Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Il Farmacista

Stranezze anacronistiche dell'ufficio vaticano

Risposte migliori

Il Farmacista

Buonasera a tutti!
Sono qui a cercare conforto e pareri su una cosa che, nel 2017, mi sembra davvero fuori dal mondo. Sembra quasi di essere in comunicazione con l'ufficio vendite dei vecchi cataloghi per corrispondenza (Vestro, Postalmarket etc etc).

Invece si tratta dell'ufficio filatelico e numismatico della Città del Vaticano!

Bene, la questione è la seguente: i metodi di pagamento accettati...
Nei giorni scorsi ho ricevuto un'email dal citato ufficio, che mi informava che non avevo ancora espresso la prenotazione degli articoli assegnati; al fondo della email una tabella (non un allegato carino in pdf, una tabella incollata nel corpo dell'email) con prezzi delle emissioni, costo di spedizione etc etc e gli spazi riservati ad indicare gli estremi della carta di credito.
Ho risposto all'email dicendo che non mi sembrava molto sicuro inviare dati sensibili in questo modo (fosse stata almeno una PEC) e chiedevo se erano disponibili altri metodi di pagamento. La loro risposta:

"...certamente può effettuare o il vaglia postale internazionale oppure inviare un assegno Suo di conto corrente o circolare..."

a mio parere potevano anche indicare "banconote dentro una busta per posta prioritaria"...

Sono io fuori dal mondo o anche a voi sembra strano che nel 2017 non abbiano ancora fatto in modo di poter ricevere un pagamento tramite carta di credito (online ovviamente), paypal, bonifico bancario etc etc? I mezzi per poter pagare in modo sicuro e in questo modo tutelare l'acquirente esistono, ma sembra quasi che non ne siano a conoscenza...

Ora il mio dilemma è:

  1.  rinunciare all'acquisto sperando che nei prossimi anni si evolvano
  2. pagare 6€ di vaglia internazionale (anche se non so a chi, visto che non mi hanno fornito gli estremi)

Scusate lo sfogo...
Buon proseguimento!!!

Marco

Modificato da Il Farmacista

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giulira
Supporter

Io so che qualche anno fa hanno escluso lo IOR (banca vaticana) dai circuiti bancari internazionali (comprese carte di credito) per via  del riciclaggio e di varie operazioni poco trasparenti e truffaldine .

Visto che nel mondo delle banche la fiducia e' tutto, una banca che l'ha persa completamente fa molta fatica a riconquistarla.

Puo' darsi che a tutt'oggi non gli sia consentito di fare operazioni con carte di credito e quindi debbano appoggiarsi mediante contante a banche esterne. E di conseguenza non possano utilizzare piattaforme e-commerce .

Chiaro che non te lo diranno mai, ma potrebbe essere cosi'


 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cristianaprilia

Puoi mandare il modulo per fax e nella rete non rimane niente, oppure come la maggior parte delle persone fornirgli la postepay, se sei abituato a fare acquisti in internet dovresti già saperlo che è la migliore soluzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Farmacista
1 ora fa, giulira dice:

Io so che qualche anno fa hanno escluso lo IOR (banca vaticana) dai circuiti bancari internazionali (comprese carte di credito) per via  del riciclaggio e di varie operazioni poco trasparenti e truffaldine .
 

Non avevo pensato alla cosa... effettivamente...

6 minuti fa, cristianaprilia dice:

Puoi mandare il modulo per fax e nella rete non rimane niente, oppure come la maggior parte delle persone fornirgli la postepay, se sei abituato a fare acquisti in internet dovresti già saperlo che è la migliore soluzione.

Il discorso non è sui metodi che potrei utilizzare (anche i soldi in busta a questo punto potrebbero andar bene), ma sull'anacronismo della cosa (negli anni 70/80 si utilizzavano fax, vaglia, assegni...)

La soluzione migliore è non fare acquisti in rete ma direttamente di persona se vogliamo allungare il discorso... tutto quel che può lasciare traccia (anche il fax, a meno che tu non ne abbia uno in casa privato) non va bene, ne' a livello di privacy ne' di sicurezza. Senza considerare la scomodità dell'utilizzo di fax o mezzi postali, sia come tempo che come costi.
Online mi "fido" unicamente di paypal che dà parecchie garanzie all'utente, specie sul fronte  delle eventuali frodi.
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob
2 ore fa, Il Farmacista dice:

Buonasera a tutti!
Sono qui a cercare conforto e pareri su una cosa che, nel 2017, mi sembra davvero fuori dal mondo. Sembra quasi di essere in comunicazione con l'ufficio vendite dei vecchi cataloghi per corrispondenza (Vestro, Postalmarket etc etc).

Invece si tratta dell'ufficio filatelico e numismatico della Città del Vaticano!

Bene, la questione è la seguente: i metodi di pagamento accettati...
Nei giorni scorsi ho ricevuto un'email dal citato ufficio, che mi informava che non avevo ancora espresso la prenotazione degli articoli assegnati; al fondo della email una tabella (non un allegato carino in pdf, una tabella incollata nel corpo dell'email) con prezzi delle emissioni, costo di spedizione etc etc e gli spazi riservati ad indicare gli estremi della carta di credito.
Ho risposto all'email dicendo che non mi sembrava molto sicuro inviare dati sensibili in questo modo (fosse stata almeno una PEC) e chiedevo se erano disponibili altri metodi di pagamento. La loro risposta:

"...certamente può effettuare o il vaglia postale internazionale oppure inviare un assegno Suo di conto corrente o circolare..."

a mio parere potevano anche indicare "banconote dentro una busta per posta prioritaria"...

Sono io fuori dal mondo o anche a voi sembra strano che nel 2017 non abbiano ancora fatto in modo di poter ricevere un pagamento tramite carta di credito (online ovviamente), paypal, bonifico bancario etc etc? I mezzi per poter pagare in modo sicuro e in questo modo tutelare l'acquirente esistono, ma sembra quasi che non ne siano a conoscenza...

Ora il mio dilemma è:

  1.  rinunciare all'acquisto sperando che nei prossimi anni si evolvano
  2. pagare 6€ di vaglia internazionale (anche se non so a chi, visto che non mi hanno fornito gli estremi)

Scusate lo sfogo...
Buon proseguimento!!!

Marco

Emetti(per fare ciò ti devi recare ad uno sportello bancario:non costa nulla) un assegno circolare NON TRASFERIBILE e lo intesti all'intestatario della fattura.Poi,per maggior sicurezza, spedisci l'assegno tramite Raccomandata con Ricevuta di ritorno.

Salutoni

odjob

Modificato da odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Farmacista
1 ora fa, odjob dice:

...per fare ciò ti devi recare ad uno sportello bancario:non costa nulla...

facessero almeno fare un bonifico bancario, direttamente dal divano... :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ART

Io opterei per lingotti d'argento recapitati con piccione viaggiatore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

prtgzn

Quando acquistavo monete dal vaticano ho sempre fatto il vaglia internazionale. E' scomodo perchè bisogna recarsi all'ufficio postale. La prima volta è stato panico perchè nessuno sapeva quali codici bisognava inserire. Adesso ho risolto il problema: non compro più monete del Vaticano. Mi arrivano le mail dicendo che non ho ancora fatto l'ordine per le monete a me assegnate e io gentilmente, declino l'invito invitandoli ad assegnarle ad altri utenti. Non acquisto più per il semplice motivo che oramai le monete in euro sono diventate un salasso e un business con continue emissioni di ricorrenze e ricordi vari.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Farmacista
19 ore fa, ART dice:

Io opterei per lingotti d'argento recapitati con piccione viaggiatore.

Occhio che potrebbero proporlo come metodo di pagamento...

11 ore fa, prtgzn dice:

Quando acquistavo monete dal vaticano ho sempre fatto il vaglia internazionale. E' scomodo perchè bisogna recarsi all'ufficio postale. La prima volta è stato panico perchè nessuno sapeva quali codici bisognava inserire. Adesso ho risolto il problema: non compro più monete del Vaticano. Mi arrivano le mail dicendo che non ho ancora fatto l'ordine per le monete a me assegnate e io gentilmente, declino l'invito invitandoli ad assegnarle ad altri utenti. Non acquisto più per il semplice motivo che oramai le monete in euro sono diventate un salasso e un business con continue emissioni di ricorrenze e ricordi vari.

In parte, concordo con quel che hai scritto, ma se ci si limita alle divisionali e 2€ commemorativi, non credo sia un salasso (poi, dipende da tanti fattori).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

prtgzn
31 minuti fa, Il Farmacista dice:

Occhio che potrebbero proporlo come metodo di pagamento...

In parte, concordo con quel che hai scritto, ma se ci si limita alle divisionali e 2€ commemorativi, non credo sia un salasso (poi, dipende da tanti fattori).

Il riferimento non è solo verso il Vaticano, ma all'area euro in generale. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×