Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
SporaN27

macchinette ad ultrasuoni..

Risposte migliori

SporaN27

salve a tutti..

ho notato che molta gente usa le macchinette ad ultrasuoni per pulire le monete..

è affidabile questa tecnica?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

per quanto ne so io serve per un tipo di sporco molto debole...e non incrostazioni a noi familiari. Poi mi pare sia molto più efficace sull'argento e sull'oro, infatti viene usata dagli orafi per eliminare quella pellicola scura dai gioielli.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LUCIO

Sto facendo anche io una mia piccola "indagine di mercato" proprio in questi giorni (ma non per pulizia di monete, quanto per altri piccoli oggetti).

Nei centri commerciali di varie catene si vendono di queste macchinette a prezzi stracciatissimi (a partire da circa 25 Euro), ma chi ha provato questi modelli mi ha detto che sono quasi inutili (credo per via della frequenza di ultrasuoni troppo bassa e non modulabile).

I modelli più professionali hanno caratteristiche decisamente migliori (credo che si vada oltre i 50 KH e soprattutto la frequenza è regolabile, per aggredire più efficacemente tipi di sporco differenti), però il costo sale notevolissimamente (diverse centianaia di Euro) e la reperibilità non è tanto facile.

Sarei interessato ad una "via di mezzo", ma non vorrei trovarmi a pagare semplicemente un po' di più lo stesso prodotto tecnico di fascia commerciale più bassa. Ci vorrebbe qualcuno che avesse esperienza concreta e che ci consigliasse.

Modificato da LUCIO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lanotte

Ciao, attenzione ad usare pulitori ad ultrasuoni di basso costo (ma anche di alto), inquanto non sono ad ultrasuoni ma producono vibrazioni tramite un albero disassato del motorino interno. Quindi usarlo per pulire le nostre amate monetine incrostate dal tempo. puo dare dei problemi.Certo qulche monetina

moderna ne ha tratto beneficio, ma alcune del regno (20 e 50 cent impero) sono uscite con degli strani buchi.

Personalmente lo sconsiglio, poi.........

Ciao ALberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

POLG

Io ho presso una a 20 euro.....riesce a staccare lo sporco se molto debole...diciamo che serve anche, nel caso di incrostazioni grosse, come se fosse una spazzolatura forte...ma niente di più.

Certamente bisogna vedere altre macchine, e altri modi...so che si può mettere la moneta in un contenitore plastico, con qualche liquido strano, e il tutto nella macchinetta di ultrasuoni...ma non mi fido, visto che sono ignorante e preferisco non rischiare ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico

Leggo solo ora questo post ...

dunque per mia esperienza , le macchinette ultrasuoni da pochi euro non servono a niente , sono macchine ideate per i laboratori orafi , e poi tramutate in prodotti commerciali a basso costo e bassissime prestazioni , tanto per darvi un idea una discreta macchina ultrasuoni per orafo costa sulle 300 euro , la macchina funziona a livelli ottimali solo se l'acqua ha una temperatura minima di 50 gradi ed e' in essa diluita una soluzione detergente , quindi i problemi sono molti se applicata alla numismatica , primo il detergente che potrebbe reagire sulle monete , secondo la temperatura che anch'essa potrebbe influire sulla nostra monetina , terzo la moneta non deve appoggiare su niente quindi deve essere in sospensione nell'acqua , con gli oggetti d'0reficeria ci si arrangia con uncini di plastica che offrono poca superficie di contatto , perche lo sfregamento dell'oggetto con un altro , per via delle vibrazioni , provoca dei micro graffi se uno e di plastica , ma se ad esempio l'oggetto e' appoggiato al fondo , che per macchine piu professionali e' in acciaio , si ottiene un effetto satinatura nelle parti in contatto , nelle monete molto antiche gli ultrasuoni possono provocare sgradevoli effetti come il distaccamento di parti di metallo , con monete tipo bronzetti romani , potrebbero addirittura portare via l'intera patina scrostandola letteralmente dal metallo , con le monete moderne e' un altro discorso puo effettivamente essere efficace , ma non elimina patine indesiderate , ma solo lo sporco .

diciamo quindi che e' un ottima alternativa allo spazzolino , ma solo per monete moderne , o in oro .

pur avendone l'occasione non ho mai provato ad usarla con le monete , provero' quanto prima e vedo se riesco a postare delle foto del prima e dopo

ciaoooooooooooooo

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LUCIO
. . . attenzione ad usare pulitori ad ultrasuoni di basso costo  . . . Certo qualche monetina moderna ne ha tratto beneficio, ma alcune del regno (20 e 50 cent impero) sono uscite con degli strani buchi.

186178[/snapback]

. . . per mia esperienza , le macchinette ultrasuoni da pochi euro non servono a niente , sono macchine ideate per i laboratori orafi , e poi tramutate in prodotti commerciali a basso costo e bassissime prestazioni

. . .

nelle monete molto antiche gli ultrasuoni possono provocare sgradevoli effetti come il distaccamento di parti di metallo , con monete tipo bronzetti romani , potrebbero addirittura portare via l'intera patina scrostandola letteralmente dal metallo . . .

188339[/snapback]

Scusate tanto, ma non ho capito <_< .

Come dicevo in precedenza sono molto interessato a queste apparecchiature e stavo appunto in questi giorni meditando un acquisto.

Nel mio caso non pensavo ad un uso per monete antiche, però le problematiche più o meno sarebbero le stesse.

A quanto pare più di uno degli itervenuti ha sconsigliato l'impiego di questa tecnica su monete antiche, ma da alcune delle osservazioni proposte sembrerebbe sconsigliabile perché insufficiente, secondo altre sconsigliabile perché troppo aggressivo :blink: .

Come dicevo, già qualcuno fuori dal Forum mi aveva suggerito che l'ideale sarebbe una vasca ad ultrasuoni veramente professionale, con la frequenza regolabile (però così si sale notevolmente di prezzo).

E' questo il problema?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico

Dipende molto dalla moneta , puo trarne benefici , oppure no , gli ultrasuoni la scuoteranno attraversandola letteralmente , ora se il metallo e' integro non succede niente , se si puo creare un danno si creera' , poi ci sono i fattori di rischio che ho elencato , il detergente la temperatura e il contatto con la vasca , per il detergente e la temperatura calcola che sono determinanti per un funzionamento ottimale dell'ultrasuoni , con l'acqua fredda non pulisci bene , il detergente aumenta la percorrenza delle onde e deterge ovviamente , ora puoi usarla con acqua demineralizzata a temperatura ambiente , e senza detergenti , ma le prestazioni diminuiscono di molto , quindi rischieresti che la moneta non risulti pulita bene , e butti i soldi , se alzi la temperatura gia si otterranno risultati migliori ma anche li non garantisco la pulitura al 100% della moneta a meno che i tempi di immersione non siano lunghi .

passiamo alla modulazione , deduco che in caso di moneta che abbia delle caratteristiche che possano far pensare di usare una bassa frequenza e perche questa ad alte frequenze si possa rovinare , detto questo e' logico pensare che il danno si potrebbe procurare anche a bassa frequenza in quanto non sappiamo qual'e' la frequenza che creera' il danno , quindi se propio devi farlo , fallo su monete che diano una certezza di riuscita , a questo punto non ti serve avere il modulatore , ma poi dipende da quanto sei disposto a rischiare .

In definitiva alla fine le monete vengono solo pulite ,non saprei quanto convenga spendere una bella somma per pulire le monete e avendo un certo fattore di rischio ,

a meno che' le quantita' di monete da pulire non siano grosse ..

comunque appena ho l'occasione faccio come detto , e postero' foto di monete prima e dopo , e provando i vari fattori , temperatura e detergente ecc..

p.s. lucio se ti serve ti do l'indirizzo di operatori professionali che vendono attrezzature orafe , oppure ti do i nomi e ti cerchi il rivenditore piu vicino

p.p.s. se mi dici su che tipo di monete e l'epoca intendi usarle se ho qualcosa in casa utile allo scopo sperimento su quelle

ciaoooooooooooooooooo

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LUCIO
se ti serve ti do l'indirizzo di operatori professionali che vendono attrezzature orafe , oppure ti do i nomi e ti cerchi il rivenditore piu vicino

p.p.s. se mi dici su che tipo di monete e l'epoca intendi usarle se ho qualcosa in casa utile allo scopo sperimento su quelle

188693[/snapback]

No, no, non la userei per monete, ma per tutt'altro (per pulire componenti elettroniche e meccaniche di precisione), le monete io non mi azzardo mai a pulirle (e nel caso le affido al restauratore). Comunque sono interessato all'esperimento, per farmi una idea ed eventualmente a qualche consiglio in PVT.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mazzarello silvio
Supporter

ciaio ci sono altri tipi oltre a quelle degli orafi e sono quelle da odontotecnica che oltre a poter regolare la temperatura dell'acqua usano due recipienti in vetro che sono in ammollo nella vasca principale io la sto usando da un po' di tempo in quanto ho in ammollo parecchie tetradracme alessandrine colpite da cancro e incrostazione varie e le ho messe in un recipiente separate l'una dall'altra da una reticella spessa in plastica in poche parole sono a strati in un vaso ce ne sono 18 a quattro per strato e sono in ammollo in acqua demineralizzata che cambio sovente e i risultati ci sono ma con molta pazienza. per quanto riguarda i liquidi lasciate stare perchè anche i più blandi eliminano bene tutte le incrostazioni anche velocemente ma tolgono anche la patina dall'argento corrodendo leggermente il metallo parlo per esperienza. io uso normalmente questo modello per lavoro e funziona pero il prezzo e decisamente più alto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Credo che effettivamente per i metalli nobili, possa venire buono, ma per monete antiche in bronzo, possa essere aggressivo, perchè oltre a rimuovere le incrostazioni, potrebbe far saltare la patina... :(

Questo è un particolare che emerse una volta che ne parlai con un mio amico che l'aveva usato per alcuni bronzi romani.

Le monete si erano pulite, ma in alcuni punti la patina era saltata, anche completamente. <_<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LUCIO

Dopo molte esitazioni mi sono deciso ad acquistare una di queste macchinette a basso costo (bassissimo nel mio caso perché ne ho acquistata una di "fine serie" presso un mio fornitore di materiale elettrico ed elettronico d'occasione pagandola € 2.50 -diconsi dueecinquanta-).

Ebbene sto facendo qualche prova e direi che le osservazioni che erano state fatte fino ad ora mi tornano tutte e le posso confermare.

Decisamente non è un sistema di pulitura particolarmente raffinato, se qualcuno si illude che basti mettere l'oggetto nella vaschetta, accendere ed il gioco è fatto, non può che rimanere deluso.

Non l'ho provata con monete e non penso di usarla per questi scopi, però mi è venuta la curiosità di vedere cosa poteva succedere con pezzetti di laminetta di rame non antico eppure in forte stato di ossidazione e di incrostazione e con aderenze di terra seccata.

Il paragone più calzante che mi venga in mente direi che è con una accurata spazzolatura con spazzolino morbido, le probabiltà che si verifichino con la mia modestissima macchinetta ad ultrasuoni dei piccoli distacchi nel corso della pulitura direi che sono in quell'ordine (cioè stessa probabilità di fare qualche piccolo danno come se si stesse usando uno spazzolino). In compenso -a parità di rischio di fare qualche piccolo danno- con il sistema ad ultrasuoni in immersione è però molto minore la probabilità che l'errore lasci segni particolarmente riconoscibili (come sono invece i brutti graffi di una spazzolata troppo pesante).

Poi mi rendo conto ora concretamente di quanto era stato già osservato da altri in questa stessa discussione, e cioè che ciò che pulisce veramente alla fine è la sostanza liquida con la sua temperatura e con i suoi eventuali additivi che viene utilizzata nella vaschetta, mentre gli ultrasuoni servono in realtà ad esercitare una azione meccanica diffusa, in grado di penetrare fin nelle minime cavità e nei sottosquadri.

Insomma a prima vista uno strumento che potrebbe servire a qualcosa di utile una volta imparato ad usare con un po' di attenzione, ma non certo nulla di miracoloso nè di usabile a cuor leggero.

Modificato da LUCIO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×