Jump to content
IGNORED

Moneta provinciale di Caracalla?


Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

ho acquistato di recente in un'asta internazionale la moneta di cui riporto una fotografia (purtroppo non eccezionale), proprio  in quanto affascinato dal fatto che non riuscivo a identificarla (Il venditore, una notissima azienda tedesca, la identificava come  "Caracalla denarius victory"). Nonostante molte ricerche, però, non sono ancora riuscito a catalogarla...

Al diritto leggo abbastanza facilmente ANTONINOC, mentre non riesco a distinguere con chiarezza il resto della legenda; il ritratto sembra proprio quello giovanile di Caracalla (più di quello di Elagabalo).

Alla legenda del rovescio (nel cui campo è evidentemente raffigurata la "Victoria"), pur essendo molte lettere facilmente identificabili, non riesco a dare un senso compiuto. Il peso e il diametro (gr. 2,8, mm. 19) sono compatibili con il denario e con la dracma e sembra proprio di argento, anche se di una lega piuttosto "povera".

Ringrazio anticipatamente chiunque possa aiutarmi nella identificazione

Atticus

 5a0c83bf7a73a_Monetadaidentificare.thumb.jpg.2e4eb2507341a00812665fdd0ce0ac6c.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter

DE GREGE EPICURI

A prima vista mi era sembrato un "denario del limes" (vedi discussione: "Denario di bronzo"), sicuramente non in argento ma in rame o lega (rame+ piombo o stagno). Ma guardando meglio soprattutto le legende, si vede che qualcosa non torna: sono un miscuglio di latino e di greco, inoltre vi sono parti incongrue e senza significato evidente. Infatti, al D si legge ANTONINOC  sulla sinistra (lingua greca), mentre a destra: APUS..?

Al rovescio sembra di leggere VICTOP (che non è nè greco nè latino!) seguito da V-F-A (o lambda)-AUGU..(?)

A questo punto, penso sia una moneta imitativa, forse prodotta in oriente, coniata o fusa, questo non è facile da capire.

Edited by gpittini
Link to comment
Share on other sites


Grazie per le risposte! Anch'io non trovo soluzione per le legende né in greco né in latino...

Avevo pensato a una zecca provinciale minore, di quelle che hanno talvolta incertezze tra latino e greco nelle legende (situazione più frequente, però, con imperatori successivi (penso soprattutto a  Volusiano... ).

Sembra però proprio coniata e non fusa e decisamente di buona fattura...  

Atticus

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.