Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

sixtus78

Token Giorgio III

Inviato (modificato)

Salve a tutti. Qualcuno gentilmente mi fornisce la spiegazione del perché vennero emessi i token durante il regno di Giorgio III ? Dal catalogo Spink noto che durante il lunghissimo regno di re Giorgio il taglio monetario in argento più grande fu solamente lo scellino con la sola data del 1787. Perché ? Poi ci sono i token emessi dopo il 1800 in differenti tagli. Erano destinati anche alla circolazione interna in Gran Bretagna oppure circolavano solamente nelle colonie ? È per me una particolarità strana che un paese già ricco come l'Inghilterra di allora e con un regno così lungo abbia emesso così poco circolante in argento almeno fino all' epoca della nuova coniazione a partire dal 1816. Forse la mia domanda comprende molteplici risposte, intanto grazie a chi saprà rispondere, saluti.

Modificato da sixtus78

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

C'era anche la corona e altri pezzi in argento  .. non è vero che lo shilling era il nominale più alto in argento ... Comunque il regno di Giorgio III è stato molto particolare dal punto di vista economico ... caratterizzato dalla Coinage Act del 1816 .

Ora non ho tempo appena riesco approfondiamo meglio ... Se qualcuno intanto vuole farsi avanti ...

Modificato da matteo95

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Matteo95, grazie per il tuo pronto intervento. Onestamente io sullo Spink vedo sotto il regno di Giorgio III per il solo argento unicamente emissioni del più alto nominale fino al 1816 lo scellino. Mi puoi spiegare meglio ? Grazie, ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eccoci allora iniziamo :)

il discorso è piuttosto complesso e merita di essere preso un po' alla "larga"

Come noto dopo la salita al trono di Mary Stuart e William d'Orange del 1694(?) ( vado memoria) si cerca di irrobustire le loro finanze; un mercante-banchiere, William Paterson, propone loro un prestito di £ 1.200.000 a patto di consentire alla creazione di una Banca che emetterà banconote per pari ammontare. Nasce così la Bank of England.

La situazione con Giorgio III è simile; le ingentissime spese militari dovute prima agli scontri in America e poi alle guerre napoleoniche prosciugarono completamente le casse. Entrò così nuovamente in gioco la Bank of England che coniò token alla Soho Mint . Da notare come la parola token in inglese oltre a "gettone" possa essere tradotta anche come "buono" ... il significato era quindì lo stesso dei buoni da 1 o 2 Lire coniati durante il regno di Vittorio Emanuele III in Italia.

Inizialmente per poter disporre di moneta sussidiaria avevano contromarcato pezzi da 8 R spagnoli con una testina di Giorgio III facendo nascere la famosa strofetta:

The Bank of England,
to make his Dollar pass,
put the head of a fool
on the neck of an ass.

Inizialmente i pezzi da 8 R venivano valutati 4s. 6p. come da Regio Decreto emesso dalla Regina Anna nel 1704; per staccarsi da questa tradizione un forte quantitativo fu spianato e riconiato con valore facciale di 5s. Ma la forza della speculazione obbligò nel tempo a rivalutarli fino 5s. 6p ( allego immagine tratta da un giornale dell'epoca della notizia )

 

 

Capture.JPG

Piace a 4 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo, ho visto si sul catalogo i pezzi spagnoli contromarcati. Grazie per la spiegazione, come mai però la situazione richiese una così limitata produzione di argento con il solo scellino per tutto l'ultima parte del XVIII secolo ? Dunque i token erano accettati e spesi come moneta corrente anche nei confini nazionali inglesi. Anche il dollaro ? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15 minuti fa, sixtus78 dice:

Ottimo, ho visto si sul catalogo i pezzi spagnoli contromarcati. Grazie per la spiegazione, come mai però la situazione richiese una così limitata produzione di argento con il solo scellino per tutto l'ultima parte del XVIII secolo ? Dunque i token erano accettati e spesi come moneta corrente anche nei confini nazionali inglesi. Anche il dollaro ? 

principalmente direi per due motivi: perchè al tempo la Royal Mint riversava in pessime condizioni economiche e perchè il sistema monetale inglese era basato sull'oro ( e continuò pure dopo il 1816 ) ... basti pensare che nel 1774:  20 milioni di esemplari da una guinea oramai  logori da cent'anni dicircolazione vennero fusi e riconiati ... ricordiamoci che le monete di un regnante continuavano a circolare pure dopo la sua morte

 

Sulla tua seconda domanda ho qualche dubbio ma, direi di no . Innanzitutto è opportuno segnalare come con Dollar si ci riferisse al pezzo da 8 spagnolo e non al dollaro americano che in quei anni iniziava ad essere prodotto in basse quantità e che comunque era basato anch'esso su quello spagnolo ;)

Thomas Jefferson il 2 Settembre 1776 al Continental Congress infatti raccomandò come il nuovo paese dovesse adottare come nuova valuta monetaria una che fosse basata sullo Spanish Milled Dollar

 

 

 

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie. Sempre preciso ed esauriente. La quantità elevata d'argento emessa da Giorgio II sostenne la circolazione argentea dei decenni di fine 700' del successore. Ignoravo che la zecca d'oltremanica fosse in condizioni precarie con alle spalle una nazione estremamente attiva e sviluppata commercialmente come la Gran Bretagna del XVIII secolo. I tagli inferiore dei token in argento invece circolavano liberamente nel paese ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie , YES :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Le guerre napoleoniche, poi, indussero all'abbandono dell'argento per i tagli più piccoli. Puoi cercare sul forum e su internet cartwheel penny e trovi parecchio materiale. Purtroppo, è andato off-line il sito relativo alla commemorazione di Mattthew Boulton

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?