Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
eg1979

ISAURICO ???

Risposte migliori

apostata72

La sensazione mi dice zeno ma la foto e le condizioni della moneta non sono abbastanza chiari

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

In effetti il venditore ha fatto delle foto in cui si vede pochissimo, forse lo ha fatto per qualche motivo??? :blink: :blink: :blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apostata72

Secondo regno vuol dire le emissioni avvenute dopo l'urpazione di Basilisco.

La sensazione che sia zeno mi sorge soprattutto perchè c'è la croce sopra al ritratto, come previsto per le emissioni di zeno nel secondo regno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Sapete il problema? Ho problemi col pc di casa quindi per ora non posso postare le mie foto alla moneta. Ora, ad esempio, mi trovo ad un internet point nei miei continui giri per l'Italia.

Diciamo che cmq è Zeno? Chi altro ha la croce sul dritto? A me il monogramma sembra quello di Zeno, ma non so perchè qualcosa mi dice potrebbe essere Antemio, ma sicuramente sbaglio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Ecco le immagini. Vi assicuro che nelle mie mani la moneta è migliore.

Partiamo dal monogramma, che mi pare proprio quello di Zeno

post-248-1168420137_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Credo che quella specie di semicerchio renda inequivocabile l'identificazione di Zeno :) :) :)

post-248-1168420572_thumb.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Ed ecco, SE E' LUI, un ritratto di Zeno (Zenone) tratto da wikipedia. Faccio notare, annoso dibattito senza soluzione, che viene indicato come imperatore bizantino.

Zenone o Tarasicodissa o Trascalisseo, (morto nel 491), fu imperatore bizantino dal 9 febbraio 474 al 9 aprile 491.

Fu uno dei più importanti tra i primi imperatori bizantini. Rivolte interne e dissensi afflissero il suo regno che, ciononostante, ebbe qualche successo nelle questioni estere. Zenone presiedette alla fine ufficiale dell'Impero Romano d'Occidente, contribuendo molto, al tempo stesso, alla stabilizzazione dell'impero ad oriente.

Tarasicodissa, così era noto da giovane, era un Isaurico proveniente dalla regione oggi nota come Armenia. Gli Isaurici sono ritenuti gli antenati dei moderni Curdi, e venivano considerati come barbari dai romani, anche se erano cittadini romani da ormai più di due secoli. Nonostante ciò, un fortunato volgersi degli eventi portò Zenone sul trono di Costantinopoli.

Ben noto come guerriero, Tarasicodissa attirò l'attenzione dell'imperatore Leone I a metà degli anni 460, quando Leone stava cercando delle alternative all'utilizzo dei sempre meno affidabili mercenari alani nel suo esercito. Nel 466, Tarasicodissa svelò il tradimento di Ardabur, figlio del magister militum orientale Aspare, rendendosi così ancor più indispensabile. Per il 468, quando i generali incompetenti (e forse traditori) di Leone portarono la flotta bizantina al disastro nella campagna contro i Vandali, Tarasicodissa era considerato il miglior generale di Leone. Durante una campagna in Tracia sfuggì di poco ad un tentativo di assassinio istigato da Aspare. Al ritorno di Tarasicodissa nella capitale, Aspare venne ucciso su ordine di Leone e Tarasicodissa prese il suo posto come magister militum.

Per rendersi più accettabile alla gerarchia di lingua latina ed alla popolazione greca di Costantinopoli, Tarasicodissa adottò il nome greco di Zenone e lo usò per il resto della sua vita dopo il matrimonio con la figlia di Leone, Ariadne, nel 468. Anche se il matrimonio fu concepito da Leone per assicurarsi l'appoggio degli Isaurici contro l'ambizioso ministro Aspare, questo "accordo politico" portò alla nascita di un bambino, che sarebbe diventato l'imperatore Leone II alla morte del nonno nel 474.

Nel frattempo, Zenone continuò a guidare l'esercito in campagne vittoriose, tra le quali spicca la cacciata dei Vandali dall'Epiro, che essi avevano invaso nel 469 come parte della rappresaglia del re Genserico per essere stato attaccato un anno prima in Africa. Zenone guidò, inoltre, le truppe in incursioni contro gli Unni ed i Gepidi a sud del Danubio. Poiché Leone II era troppo giovane per governare, Ariadne e la di lei madre Verina incoronarono Zenone come co-imperatore, cosa che avvenne il 9 febbraio 474. Quando Leone II si ammalò e morì il 17 novembre, Zenone divenne il solo imperatore.

Egli continuò ad essere impopolare presso la popolazione e presso il Senato a causa delle sue origini "straniere". Una rivolta fomentata da Verina in favore del fratello Basilisco, nel gennaio del 475, e l'ostilità verso i suoi soldati isaurici e verso gli amministratori di Costantinopoli, lo costrinsero a lasciare la capitale per la città di Antiochia, portandovi anche il tesoro imperiale. Zenone si rinchiuse in una fortezza e spese i 20 mesi successivi nella costituzione di un esercito, in gran parte composta da Isaurici a lui fedeli. Marciò infine su Costantinopoli nell'agosto 476. Il crescente malgoverno e l'impopolarità di Basilisco alla fine permisero a Zenone di rientrare nella capitale, senza opposizione, dopo che un'armata guidata dal generale Illo disertò in suo favore. Il suo rivale venne esiliato in Frigia dove venne lasciato morire di fame.

La lotta tra Basilisco e Zenone ostacolò l'intervento dell'impero romano d'Oriente in occasione della caduta dell'Impero d'Occidente, accaduta nel settembre 476. Quando il capo degli Eruli, Odoacre, depose l'imperatore d'occidente Romolo Augusto, inviando le insegne imperiali a Costantinopoli, Zenone aveva appena recuperato il proprio trono, e poté solo riconoscere Odoacre dux d'Italia e patricius della corte bizantina: terminò così l'impero romano d'Occidente.

Allo stesso tempo, Zenone inviò una missione a Cartagine, con l'intento di trovare un accordo permanente di pace con Genserico, che stava ancora compiendo incursioni continue sulle città orientali e sui bastimenti mercantili. Riconoscendo Genserico come re indipendente, con tutte le sue conquiste, Zenone fu in grado di stabilire una pace che pose fine agli attacchi dei Vandali ad est, portò la libertà di religione ai cattolici posti sotto il governo vandalo, e durò per più di 50 anni.

Dal 472 la contesa tra i due capi degli Ostrogoti, Teodorico il Grande e Teodorico Strabone, era stata una costante fonte di pericolo. Anche se Zenone riuscì, talvolta, a far si che si scontrassero l'uno con l'altro, questi furono in cambio capaci di approfittare delle sue rivalità dinastiche, e fu solo con l'offerta di un pagamento e dell'alto comando che riuscì a trattenerli dall'attaccare Costantinopoli.

Zenone sopravvisse ad un'altra rivolta nel 478, quando la sua suocera Verina tentò di uccidere Illo per essersi rivoltato contro Basilisco. La rivolta fu guidata dal genero di Verina, Marciano, e dal signore ostrogoto Teodorico Strabone, ma Illo dimostrò nuovamente la sua fedeltà a Zenone sopprimendola. Comunque, Illo e Zenone ruppero le relazioni nel 484, e ancora una volta Zenone dovette sedare una rivolta sanguinosa ad oriente..

Dopo la morte di Teodorico Strabone, nel 481, il futuro Teodorico il Grande divenne re dell'intera nazione ostrogota e iniziò ad essere una fonte di problemi per la Penisola Balcanica. Zenone si liberò del problema mandandolo in Italia a combattere Odoacre, ma senza riuscire ad eliminare la presenza germanica ad oriente.

Zenone morì il 9 aprile 491, dopo aver regnato per 17 anni e 2 mesi. Poiché lui e Ariadne non avevano avuto altri figli, la sua vedova scelse un suo favorito della corte imperiale, Anastasio, come suo successore.

Zenone viene descritto come un governante indolente e lassista, ma sembra abbia rafforzato le risorse dell'impero tanto da lasciarle apprezzabilmente accresciute alla sua morte. Nella storia ecclesiastica Zenone è associato con l'Henotikon o "strumento di unione", da lui promulgato e firmato da tutti i vescovi orientali, con lo scopo di risolvere la controversia monofisita. Fu anche convinto sostenitore e finanziatore di costruzioni con novità architettoniche, come la cruciforme Chiesa di San Simeone Stilita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

so che la discussione è vecchia, ma sto riprendendo in mano qualche mio bronzetto, approfittando di qualche giorno di malattia

il monogramma dovrebbe essere il "F" sul Morello

ma non riesco a capire se è Antiochia o Costantinopoli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Foto migliore del monogramma

non riesco a leggere la zecca

post-248-1205683833_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×