Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Risposte migliori

roman de la rose
Supporter

Carlino di Carlo V° -  la zecca dovrebbe essere L'Aquila se non erro.

Carlo V° 1519/1556

Carlino zecca dell'Aquila (attendo vostre di conferma) peso grammi 3 . diametro mm. 25

D; carolus (sigla) IIIII:ro:im° 

R;:arago.utrivs:sicil r

ecco quello che mi interesserebbe sapere e il significato esatto di quella lettera A dietro la testa del sovrano

IMG_20180203_115650.jpg.238a31e65a737f104c62e294c8e3802b.jpg   IMG_20180203_115702.jpg.3e37a0d8ff2abfc60618d5fc0c123c9e.jpg

 

Modificato da roman de la rose
correzione
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Complimenti è un carlino molto raro. se fosse l' Aquila. l"aquiletta dovrebbe seguire Carolvs..ma non la vedo bene, mi sembra più la sigla di Ram che la condurrebbe a Napoli Mir 148/1. riguardo la lettera A, la riferirei al "cugnatore"..la legenda è un po' diversa da come l'hai scritta tu.saluti Eliodoro

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

roman de la rose
Supporter
9 minuti fa, eliodoro dice:

Complimenti è un carlino molto raro..l"aquiletta dovrebbe seguire Carolvs..ma non la vedo bene.. riguardo la lettera A, la riferirei al "cugnatore"..la legenda è un po' diversa da come l'hai scritta tu.saluti Eliodoro

 

 

 

E si, è sabato ed è stata una settimana pesantissima e qualche errore come d'uso lo faccio ma correggo subito.

Ecco qui mi piacerebbe avere delucidazioni, tra aquiletta e sigla ram, un'amico mi parlo un tempo appunto di questa sigla ram

provo ad ingrandire foto ma sembra ci sia una sorta di R.

.IMG_20180203_115650.jpg.8c5ea039da7a50f1a011baf0618c2934.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

5a7f551795b0d_IMG_20180210_2121452.jpg.fbbe5274647623cec093ee1b7393021f.jpg

 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Il mir Italia meridionale continentale lo cataloga l' Aquila con la sigla di Ram e legge la sigla A come quella del mastro di zecca Geronimo Alberto che resse la zecca alla fine del 1545, quando Luigi Ram fu sospeso

 

 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aleale

Ciao,

complimenti per la moneta, i carlini con testa coronata e sigla A (mastro di zecca reggente Albertino) sono piuttosto rari...

In un libro piuttosto recente il monogramma viene ricondotto alla Regia Corte e dunque la moneta sarebbe da assegnarsi a Napoli...

 

  • Mi piace 3
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter
Ciao,
complimenti per la moneta, i carlini con testa coronata e sigla A (mastro di zecca reggente Albertino) sono piuttosto rari...
In un libro piuttosto recente il monogramma viene ricondotto alla Regia Corte e dunque la moneta sarebbe da assegnarsi a Napoli...
 

Interessante.. è possibile sapere il titolo del libro? grazie... Saluti Eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Quindi rimane il dubbio di attribuzione tra Aquila e Napoli, vediamo come si sviluppa intanto la discussione, per il momento ho lasciato il Tag Abruzzo, pronto però nel caso a cambiare ...sentiamo se ci sono altre voci 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

roman de la rose
Supporter

Buongiorno a tutti non mi sono assentato ma seguo con estremo interesse lo svolgersi della discussione, grazie a tutti.

Modificato da roman de la rose
modifica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

santone

@roman de la rose

bel carlino,

 nel volume The Italian Coinage of Charles V,  abbiamo assegnato la moneta a L'Aquila, R4,

non ci risultano esemplari con il simbolo aquiletta, infatti riportiamo l'esemplare CNI  XVIII n.103-104 che non presenta l'aquiletta ma una escrecenza di metallo,

dai documenti d'epoca sappiamo che a L'Aquila  si ebbe una seconda fase di produzione dal 16 giugno 1547 con concessione 

del vicerè don Pedro De Toledo  che permise la coniazione di tari,carlini,mezzi carlini,cavalli, a patto che venisse apposto sulle monete un segno distintivo per

discernerle da quelle di Napoli, il  " monogramma " o R stilizzata, che troviamo dopo CAROLUS ,

 

ciao @dabbene   il tag è ok, solo se puoi spostare in regno di Napoli

Modificato da santone
  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Fatto 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

Il volume è: "Aspetti politico-monetari all'epoca di Carlo V en el Reyno de Napoles; gran bel libro .... di Simonluca Perfetto - Gennaio 2012

Insieme al Tarì con questo simbolo, sono emesse dal Toledo per conto della Regia Corte, emesse a seconda delle esigenze sia a Napoli che all'Aquila.

Questo con la A, è abbastanza Raro. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Filippo1948

Cortesemente potrei chiedervi quale documento ci testimonia con certezza che al privilegio del 1547 siano seguite coniazioni? Se le monete dell'Aquila dovevano avere un segno distintivo, come può questo ravvisarsi nel contrassegno della Regia Corte già in uso da qualche anno?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Filippo1948
7 ore fa, Rex Neap dice:

Il volume è: "Aspetti politico-monetari all'epoca di Carlo V en el Reyno de Napoles; gran bel libro .... di Simonluca Perfetto - Gennaio 2012

Insieme al Tarì con questo simbolo, sono emesse dal Toledo per conto della Regia Corte, emesse a seconda delle esigenze sia a Napoli che all'Aquila.

Questo con la A, è abbastanza Raro. 

Cortesemente, potrebbe indicarmi i riferimenti documentali a sostegno del testo in grassetto?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

santone

altra prova delle coniazioni a L'Aquila è il furto di oggetti in argento dalle chiese , compresa l'urna di S. Berardino 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap
20 ore fa, Filippo1948 dice:

Cortesemente, potrebbe indicarmi i riferimenti documentali a sostegno del testo in grassetto?

Lessi il volume tempo fa; ho riportato in grassetto per evidenziare che in quel volume è scritto quello. Dovrei rileggerlo e riportare qui.

Lei lo ha il libro in questione ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Filippo1948

Non a portata di mano: lo lessi appena edito, ma non trovai risposta alla mia domanda.

Il 11/2/2018 alle 15:01, Rex Neap dice:

Il volume è: "Aspetti politico-monetari all'epoca di Carlo V en el Reyno de Napoles; gran bel libro .... di Simonluca Perfetto - Gennaio 2012

Insieme al Tarì con questo simbolo, sono emesse dal Toledo per conto della Regia Corte, emesse a seconda delle esigenze sia a Napoli che all'Aquila.

Questo con la A, è abbastanza Raro. 

 

Modificato da Filippo1948
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Filippo1948
13 ore fa, Rex Neap dice:

Sul riferimento alla Regia Corte sono d'accordo; è come possa ascriversi a L'Aquila che non mi è chiaro, visto che il privilegio è posteriore all'introduzione del contrassegno.

Modificato da Filippo1948
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aleale

Ciao a tutti,

quello che mi sembra di avere capito, correggetemi se sbaglio, è che il "famoso" simbolo sia da ricondursi alla Regia Corte indipendentemente dalla zecca di coniazione. Come dice @santone L'Aquila ha sì coniato, ma complice il fatto che il privilegio sia posteriore all'introduzione del simbolo (@Filippo1948), non è appunto quel simbolo discriminante per discernere le due coniazioni. Che era quello che diceca @Rex Neap qualche post fa.

Dunque sull'attribuzione della moneta in questione c'è ancora incertezza...

Però, aggiungo io, ho memoria di un tarì che, al posto della cosiddetta "R stilizzata", presenta una vera e propria R (nel giro della legenda).... nel fine settimana provo a recuperare le immagini e mi rileggo il capitolo del libro di Perfetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Filippo1948

Il documento raccomanda “et, perché ditta moneta essere stata cugnata in la sopraditta città de l’Aquila, volimo che in quella se faczia alcuno signo per cognoscere essere stata cugnata in ditta città”, quindi è alquanto improbabile che il monogramma possa riferirsi tanto a monete di Napoli quanto a monete dell'Aquila.

Modificato da Filippo1948
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Filippo1948
43 minuti fa, aleale dice:

Ciao a tutti,

quello che mi sembra di avere capito, correggetemi se sbaglio, è che il "famoso" simbolo sia da ricondursi alla Regia Corte indipendentemente dalla zecca di coniazione. Come dice @santone L'Aquila ha sì coniato, ma complice il fatto che il privilegio sia posteriore all'introduzione del simbolo (@Filippo1948), non è appunto quel simbolo discriminante per discernere le due coniazioni. Che era quello che diceca @Rex Neap qualche post fa.

Dunque sull'attribuzione della moneta in questione c'è ancora incertezza...

Però, aggiungo io, ho memoria di un tarì che, al posto della cosiddetta "R stilizzata", presenta una vera e propria R (nel giro della legenda).... nel fine settimana provo a recuperare le immagini e mi rileggo il capitolo del libro di Perfetto.

E alla luce dei nuovi studi quali sarebbero questi segni discriminanti? Se il simbolo discriminante non è il monogramma, allora ascriviamo indistintamente a Napoli e a l'Aquila anche le monete (posteriori al 1547) che il monogramma non ce l'hanno?

Modificato da Filippo1948

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

iachille
Il 10/2/2018 alle 20:48, roman de la rose dice:

Carlino di Carlo V° -  la zecca dovrebbe essere L'Aquila se non erro.

Carlo V° 1519/1556

Carlino zecca dell'Aquila (attendo vostre di conferma) peso grammi 3 . diametro mm. 25

D; carolus (sigla) IIIII:ro:im° 

R;:arago.utrivs:sicil r

ecco quello che mi interesserebbe sapere e il significato esatto di quella lettera A dietro la testa del sovrano

IMG_20180203_115650.jpg.238a31e65a737f104c62e294c8e3802b.jpg   IMG_20180203_115702.jpg.3e37a0d8ff2abfc60618d5fc0c123c9e.jpg

 

la soluzione si trova qui

https://www.academia.edu/35546070/Instrucciónes_para_la_cecca_dela_moneda_de_Nápoles_ann_1543_1546_1561._Edizione_commentata

ciao

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×