile! :-P

Comunque, questa sera, faccio una ricerchina sul "nespolo nella monetazione romana imperaile", "il nespolo ai tempidi nerone" ed infine "carausio e le nespole"! :-)

Ciao.

TWF

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


@TheWhiteFly

Ecco le tue nespole...

THRACE. Philippopolis. Caracalla (198-217). Ae.
Obv: M AY KAI ANTΩNEINOC.
Bare-headed, draped and cuirassed bust right.
Rev: ΦΙΛΙΠΠΟΠΟΛΕΙΤΩΝ.
Basket containing fruits.
Varbanov 1534.
Condition: Very fine.
Weight: 4.2 g.
Diameter: 16 mm.

1649737.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Thrace, Augusta Traiana Septimius Severus, 193-211 Bronze 193-211, Æ 19mm., 3.85g. Laureate bust r. Rev. Basket with fruits. Varbanov 953.
Very Fine. In addition, winning bids of EEC clients for this coin are subject to a 5% fee on hammer price as a reimbursement for import duty paid to HMRC.

2621155.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Geta, as Caesar, Æ18 of Pautalia, Thrace. AD 209-212. Λ CEΠTI ΓЄTA KAI, bare-headed, draped and cuirassed bust right / ΠAVTAΛIΩTΩN, basket containing fruits. Varbanov 5452-5454 var. (obv. legend). 3.09g, 18mm, 6h. Dark patina, in excellent style. Near Extremely Fine.

2925830.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Septimius Severus Æ18 of Nicopolis ad Istrum, Moesia Inferior. AD 193-211. AY K ΛC CԐYHPOC, laureate head right / NIKOΠOΛIT ΠPOC ICTP, basket containing fruits. Varbanov 2401. 2.43g, 18mm, 1h. Extremely Fine.

3180938.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Asia Minor
Pergamon, Mysia
Estimate: CHF 350.00
Cistophoric Tetradrachm (Silver, 12.41 g 1), c. early 1st century B.C. Serpent emerging from cista mystica with raised lid, all within ivy wreath with fruits. Rev. Bow case between two coiled serpents; to left, monogram of Pergamon; above, above monogram; to right, thyrsus. SNG Paris 1740. SNG Cop. 433. Good very fine.

169284.jpg

Link to comment
Share on other sites


ANCIENT COINS
ROMAN COINS
IMPERIAL COINAGE
MARCUS AURELIUS Caesar, 139-161
No.: 312
Estimate: $ 4000
d=19 mm
Aureus, 148-149. AV 7.28 g. AVRELIVS - CAESAR AVG PII F Draped, bareheaded bust r. with curly hair and very short beard. Rev. TR POT III COS II Fides, draped and diademed, standing r., holding basket of fruits on her outstretched l. hand, ears of corn in her lowered r. hand. RIC 82, 445A/c. BMC 100, 695. Excellent style.
Almost F.d.c.
See colour plate.

122475.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

DE GREGE EPICURI

Ottima frutta, direi, ma torniamo un istante alla moneta postata da Odjob. Moneta rara, mai vista, come dice anche la didascalia. Ma avete letto la traduzione automatica del computer? Da spanciarsi. A  parte il titolo"Monete greche di Roman", se la leggete tutta ad un certo punto si parla di "capre". Ma quali capre? Io nella moneta non ne vedo... E' la traduzione di Geissen, uno dei cataloghi citati. Infatti, Geisse significa capra...

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.