Jump to content
IGNORED

tremisse longobardo online


conrad59
 Share

Recommended Posts

Ho visto su un sito di vendita inglese la moneta che posto in immagine peso gr.1,6 mm 13-14 definita tremisse longobardo di Lucca; cose ne dite? Può essere autentica, così da immagine?

tremisse a.jpg

tremisse b.jpg

Link to comment
Share on other sites


a prescindere da tutto, incluso peso stile etc...non commento nulla, ti prego solo di notare come si dovrebbe presentare il "tondello" di una moneta originale...

è un falso di rara bruttezza

saluti

Alain

 

aaa.jpg

aaaaaa.jpg

Link to comment
Share on other sites


grazie per le risposte precise e spiritose; mi aveva fatto specie vedere citato in vendita un tremisse che so essere una moneta rara ma avevo piacere di condividere con altri la mia sorpresa nel vedere un venditore esibire una moneta di questo tipo.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


sono andato a vedere a quale punto sia arrivata la moneta di cui sopra e, attualmente, a 4 giorni dalla scadenza dell'asta su ebay inglese il prezzo di vendita è di euro 239.........

Link to comment
Share on other sites


@conrad59 scusami per la battuta un po'stupida,cercherò di farmi perdonare con un ragionamento un po' più costruttivo.

Le monete flavie longobarde hanno la peculiarità di essere composte da un oro piuttosto basso a differenza dei tremissi nazionali che le precedettero,quindi in caso di piegature o colpi tendono a spezzarsi essendo la lega che le compone "secca"( la letteratura relativa è ricca di esempi di frammenti di tali monete,al contrario dei tremissi che spesso si presentano con tracce di forti piegature che difficilmente si spezzano ,in virtù appunto del loro buon titolo di fino).

Quindi la moneta in questione se fosse genuina probabilmente non sarebbe sopravvissuta alla pressione che invece l'ha appiattita e deformata ma non spezzata.

L'ignoto artefice di questo "pezzo"probabilmente come materia prima ha usato dell'oro moderno di buon titolo,non sicuramente la lega di oro ,argento e chissà cos'altro che usavano gli zecchieri di Desiderio.

E allora"frangar non flectar"

Con stima.

ADELCHI.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


19 ore fa, adelchi dice:

Ma no...è un rarissimo tremisse longobardo sumero zecca di Lagash.:)

:)

 

altri particolari incongrui :

la scifatura ( mancante)

la croce ( latina)

i caratteri del rovescio ( confusi) 

La legatura ( incongrua)

la forma dei caratteri ( incongrua rispetto allevforme conosciute per queste emissioni)

il tondello ( irregolare)

il prezzo ( del tutto incongruo per un es autentico, ma ha ragione lo scaltro  Poemenius che potrebbe essere uno specchietto..)

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


grazie per l'esauriente  e precisa risposta che apprezzo molto; preciso che non avevo nessuna intenzione di fare un'offerta anche perché i miei acquisti di un certo valore li ho sempre fatti ai convegni numismatici da venditori seri. la mia era una curiosità data anche dal fatto che il venditore in oggetto è titolare su Ebay di un negozio di monete e altri oggetti medioevali con tanto di recensioni positive. E' triste pensare a cose fatte ad arte per spennare polli

 

Link to comment
Share on other sites


37 minuti fa, conrad59 dice:

.... il venditore in oggetto è titolare su Ebay di un negozio di monete e altri oggetti medioevali con tanto di recensioni positive....

 

e compare bello bello nella lista dei venditori seriali di falsi...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Visto che stiamo disquisendo di questa tipologia monetale,mi piacerebbe conoscere il vostro parere riguardo alla legenda del rovescio.

Esiste una vasta letteratura al riguardo,ma a me interesserebbe sentire la Vostra   idea.

Da parte mia posso dire che sicuramente non è una pseudolegenda.

IMG-20161116-WA0001.jpg

Link to comment
Share on other sites


Tra le varie ipotesi : invocazione apotropaica all'Arcangelo Michele tipica di alcune epigrafi lucchesi di VII VIII sec. oppure un'abbreviazione della parola VICTORIA piu volte ripetuta,o ancora semplicemente una pseudolegenda.

Il primo tentativo di interpretazione fu formulato gia nel '700,individuando nel distico di Giovenco Ispanico la fonte ispiratrice della scritta.(Vir Vivet Virtus Vicet Violentia Victa/Vivat Victoris Vivida Vita Viri ). ultimamente questa ipotesi sembra essere tornata in auge presso alcuni studiosi.

Fonte: Lucca e l'europa,un'idea di medioevo.

Monete flavie longobarde.

Roberta Pardi.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Il 15/11/2016 at 19:36, adelchi dice:

@conrad59 scusami per la battuta un po'stupida,cercherò di farmi perdonare con un ragionamento un po' più costruttivo.

Le monete flavie longobarde hanno la peculiarità di essere composte da un oro piuttosto basso a differenza dei tremissi nazionali che le precedettero,quindi in caso di piegature o colpi tendono a spezzarsi essendo la lega che le compone "secca"( la letteratura relativa è ricca di esempi di frammenti di tali monete,al contrario dei tremissi che spesso si presentano con tracce di forti piegature che difficilmente si spezzano ,in virtù appunto del loro buon titolo di fino).

Quindi la moneta in questione se fosse genuina probabilmente non sarebbe sopravvissuta alla pressione che invece l'ha appiattita e deformata ma non spezzata.

L'ignoto artefice di questo "pezzo"probabilmente come materia prima ha usato dell'oro moderno di buon titolo,non sicuramente la lega di oro ,argento e chissà cos'altro che usavano gli zecchieri di Desiderio.

E allora"frangar non flectar"

Con stima.

ADELCHI.

 

Credo che la relativa fragilità dei tremissi scodellati sia dovuta più all'esiguo spessore che al titolo aureo utilizzato.

E' vero poi che la letteratura riporta un buon numero di esemplari fratturati, sicuramente in percentuale molto maggiore rispetto ai tremissi di modulo inferiore (quindi di spessore maggiore), ma sono relativamente pochi, se raffrontati al numero di pezzi noti. Forse proprio la forma scodellata conferiva una robustezza maggiore a quel sottilissimo tondello

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Ciao Alberto,la tua esperienza diretta riguardo ai tremissi longobardi ti pone sicuramente al top per quanto concerne eventuali disquisizioni sulla tipologia monetale in questione.

Quindi mi permetto di chiedere il tuo parere sulle differenze di spessore,scodellatura e frequenza di rotture tra i tremissi "nazionali" e le monete flavie.

Dando un'occhiata così a "volo d'uccello" la mia impressione  è che queste ultime ne siano maggiormente colpite,naturalmente questa occhiata non ha nessun valore statistico vista la differenza numerale tra i due tipi.

Un tuo parere mi sarebbe graditissimo.

Saluti.

ADELCHI.

 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.