Jump to content
IGNORED

Lombardia Ducatone, 1608, Filippo III, Milano: Ritratto Maestoso


Philippus IX
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti,

vorrei condividere con tutti voi l'ultimo tondello entrato nella mia collezione di tre Filippi (II, III e IV) del Ducato di Milano, quindi sotto il dominio spagnolo.

Si tratta di un ducatone di Filippo III del 1608 coniato nella zecca di Milano (peso: 31,9 g; diametro: 4,3 cm). Il ducatone in questione (MIR 340/8) si presenta con un'affascinante e leggera patina con qualche sporadica incrostazione. Il tonello è molto largo ed il conio perfettamente centrato. Notevole è soprattutto il ritratto del sovrano con tutti i rilievi ancora perfettamente conservati.

D/ PHILIPPVS III REX HISPA .; Busto corazzato a destra con spallaccio ornato da maschera leonina e collare del Toson d'Oro, colletto alla spagnola e testa radiata; Sotto il busto: . 1608 .

R/ MEDIOLANI DVX ET . C .; Stemma inquartato con aquile e bisce, sormontato da corona aperta 

Tale acquisto è il risultato di una molto lunga attesa e di paziente ricerca quasi quotidiana, ossia l'attesa di trovare, a prezzo accettabile, l'esemplare con un grado di conservazione ottimale.

Attendo anche i vostri commenti...

Saluti!

DSC01735.JPG

DSC01739.JPG

DSC01735 a.JPG

  • Like 8
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao!

Bel "pataccone" non c'è che dire .... ;)

Più che godibile e decisamente in condizioni migliori di quanto generalmente si trova in commercio. Non seguo questa monetazione, ma ho visto in rete, in vendita a fior di bigliettoni (€. 500/600), esemplari molto scadenti rispetto al tuo.

Complimenti. Secondo te le due "nuvolette" davanti al naso, cosa sono? Fessurazioni o mancanze nel conio?

saluti

luciano

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Complimenti ancora, acquisto indubbiamente ben mirato, mi piace molto anche l'ampio modulo e il ritratto.

Indubbiamente le coniazioni furono veramente ingenti, tante varianti e variantine, alcuni sono pezzi ibridi, qui è il tipo con corona senza rami, MIR 340/8 ritenuto R di rarità o Crippa 9 con la variante però di legenda HISPA che ha due varianti a cifre piccole o grandi.

Il 1608 è però nel tipo Crippa sotto la spalla, qui è centrale e ha due punti prima e dopo la data.

Interessante vedere che nel tipo con data 1608 scompaiono sulla corazza gli arabeschi che invece ci sono nel 1602 e 1603.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Io lo classificherei come Crippa 9/D (data sotto al busto, cifre grandi) con variantina data dai punti ai lati del millesimo. Crippa considera la moneta comune.

Che bel monetone, complimenti all'amico @Philippus IX!!!!

Antonio

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


37 minuti fa, anto R dice:

Io lo classificherei come Crippa 9/D (data sotto al busto, cifre grandi) con variantina data dai punti ai lati del millesimo. Crippa considera la moneta comune.

Che bel monetone, complimenti all'amico @Philippus IX!!!!

Antonio

Direi di si con in più la variante di legenda HISPA invece di HISPANI

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Grazie a tutti,

correggetemi se sbaglio, ma rispetto agli esemplari Crippa 9/d, credo che l'esemplare che ho postato abbia, oltre alle caratteristiche che avete già individuato, quindi:

- HISPA invece di HISPANI;

- i puntini accanto al millesimo 1608;

anche:

- i caratteri della legenda del dritto più grandi e spaziati;

- il punto dopo ET nella legenda del verso;

- l'8 della data molto più ad S.

Inoltre, il punto accanto alla prima aquila (sopra) ed il tratto sopra la prima biscia (sopra), nello stemma inquartato, sono secondo voi semplici segni di ribattitura?

Saluti!

Link to comment
Share on other sites


Supporter
9 ore fa, Philippus IX dice:

Inoltre, il punto accanto alla prima aquila (sopra) ed il tratto sopra la prima biscia (sopra), nello stemma inquartato, sono secondo voi semplici segni di ribattitura?

Saluti!

Ciao!

Non mi danno l'impressione di una ribattitura; probabile che siano frutto di difetti nel conio; soprattutto il tratto sopra la prima biscia, difficile pensare che se fosse stata una ribattitura, non avrebbe interessato anche la biscia stessa, che è a meno di un millimetro, invece quest'ultima è integra e senza "ombreggiature".

saluti

luciano

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


10 ore fa, Philippus IX dice:

Grazie a tutti,

correggetemi se sbaglio, ma rispetto agli esemplari Crippa 9/d, credo che l'esemplare che ho postato abbia, oltre alle caratteristiche che avete già individuato, quindi:

- HISPA invece di HISPANI;

- i puntini accanto al millesimo 1608;

anche:

- i caratteri della legenda del dritto più grandi e spaziati;

- il punto dopo ET nella legenda del verso;

- l'8 della data molto più ad S.

Inoltre, il punto accanto alla prima aquila (sopra) ed il tratto sopra la prima biscia (sopra), nello stemma inquartato, sono secondo voi semplici segni di ribattitura?

Saluti!

Ciao, spaziati i caratteri direi di si, più grandi non so, forse, il punto c'è, per l'8 più a S cosa intendi ?

Link to comment
Share on other sites


Salve @dabbene,

negli esemplari che ho visto fino ad ora l'8 era formato prevalentemente da un numero, ossia 8, o da una S molto snella, le cui estremità erano leggermente allungate fino a formare quasi un 8.

In questo caso la S mi sembra molto tozza con le estremità ben staccate dal resto, quindi assomiglia più ad un 5 che ad un 8.

Saluti!

Link to comment
Share on other sites


A me sembra comunque un otto, però l'argomento non è di poco conto se Crippa dedica ben due pagine la 222 e la 223 a questo problema ...

In pratica il ducatone 1605 è di dubbia esistenza, ci sono tre citazioni di 1605 ma il Crippa sostiene che siano errate letture e mette immagine ingrandite del denaro da soldi 100 per far vedere la differenza col 5 che invece ha la data del 1605.

Quindi non risulterebbe, però si potrebbe anche vedere, d'altronde stiamo riflettendo insieme, un denaro da soldi 100 con data 1605 e poi confrontarli....non sarebbe male farlo...

 

Edited by dabbene
Link to comment
Share on other sites


Salve, effettivamente il 5 sui denari da 100 soldi diverge parecchio dalla tozza S presente sul mio ducatone. Tuttavia i coni per il ducatone potrebbero essere stati molto diversi rispetto ai 100 soldi, anche se in teoria parliamo dello stesso anno di coniazione.

Personalmente una S del genere tenderei a collegarla prima ad un 5 che ad un 8, ciò è confermato anche da diversi tondelli del 1615 (ossia 161S) relativi alla zecca di Messina, sempre di Filippo III. Vorrei postare, quindi, un 3 tarì del 1615 e menzionare anche un 4 tarì, sempre del 1615, presente nel nostro catalogo: http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-FLC/9.

Saluti!

 

13609D.jpg      13609R.jpg

Moneta tratta da Artemide Aste 13E (11.12.2011).

Link to comment
Share on other sites


20 minuti fa, dux-sab dice:

per me è un 8.  e se fosse un 8 anche quello del 4 tari' ? 

Salve @dux-sab, credo di no, l'8 del 1618 è molto diverso dalla S del 1615. Vorrei postare un altro 4 tarì della zecca di Messina, questa volta del 1618.

Saluti!

 

ZECCHE ITALIANE - MESSINA - ...   4448R.jpg

Moneta tratta da Inasta, Asta n. 66, lotto 4448 (12.12.2016).

Link to comment
Share on other sites


Salve @dabbene, non possiedo il Crippa (Carlo Crippa, Le monete di Milano durante la dominazione spagnola dal 1535 al 1706, VOL. III), per cui volevo chiederti, quali sono le conclusioni che spingono il Crippa ad attribuire il millesimo 160S al 1608 invece che al 1605.

Secondo me quest'informazione è fondamentale e determinante per l'andamento di questa discussione.

Grazie anticipatamente...

Link to comment
Share on other sites


@Philippus IX i miei complimenti per l' acquisto una moneta splendita, coniata in un tondello perfetto e ben centrata. Il busto del Re ben coniato e con tutti i dettagli, Toson d' oro, maschera sul petto e spallaccio leonino, ben visibili. Al rovescio uno stemma, corona e legenda molto belli.

La pazienza e la ricerca nel pezzo giusto è stata premiata.

Per quanto riguarda la data, a mio parere è 1608. Possiedo anche io un ducatone dove l' 8 ha le stesse caratteristiche del tuo esemplare, cioè che non sono completi i due cerchi. La cifra 5 nelle monete di Filippo III, mi riferisco ai 100 - 50 (millesimo e valore) e 5 soldi (millesimo e valore) la parte in alto finisce a punta e verso l' alto, come nelle foto dei post #14 e #15.

Appena posso posto la foto della data del mio esemplare.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


In attesa della foto della data dell'esemplare di @Parpajola, avrei ancora un piccola osservazione.

In questi giorni ho controllato parecchio in giro sul web e sui miei cataloghi (tranne il Crippa) ma non ho trovato nessun esemplare con i caratteri del dritto così grandi e la versione di legenda HISPA. Quindi potrebbe essere una variante ancora inedita...

Saluti!

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.