Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
caiuspliniussecundus

Una bella provinciale

Vi posto questa immagine di una moneta provinciale appartenente alla collezione del British Museum. E' bellissima e presenta una patina nocciola altamente desiderabile. Un colore perfetto, il mio preferito su bronzo e oricalco. E' un peccato che monete di questa qualità si vedano poco nelle aste.

Purtroppo non so aggiungere molto a riguardo, (non so neanche che peso e diametro abbia).

Caius

post-705-1163449311_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dattari la riporta al n° 1843, 35 mm. Penso sia una dracma e dovrebbe pesare oltre 20 g. Il rovescio è illustrato nella tavola XXIII.

Il rovescio è così descritto da Dattari:

Serapis e Isis busti in traguardo, Isis porta corna di bove, disco e penne tra due spighe. Tra loro Harpokrates (Arpocrate) in piedi a sinistra nudo, porta skhent, la destra alla bocca, nella sinistra cornucopia e chlamys; sotto aquila a destra, gira la testa a sinistra; le ali spiegate. Nel campo L - IH.

Datata al 133/134 d.C. (IH = 18, ossia anno di regno 18 di Adriano).

Questo rovescio, in qualche modo, riassume la mitologia della nascita di Arpocrate.

Arpocrate, Sarapis ed Isis formano la triade dominante delle emissioni alessandrine.

Arpocrate è legato al culto egizio di Horus (Horus fanciullo). E' raffigurato sia a figura intera che solo il busto, con skhent, l'indice della mano portato alla bocca ed una cornucopia.

Sarapis è invece il risultato della fusione di tematiche ellenistiche ed egiziane; in esso sono raccolti gli attributi di Osiride, Apis ed Horus.

Iside era la sposa di Osiride da cui ebbe origine Horus.

Osiride venne gettato nel Nilo rinchiuso in una bara, dopo che il fratello Set ve lo aveva fatto entrare con l'inganno. Quando Iside riusci a ritrovare il corpo di Osiride lo portò nella sua reggia; qui si trasformo' in un'aquila e con il battito delle ali rianimò Osiride per il tempo necessario al concepimento di Horus.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alcune notizie sul Tempio di Serapide ad Alessandria :

Nel 1850 il Museo del Louvre mandò Auguste Mariette in Egitto con il compito di acquistare dei manoscritti copti. Non riuscendo però ad ottenere l'autorizzazione per entrare nei conventi dove sono custoditi i papiri decide di rimanere ugualmente in Egitto, rimanendo affascinato da quel paese, ma allo stesso tempo deluso dai furti compiuti dei secoli precedenti all'interno dei monumenti storici.

Durante un soggiorno a Saqqara, nell'ottobre di quello stesso anno, nota vicino alla piramide a gradoni una sfinge che emerge dalla sabbia e che sembra essere del tutto uguale ad altre quindici che l'archeologo aveva visto presso un collezionista ad Alessandria ed al Cairo.

Per Mariette è tutto chiaro: quella sfinge come pure quelle vista ad Alessandria ed al Cairo appartengono alla strada che conduce al tempio di Serapis, detto Serapeum, descritta da Strabone. Qui riposano i tori sacri di menfi, gli Apis, che furono nel corso dei secoli associati alla divinità greca-egizia Serapis, introdotta da Tolomeo I. Il 1° novembre 1850, Mariette inizia i lavori di scavo, senza alcun incarico nè approvazione ufficiale. L'impresa si presenta davvero difficile. L'ostacolo più grande è rappresentato dalla sabbia che frana ogni volta che si affondano vanghe e picconi. Ma il lavoro prosegue frenetico e dalla sabbia cominciano ad emergere le prime sfingi. Dopo circa un mese sono cinquanta, ma il loro numero è destinato ad aumentare vertiginosamente fino ad arrivare a disseppelirne centoquarantuno.

Viene anche ritrovata una statua del lirico greco Pindaro, una del dio Bes, due grandi sfingi del re Nectanebo II e il tempio fatto costruire dallo stesso re.

Tuttavia l'ingresso al Serapeum appare difficile da individuare e Mariette decidere di abbandonare gli scavi nell'estremità orientale del sito per iniziarli in quella occidentale.

Le risorse finanziarie incominciano a scarseggiare e Mariette è costretto a comunicare al governo francese la sua importante scoperta archeologica, riuscirà così ad ottenere 30.000 franchi per ultimare la missione. A questo punto però intervengono le autorità egiziane che sollevano la questione dell'appartenenza dei reperti ritrovati e Mariette è obbligato a bloccare gli scavi. Ma grazie ad un'intesa raggiunta tra Egitto e Francia l'archeologo può riprendere il lavoro. Finalmente, Mariette riesce ad individuare l'ingresso che conduce al Serapeum e il 12 novembre 1851 entra nel cimitero dei tori Apis, scavato nella roccia dal re Psamtek I.

Dopo aver attraversato i vasti corridoi che ospitano le camere sepolcrali , al lume delle fiaccole Mariette scorge davanti a sè alti sarcofagi in granito rosso e nero che superano i tre metri d'altezza. All'interno di queste grandi tombe si trovavano un tempo i corpi imbalsamati dei sacri tori. Mariette trova ventiquattro sarcofagi e scopre che solo due sono intatti mentre tutti gli altri sono stati saccheggiati; non mancano invece le stele, presenti a migliaia.

Gli scavi continuano e il 1° febbraio del 1852 Mariette trova un'altra galleria che conduce ad un secondo cimitero, fatto costruire dal sommo sacerdote di Ptah, Khamuas, figlio di Ramesse II. L'archeologo vi trova ventotto sarcofagi lignei intatti in cui riposano gli Apis e uno contenente una mummia umana con una maschera d'oro posta sul viso e con indosso numerosi gioielli. Da alcune iscrizioni Mariette capisce di trovarsi davanti al corpo del figlio di Ramesse II.Al termine dei suoi scavi Mariette chiude in quarantaquattro casse quasi seimila reperti e li spedisce al museo del Louvre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alcune immagini del Serapeum (avevo anche una foto di un enorme colonna appartenente al tempio ma non la trovo più)

Serapeum post-119-1163479995_thumb.jpg

Pianta gallerie post-119-1163480058_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?