Jump to content
IGNORED

GETTONE INGLESE XIX° sec. IMITAZIONE ZECCHINO DI VENEZIA


URIANO
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti

 

vorrei proporvi l'immagine di questo gettone commerciale inglese del 19° sec.  fatto a imitazione dello zecchino veneziano del doge Alvise III Mocenigo utilizzato per il commercio africano.

Questi gettoni furono probabilmente coniati da un commerciante londinese di nome John Cook, che gestiva una società di commercio con suo figlio, come recita la legenda “ JOANNES.ILLE. COQVVS. SUI FILIIQUE. (John medesimo Cook e suo figlio).

Simili gettoni furono ampiamente utilizzati nel 19° sec. da molti commercianti inglesi, che li usavani sia nei loro commerci africani che orientali; i pezzi  richiamavano e sfruttavano la fama e il prestigio di una moneta, quella veneziana,  a lungo utilizzata in quelle terre. Sarebbe interessante, tuttavia, sapere quale fosse il valore attribuito loro sia dai commercianti inglesi ma soprattutto dagli africani, se cioè li considerassero dei semplici pezzi di conto (quindi avessero coscienza che fossero delle patacche) oppure li considerassero vere monete. Tuttavia non sempre queste imitazioni erano fatte in ottone: imitazione di zecchini di Venezia, con una rappresentazione astratta di Cristo, del Doge e di San Lorenzo, ma in oro, sono noti in India. Mi piacerebbe saperne di più su tali pezzi ma non riesco a trovare fonti documentali.

Diam. 24,12 mm, 2,5 gr.

Una buona serata

 

 

04387C.jpg

Edited by URIANO
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Chiedo scusa

credo di aver sbagliato la rubrica; mi accorgo solo ora di essere in medaglistica invece che in exonumia. Spero che il curatore mi perdoni e che sia così gentile da spostare il topic nella rubrica corretta. Grazie

Link to comment
Share on other sites


Supporter
7 ore fa, URIANO dice:

Salve a tutti

 

vorrei proporvi l'immagine di questo gettone commerciale inglese del 19° sec.  fatto a imitazione dello zecchino veneziano del doge Alvise III Mocenigo utilizzato per il commercio africano.

Questi gettoni furono probabilmente coniati da un commerciante londinese di nome John Cook, che gestiva una società di commercio con suo figlio, come recita la legenda “ JOANNES.ILLE. COQVVS. SUI FILIIQUE. (John medesimo Cook e suo figlio).

Simili gettoni furono ampiamente utilizzati nel 19° sec. da molti commercianti inglesi, che li usavani sia nei loro commerci africani che orientali; i pezzi  richiamavano e sfruttavano la fama e il prestigio di una moneta, quella veneziana,  a lungo utilizzata in quelle terre. Sarebbe interessante, tuttavia, sapere quale fosse il valore attribuito loro sia dai commercianti inglesi ma soprattutto dagli africani, se cioè li considerassero dei semplici pezzi di conto (quindi avessero coscienza che fossero delle patacche) oppure li considerassero vere monete. Tuttavia non sempre queste imitazioni erano fatte in ottone: imitazione di zecchini di Venezia, con una rappresentazione astratta di Cristo, del Doge e di San Lorenzo, ma in oro, sono noti in India. Mi piacerebbe saperne di più su tali pezzi ma non riesco a trovare fonti documentali.

Diam. 24,12 mm, 2,5 gr.

Una buona serata

 

 

04387C.jpg

Buona giornata

In effetti talvolta si vedono questi "gettoni" offerti in aste online, anch'io, però, non ho trovato mai nessuno scritto che ne documentasse la loro battitura e l'uso che se ne faceva.

E' probabile che, come dici tu, fossero gettoni di conto o contromarche date per riscontro di qualche servizio; non ce li vedo proprio ad essere spacciati per moneta.

saluti

luciano

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.