Jump to content
IGNORED

20 lire del 1974 lega bianca


VERDISSIMO
 Share

Recommended Posts

Questo poteva avvenire quando circolava la lira, ma adesso che la moneta è l'euro, sono solo venti lire del vecchio conio, con cui non puoi truffare nessuno perché non ci puoi comprare niente;  indipendentemente dal materiale con cui è stata fatta.  

Link to comment
Share on other sites


Buonasera

il reato di cui correttamente parla loris1980 non afferisce ovviamente all'utilizzo di questa tipologia come moneta corrente, ma al fatto che non essendo uscita legalmente dalla zecca, costituisce comunque un oggetto passabile di sequestro da parte delle competenti autorità. 

Saluti

Link to comment
Share on other sites


Ma dove è scritto che è uscita illegalmente? Se vai nella storia delle venti lire c'è scritto che nel 1974 sono uscite in due versioni differenti con metalli diversi, in quantità: 16.875.000. Non che erano illegali Se hai un testo che asserisce che alcune non potevano circolare dimmi qual è, che me lo vado a leggere.

Link to comment
Share on other sites


@VERDISSIMO

Il materiale delle 20 lire era il bronzital, non mi risulta dovessero essere messe anche in altri materiali.

Se sono state emesse monete con materiale difforme, quelle dovevano essere distrutte prima di uscire dalla zecca in quanto con caratteristiche diverse da quelle stabilite per decreto: per questo motivo sono passibili di sequestro.

Discorso ovviamente da estendere a tutti gli errori di conio e di stampa.

Edited by loris1980
Link to comment
Share on other sites


personalmente non mi risulta che siano uscite monete del 74 in altro materiale.

Sò per certo che tante monete (e non solo del 74) hanno subito dei trattamenti chimici.

Link to comment
Share on other sites


Il tuo discorso è giusto, ma la cosa che mi lascia perplessa è: come fa un "truffatore" all'interno della zecca di stato a fondere un materiale diverso dal bronzital su degli stampi da 20 lire, in grosso quantitativo, senza essere visto !!! (per fare questo ci vuole il consenso del "capo") Ho certezze che tutto il materiale che esce da li, sia controllato e catalogato. Quindi alla luce dei fatti, il materiale in uscita ha un lascia passare per essere messo in commercio. Ma allora, perché dichiararle difformi, quando loro per primi hanno dato l'ok. La mia non è una polemica è solamente una curiosità dovuta al fatto che per terminare la mia collezione manca proprio questa moneta. Riuscire a capire come stanno veramente le cose mi piacerebbe. Per avvalorare la mia tesi, che forse non sono poi così incostituzionali, potrei portare per esempio le 20 del (1956 prova ) che non hanno mai circolato (non potevano erano prove), lo hanno fatto solo quelle del 1957 e allora bisognerebbe che sequestrassero anche quelle, invece te le fanno pagare mille euro e ci mettano pure la perizia. Non è che a quelle del 1974 hanno dato un nulla osta speciale? Forse no, ma stabilire cosa è giusto e cosa non lo è mi sembra molto arduo. Comunque grazie del tuo contributo!!! 

Link to comment
Share on other sites


Se fossero trattate con degli agenti chimici, cambierebbe totalmente e fortemente la cosa,  si tratterebbe di un' alterazione fatta a sommo studio per truffare i collezionisti. Proprio per questo sto raccogliendo informazioni a riguardo e ringrazio tutti voi delle delucidazioni 

Link to comment
Share on other sites


Sono andato sul sito: (monete d'Italia cenni storici e numismatica )e nel rigo corrispondente delle venti lire, riporta alcuni dati tra cui la quantità prodotta nell'anno 1974 cioè 16 875 000  In fondo a destra riporta esplecitamente "alcune in lega bianca"

Link to comment
Share on other sites


Se vai su Google e digiti 20 lire del 1974 in lega bianca, ti appare alcune foto, la prima sulla sinistra è quella in questione, se ci clicchi la apri e la vedi bene

Edited by VERDISSIMO
Link to comment
Share on other sites


Ho certezze che tutto il materiale che esce da li, sia controllato e catalogato. Quindi alla luce dei fatti, il materiale in uscita ha un lascia passare per essere messo in commercio

beh, a riguardo ci sarebbe da scrivere un paio di libri per tutte le monete ed errori che sono usciti illegalmente dalla Zecca.

 

Nel libro di Attardi viene catalogata come E.A. cioè Errore Artefatto, pag. 266 I 29 b peso della moneta gr. 3,75.

Link to comment
Share on other sites


Ho verificato il sito che hai indicato ma quando dice che esistono alcuni esemplari in lega bianca non indica la provenienza di questa notizia. Inoltre non è un sito ufficiale della zecca o dello stato, quindi propenderei per un artefatto come giustamente ha fatto notare prima cembruno5500

Link to comment
Share on other sites


Qualcuno ha detto, che se fossero vere quelle bianche, sarebbero passibili di sequestro, perché non potevano circolare in quanto non autorizzate . Per quelle del 1956 prova è la stessa cosa non potevano girare, erano state regalate solo ai dipendenti della zecca. Le uniche due (che non sono di prova) sono custodite nella tesoreria della zecca R5 . Non ti sembra che ci sia un certo squilibrio nella cosa.    

Edited by VERDISSIMO
Link to comment
Share on other sites


Le monete di prova sono state legalmente coniate dalla zecca, è stato approntato un punzone, ecc....

Le monete coniate in metalli diversi, con escrescenze/mancanze di metallo, con assi spostati, ecc....... sono tutti "aborti" di monete che avrebbero dovuto essere scartate, ma che invece (con la complicità di qualcuno) sono state fatte uscire.

Link to comment
Share on other sites


e gli artefatti , quasi sempre (diciamo al 99,9%), sono fatti quando le monete sono in circolazione, perciò fuori dalla Zecca.

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, cembruno5500 dice:

e gli artefatti , quasi sempre (diciamo al 99,9%), sono fatti quando le monete sono in circolazione, perciò fuori dalla Zecca.

Ciao,scusate se mi intrometto se questi artefatti sono fatti fuori zecca , poi vengono venduti con tanti di certificati da venditori autorizzati ma le autorita 'competenti perche' non intervengono sequestrando tutto e chiudendo questi siti di falsari?.:huh:

Link to comment
Share on other sites


non confondiamo gli errori o Varianti con le manipolazioni di qualche buon tempone che non hanno altro di meglio da fare.

I venditori autorizzati (penso che intendi Periti e NIP) certificano se una moneta, a loro parere è autentica o meno,con errori o Varianti, e non ho mai visto periziata una moneta artefatta.

Le monete artefatte non sono dei falsi, non confondiamoci.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Nel libro di Attardi viene catalogata come E.A. cioè Errore Artefatto, pag. 266 I 29 b peso della moneta gr. 3,75

Ciao,quindi l'artefatto non è un falso,puo' essere messa in vendita tranquillamente sul sito altervista la moneta è quotata:  BB 125.00€   SPL 250.00€   FDC  500.00€

non so se è periziata e se è in vendita.Suppongo che molti collezionisti  la possiedono nonostante l'artefatto.....

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, Liamred00 dice:

 

Ciao,quindi l'artefatto non è un falso,puo' essere messa in vendita tranquillamente sul sito altervista la moneta è quotata:  BB 125.00€   SPL 250.00€   FDC  500.00€

non so se è periziata e se è in vendita.Suppongo che molti collezionisti  la possiedono nonostante l'artefatto.....

questi prezzi li spenderei per una moneta ben diversa da un ventino che è andato in circolazione, poi ognuno li spende come vuole.

Penso che i veri Collezionisti non la vorrebbero in collezione, queste cose sono specchietto per le allodole.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.