Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
VALTERI

Ritorni ravvicinati

Risposte migliori

VALTERI

Battuto in asta Bertolami 29 ( 22-03-2017 ) al lotto 86 per 5.500 Sterline , questo statere incuso di Caulonia tornerà  al mercato da  Gorny  in asta 249 ( 11-10-2017 ) al lotto 65 .

001 Gorny 249 n. 65 = Bertolami 29 n. 86.jpg

002 Gorny 249 n. 65.jpg

Modificato da VALTERI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FrancoMari

Probabilmente non ha convinto neanche il secondo proprietario, come me del resto.

Oppure è qualcuno che prova a realizzare di più, ma non credo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

VALTERI

@FrancoMari post 2

Cosa , in particolare , non ti convince di quell'esemplare ? 

Per il maggior realizzo , trovo che , dopo 5.500 Sterline più diritti e spese , possa non essere così facile .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FrancoMari

Ciao Valteri,

premetto che non sono un esperto di questa monetazione, ma ti dico le mie impressioni sullo statere in questione:

- Il rovescio ha dettagli troppo definiti per la tipologia, sembra infatti il negativo del dritto, mentre tipicamente il rovescio è molto grezzo nelle forme perché ribattuto per dare rilievo al dritto.

- alcuni dettagli di apollo mi lasciano pensare il deltoide del braccio destro, il bicipite del sinistro (esagerati), i piedi così in rilievo...

- la moneta non ha praticamente ossidazione e anche ammesso che sia stata pulita dovrebbero rimanere tracce di ossido almeno negli interstizi più profondi, non ne vedo... non ci sono micro segni di usura o consunzione pur essendo il conio particolarmente in rilievo e quindi esposto ai colpi

- lo stile dell'etnico è molto regolare, le lettere hanno tutte lo stesso rilievo come se l'incisore sia stato così bravo di usare la stessa forza nell'imprimere ciascuna di esse sul conio                                                                                                       - La moneta non ha una provenienza... essendo un esemplare ricercato e così ben conservato dovrebbe provenire da qualche collezione o aver fatto qualche passaggio in asta, a parte Bertolami questo stesso anno invece nulla. Aggiungo che le sue aste dove è stato e sarà battuto lo statere non sono proprio una "garanzia" da questo punto di vista.... 

caulonia nomos.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

VALTERI

In  " stateri incusi di Caulonia " ( 10-05-2015 ) si è un poco trattato di questi tipi e lì si può vedere che nei primi conii a tondello molto sottile e largo , il rovescio , pur più semplificato rispetto al diritto , non è ancora grezzo e quasi indefinito come diverrà negli ultimi incusi a tondello ridotto con spessore maggiorato .

Entrambe le facce delle monete sono realizzate con conii , dunque anche il rovescio è un disegno voluto ancorché semplificato , come anche  ragionato da G. Gorini ( la monetazione incusa della Magna Grecia , 1975 ) di cui aggiungo stralcio  .

Su non pochi conii ( sempre dei primi tipi ) la figura del diritto ha buoni dettagli delle masse muscolari , come dei capelli (questi a volte anche sul rovescio) .

Sulla tecnica di "fabbricazione" di queste monete , ad esempio con impiego di punzoni separati per cornici e forse anche leggende , sono state avanzate ipotesi come ricordato dall'Autore di cui sopra .

Queste sono alcune considerazioni sulle monete incuse in generale : sulla moneta in discussione in particolare , altro non saprei dire , se non ricordare che è già comparsa sul finire di  discussione " Caulonia , statere incuso " ( 05-02-2017 ) .

 

 

100.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Mi sembra un bel esemplere, non noto l'assenza totale di patina che osserva franco, mentre non vi sono segni d'usura, il fatto che la parte incusa sia meno definito si riscontra in molti esemplari.

Il fatto che compaia prima da Bertolami e poi, dopo poco tempo da Gorny però potrebbe essere dovuto al fatto che l'acquirente  abbia trovato un pezzo migliore.

Trovo affascinante l'ipotesi del Gorini per l'utilizzo dei punzoni separati  (od ad incastro) proposta dal Gorini, purtroppo non ho trovato più nessun riscontro dopo l'edizione del suo libro, e dall'analisi di molte monetre non ho mai trovato spunti che potessero confermare tale teoria.

 

Daniele

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

VALTERI

Ripropongo i cenni di G. Gorini sull'ipotetico  impiego di punzoni separati , almeno per alcune monete  incuse .

001.jpg

002.jpg

003.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×