Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

bizerba62

Dismettere la propria collezione su eBay

Inviato (modificato)

@bizerba62

Molto interessante. A mio avviso vi sono alcune considerazioni da fare:

1) che il giudice della Commissione tributaria regionale stigmatizza alcune frasi forti della difesa volte a sottolineare l'arbitrarietà della richiesta da parte di specifici funzionari dell'Ufficio Entrate. Cioè: se un funzionario ritiene qualcosa a tuo danno può benissimo farti passare le pene dell'inferno solo in base al principio che una determinata fattispecie è prevista per legge, anche se la interpreta malamente (per malizia o incapacità) e non ne paga le conseguenze

2) Il caso mi sembra quello di un poveraccio che vende francobolli ad un prezzo al di sotto del valore facciale: se un altro avesse venduto la sua collezione di monete guadagnandoci, o per lo meno recuperando sensibilmente quanto speso, cosa sarebbe stato eccepito?

3) il linguaggio dei tribunali è di difficile comprensione e tra taglia-incolla e frasi mal espresse (non si capisce sempre se quanto scritto è una conclusione del giudice o una citazione di quanto detto/scritto in precedenza) le motivazioni divengono di complessa interpretazione.

Modificato da Giov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

40 minuti fa, Giov60 dice:

3) il linguaggio dei tribunèli è di difficile comprensione e tra taglia-incolla e frasi mal espresse (non si capisce sempre se quanto scritto è una conclusione del giudice o una citazione di quanto detto/scritto in precedenza) le motivazioni divengono di complessa interpretazione.

L'ultima parte delle sentenze, cioè la "motivazione", e' la parte che da conto del ragionamento svolto dai Giudici.

Le parti precedenti sono il riepilogo delle posizioni espresse dai contendenti.

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

ciao,

da quel che ne so(letto appunto sulla piattaforma)ebay stessa doveva comunicare gli importi

delle sue fatturazioni agli organi preposti.Quest'ultimi poi,se ne esistevano i presupposti avviavano un'indagine per capire

se l'attività era dovuta a compro/vendo o cessione dilazionata di grande collezione.

Evidente che per arrivare a processo e sentenza qualche passaggio è stato ignorato.

E' altresì logico dedurre che nelle maglie,qui sfilacciate,qui troppo strette,si muovono una miriade di

personaggi che vanno inquadrati.

Una volta(non so se sia ancora così...)c'era un massimale di commissione per le vendite relative a monete che era del 10%

con un tetto massimo di 500 € di commissione.

Quindi se si vendeva uno scudo del 1901 a 80000 € si pagavano sempre 500 euro,come aver venduto 1000 pezzi singoli a 5€

cadauno.Certo sono estremi,ma credo ci siano tuttora molti "traffichini" che si muovono indisturbati,a discapito poi sempre dei soliti...

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

interessante....molto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno, consentitemi di dire che trovo assolutamente ingiusta e vergognosa la normativa che sottopone a regime fiscale i casi di cui si discute, quando cioè la raccolta è frutto di una passione e di un paziente lavoro (e di una spesa) prolungatosi magari per decine di anni.

Dittatura della democrazia? Mah, il risultato finale è comunque e come al solito, l'incentivo a cercare soluzioni diciamo così, "clandestine".

Al di là delle polemiche (nel nostro Paese potrebbero farsene a iosa circa la cecità sulla vera evasione fiscale) sarei molto curioso di sapere se nel resto d'Europa, dove è magari consentito pure l'uso del metaldetector, lo stato eserciti la medesima pressione fiscale sui nostri "colleghi" numismatici (non professionisti).

Cordiali saluti a tutti

Arcangelo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?