Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Legio II Italica

Un tentativo di indagine artistica e antropologica

Recommended Posts

Legio II Italica

Gli Etruschi a cominciare dagli albori della storia italica hanno sempre avuto presso i contemporanei e in seguito presso i posteri , un interesse di primo piano tra gli antichi popoli italici , sia per il mistero circa la loro origine , sia perche' furono i primi a tentare una dominazione sull' intera penisola italica , anche se probabilmente piu' per interesse economico che per un calcolo politico come fecero dopo di loro i Romani .

Gli Etruschi definivano se stessi in lingua latina come Rasenna che alcuni traducono come “Rasati” , parola che in Etrusco si scrive Rasna , nome che la Treccani considera come un etnico o come un gentilizio .

Ma chi erano questi Etruschi ? erano nativi dell' Italia o vi arrivarono da altri luoghi ? queste domande hanno assillato da sempre anche gli uomini antichi e praticamente anche oggi torniamo a porci queste domande ; le principali correnti antiche di pensiero riguardo alla loro presenza in Italia erano tre : gli Etruschi erano un antichissimo popolo autoctono italico residente in Italia dalla preistoria , tesi di Diodoro di Alicarnasso , gli Etruschi erano arrivati in Italia via mare dalla Lidia , attuale Turchia , tesi di Erodoto , infine che gli Etruschi erano un popolo indoeuropeo dell' Europa centrale arrivato in Italia dopo essere stato per un tempo non definito in quella regione transalpina chiamata Retia , per l' ultima parte tesi di Tito Livio ; di seguito un estratto delle suddette teorie antiche e moderne :

Erodoto afferma che gli etruschi arrivarono in Italia per via mare , partendo dalla Lidia in Asia Minore . Erodoto riferisce infatti che , subito dopo la guerra di Troia tra il 1250 e il 1200 a.C. , una grave carestia durata quasi 20 anni aveva ridotto alla fame il popolo dei Lidi . Una parte di questi con capo Tirreno , figlio del re Atys , avrebbe allora deciso di lasciare la patria e di andare per mare alla ricerca di nuove terre . Dopo un viaggio lungo e avventuroso , fallito il tentativo di invadere l’ Egitto , i Lidi sarebbero giunti in prossimità delle coste occidentali dell’ Italia . Qui si sarebbero stabiliti tra gli Umbri che popolavano le regioni centrali della penisola e avrebbero assunto il nome di Tirreni . In tempi più recenti qualcuno ha affermato che gli etruschi sarebbero giunti dall’ Europa centrale attraverso le Alpi . Si sarebbero stabiliti inizialmente nella Pianura Padana dando origine in Emilia , durante l’ età del ferro , alla civiltà villanoviana e da qui successivamente avrebbero raggiunto l’ Etruria .
L’ ipotesi più attuale , sulla quale concordano molti studiosi , sostiene che il popolo etrusco sarebbe un residuo di genti antichissime che abitavano il bacino del Mediterraneo rimaste isolate in Etruria dall’ invasione dei popoli indoeuropei , queste popolazioni vi avrebbero sviluppato una grande civiltà adottando probabilmente una lingua parlata da piccoli gruppi di avventurieri navigatori provenienti dall’ Oriente ; un mix tra la tre teorie di Tito Livio , Dionigi e quella di Erodoto .

Ma leggiamo alcune delle principali fonti antiche che trattarono l' origine degli Etruschi :

Secondo Dionisio Periegete (II sec. a.C.) si afferma che :

"Intorno all'Appennino ci sono molte genti che ti elencherò tutte a cominciare dalla parte nord-occidentale. Per primi ci sono i Tirreni, e dopo di loro la gente dei Pelasgi che un tempo da Cillene (in Arcadia) raggiunsero il mare occidentale, e lì si insediarono insieme ai Tirreni. Dopo di loro  c'è il duro popolo dei superbi Latini"

Secondo Esiodo , Teogonia :

"Circe, figlia di helios figlio di hyperion, partorì in unione a Odisseo paziente Agrios e Latino perfetto e forte. Telegono generò grazie ad Afrodite d’oro. Essi molto lontano nel recesso delle isole sacre su tutti i Tirreni illustrissimi regnavano"

Secondo Dionigi di Alicarnasso, Antichità Romane, 1. 29. 1-2 :


 

«c’è stato infatti un tempo in cui Latini, Umbri, Ausoni e molti altri erano chiamati dai Greci ‘Tirreni’, dato che la lunga coabitazione degli ethne rendeva poco chiara la distinzione a chi risiedeva lontano. (...) la stessa Roma, molti scrittori supposero fosse una città Tirrenica.»

Ancora , Dionisio di Alicarnasso, Antichità Romane, 1, 28, 3 :

"Io sono convinto della diversità etnica esistente tra Tirreni e Pelasgi e non penso neppure che i Tirreni siano coloni dei Lidi: non presentano infatti lo stesso linguaggio, né si può dire che, pur non essendo più di lingua affine, conservino almeno qualche ricordo della madrepatria. Non venerano neppure le stesse divinità dei Lidi, né osservano leggi e costumanze simili…”; di conseguenza “sono forse più vicini alla verità quelli che sostengono che i Tirreni non sono emigrati da nessun luogo, ma sono invece un popolo indigeno, poiché in ogni sua manifestazione presenta molti caratteri di arcaicità; sia per linguaggio che per modo di vivere non lo si ritrova affine ad alcun altro popolo. (….)” Non chiamano se stessi Tirreni o Etruschi, “essi in realtà danno a se stessi una propria denominazione, derivata dal nome di un certo Rasenna, di uno dei loro condottieri"

Erodoto invece afferma che :

"I Lidi affermano che contemporaneamente […] fu da loro colonizzata la Tirrenia, dando questa versione dei fatti […] Poiché la carestia non diminuiva, anzi infuriava ancora di più, il re, divisi in due gruppi tutti i Lidi, ne sorteggiò uno per rimanere, l’altro per emigrare dal paese e a quello dei gruppi cui toccava di restare lì mise a capo lui stesso come re, all’altro che se ne andava pose a capo suo figlio, che aveva nome Tirreno. Quelli di loro che ebbero in sorte di partire dal paese scesero a Smirne e costruirono navi e, posti su di esse tutti gli oggetti che erano loro utili, si misero in mare alla ricerca di mezzi di sostentamento e di terra, finché, oltrepassati molti popoli, giunsero al paese degli Umbri, ove costruirono città e abitano tuttora. Ma in luogo di Lidi mutarono il nome prendendolo dal figlio del re che li guidava, e si chiamarono Tirreni"

Tito Livio , Storie, V, 33 7-11

"Prima della dominazione romana la potenza etrusca si estendeva ampiamente per terra e per mare; i nomi dei due mari superiore e inferiore, da cui l'Italia è cinta a guisa di un'isola, offrono una testimonianza della loro potenza, poiché l'uno le popolazioni italiche chiamarono mare Tosco, nome comune all'intera gente, e l'altro Adriatico, dalla colonia etrusca di Adria; i Greci li chiamano pure Tirreno e Adriatico. Si stabilirono nelle terre che si stendono fra entrambi i mari, fondando dapprima 12 città nella regione fra l'Appennino e il Mar Tirreno, e poi mandando al di là dell'Appennino altrettante colonie quante erano le città di origine; occuparono così tutta la regione al di là del Po fino alle Alpi eccettuato l'angolo abitato dai Véneti intorno all'estremità del Mare Adriatico. Anche le popolazioni alpine hanno la medesima origine degli Etruschi, massimamente i Reti, che furono inselvatichiti dai luoghi, si da non conservare di antico se non il suono della lingua e pur esso guastato"

"gli Etruschi in epoca romana interrogati circa la loro origine si credevano indigeni, ignoravano una provenienza dall'Oriente, e consideravano all'incirca coevi i loro stanziamenti transappenninici e cisappenninici, risalenti almeno a 1000 anni prima"

Come si legge da queste parziali testimonianze storiche si discute dell' origine degli Etruschi da sempre e il mistero forse rimarra' insoluto ; in mancanza di dati certi e' pero' possibile affidarci all' antropologia , cioe' a quella scienza che studia l' essere umano sotto diversi punti di vista : sociale , culturale , morfologico ,  sociologico , artistico-espressivo , filosofico-religioso e in genere dal punto di vista dei suoi vari comportamenti all' interno di una società .

Tra tutte queste discipline prendiamo in esame solo quella relativa alla morfologia degli Etruschi e tentiamo un identikit , ma naturalmente non potendo farlo dal vivo e ne' sulle ossa degli antichi Etruschi , quelli delle origini , proviamo ad affidarci alle loro opere artistiche in particolare statue e dipinti che dovrebbero rappresentare come una moderna fotografia i loro tratti somatici , facendo in tal modo un paragone con quelle/i di altri popoli .

Osservando l' antica statuaria etrusca in terracotta , in bronzo e i dipinti tombali salta subito all' occhio la forma della testa etrusca dalla forma piuttosto unica : viso e naso lunghi , occhi grandi ; in particolare il naso visto di profilo e' praticamente in linea con la fronte , oggi diremmo un profilo alla greca , mentre gli occhi se visti dal davanti oltre ad essere grandi sono a mandorla tipici dei tratti orientali il che avvalorerebbe l' origine lidia o comunque orientale degli Etruschi , anche la scrittura lidia ed etrusca hanno similitudini ma anche delle differenze che non permettono di ritenerle identiche ; questo paragone basato sulle raffigurazioni potrebbe avere anche un riscontro anatomico ? Difficile dirlo perche' quelle figure che ci guardano da un lontano passato potrebbero essere soltanto il risultato di una moda artistica dell' epoca evolutasi in seguito con tratti somatici piu' realistici e raffinati , infatti i dipinti tombali etruschi sembrano simili anche ai dipinti egizi , addobbi personali e di fondo a parte , pero' lo stile pittorico delle figure umane sembrano piuttosto simili .

Un altro popolo che pare avere delle similitudini con la statuaria del bronzo degli Etruschi e' il popolo degli antichi Sardi o della Civilta' nuragica che in eta' arcaica abitava la Sardegna , Civilta' a tutt' oggi ancora semi misteriosa ; gli antichi Etruschi potrebbero essere stati dei primitivi Sardi - Nuraghi approdati in Toscana ? La piccola statuaria in bronzo si somiglia ma forse e' frutto di scambi commerciali .

Concludendo questa breve indagine , l' origine degli Etruschi in Italia e' ancora non del tutto chiara , fatto sta che il ruolo che avevano le donne nella societa' etrusca , pari all' uomo era unico tra gli antichi popoli , questo denota una grande civilta' ma anche una grande differenza con le altre civilta' che in antico abitavano l' Italia , compresi i Latini e poi i Romani , dove la donna aveva un ruolo sociale del tutto inferiore all' uomo , tanto che la presenza costante delle donne presso gli uomini fosse ritenuto uno scandalo ; questo stile di vita degli antichi Etruschi per quanto riguarda il rapporto con le loro donne potrebbe rappresentare la chiave per stabilirne la provenienza , rapporto che non trova riscontri con le altre antiche popolazioni italiche coeve agli Etruschi .

In foto due pitture murali etruscha ed egiziana . Tre bronzetti sardo nuragici . SeI bronzi etruschi arcaici datati tra l' VIII e il VI secolo a. C. , l' ultimo bronzo , un canopo , della meta' del I secolo a. C. denota gia' una espressivita' moderna .

pitture murali etrusche.jpg

pitture murali egiziane.jpg

Bronzetto sardo nuragico , guerriero.JPG

Bronzetto sardo nuragico , Sacerdote.jpg

Bronzetto sardo nuragico.JPG

DSCN2711.JPG

DSCN2712.JPG

DSCN2713.JPG

DSCN2716.JPG

DSCN2717.JPG

DSCN2718.JPG

DSCN2715.JPG

  • Like 5
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cato_maior

segnalo un libro scorrevole (neanche 150 pagine) in merito all'arte e (brevemente) alle origini di questo popolo

Risultati immagini per valerio massimo manfredi etruschi

 

Si tratta di un libro in cui l'autore considera le diverse località geografiche teatro della cultura etrusca e ne sottolinea la rilevanza artistica.

Un bel testo che si lascia leggere volentieri, corredato da alcune fotografie significative. Il saggio in sé non offre una panoramica a 360° sul mondo misterioso ed affascinante del popolo etrusco, ma ha il grande pregio di essere sintetico e scritto da un autore appassionato. In conclusione, un libro che offre un piacevole sguardo d'insieme e può essere anche utile come introduzione all'argomento.
Nulla a che vedere con i romanzi storici ma comunque scorrevole e interessante anche per chi non ha troppa confidenza con il mondo etrusco.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nervoso
Stilicho
Supporter

Il popolo etrusco e' veramente un mistero, in cui si uniscono storia e leggenda. Tempo fa lessi un articolo di "Archeo" in cui si diceva che Virgilio raccolse la notizia che la meta ultima del viaggio di Enea avrebbe dovuto essere l'Etruria e in particolare la città di Cortona (o Tarquinia?) dalla quale diverse generazioni prima sarebbe partito Dardano, leggendario capostipite dei re troiani. Si tratta in sostanza di una rivendicazione etrusca della discendenza troiana. Quello di Enea sarebbe stato dunque un ritorno alle origini. E da Enea poi sarebbero discesi i Romani...

Insomma uno strano legame unirebbe Etruschi, Troiani e Romani.

Ciao

Stilicho

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Legio II Italica

Salve : libri , testi specialistici , articoli , conferenze , ecc. ecc. ; sugli Etruschi e' stato scritto di tutto e di piu' , c'e' anche in tempi recenti chi asserisce di aver parlato con loro , tutto questo a dimostrazione di quanto questo antico popolo sia studiato e ammirato dai tempi antichi ad oggi , purtroppo mancano testi etruschi abbastanza lunghi che ci abbiano tramandato la loro storia antica , tranne le Lamine di Pyrgi , attuale Santa Severa (Ladispoli) , queste sono un documento inciso su tre fogli di lamina d' oro di fondamentale importanza per la conoscenza della storia e della lingua del popolo etrusco incise in lingua fenicia ed etrusca . Sono considerate una tra le prime attestazioni epigrafiche in una lingua italica antica , attualmente il reperto è esposto al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma .

Sarebbe stato molto importante se la sorte favorevole avesse conservato per i posteri i libri scritti dall' Imperatore Claudio sulla storia degli Etruschi , sicuramente il primo etruscologo della storia .

Lamine d'oro in lingua etrusca e feniciatrovate a Pyrgi nel 1964.jpg

Edited by Legio II Italica
foto
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97

Salve a tutti, anni fa avevo letto un interessante articolo riguardo all'analisi del DNA mitocondriale estratto da vari scheletri provenienti da necropoli etrusche, e il successivo confronto del mtDNA prelevato da un gruppetto di persone toscane e turche. L'analisi dimostrò che effettivamente il DNA etrusco presenta qualche somiglianza con quello anatolico, più precisamente della parte che si affaccia sul Mar Egeo. Non è una conferma al 100% che risolve questo problematico mistero, ma forse la teoria di Erodoto non è del tutto sbagliata... 

Edited by Xenon97
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Legio II Italica
13 minuti fa, Xenon97 dice:

Salve a tutti, anni fa avevo letto un interessante articolo riguardo all'analisi del DNA mitocondriale estratto da vari scheletri provenienti da necropoli etrusche, e il successivo confronto del mtDNA prelevato da un gruppetto di persone toscane e turche. L'analisi dimostrò che effettivamente il DNA etrusco presenta qualche somiglianza con quello anatolico, più precisamente della parte che si affaccia sul Mar Egeo. Non è una conferma al 100% che risolve questo problematico mistero, ma forse la teoria di Erodoto non è del tutto sbagliata... 

Salve @Xenon97 , infatti sono state eseguite delle analisi del DNA per tentare di stabilire una probabile origine geografica degli Etruschi , questo uno dei link al riguardo http://www.canino.info/inserti/monografie/etruschi/vari/dna/

Occorre anche dire che queste analisi scientifiche possono anche creare delle sorprese , infatti tempo fa in un programma televisivo ad una analisi del DNA di uno svedese biondo occhi azzurri , fu riferito che il suo DNA derivava da un ceppo ebraico .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97
2 ore fa, Legio II Italica dice:

Un altro link che pone interessanti riflessioni sull' argomento

https://tuttatoscana.net/storia-e-microstoria-2/cosa-rivela-il-dna-degli-etruschi/

Salve Legio, l'ultimo articolo è una sorprendente informazione riguardo al presunto collegamento tra Etruschi e Baschi poiché quest'ultimi appartengono alle cosiddette "popolazioni isolate" (ad esempio i Sardi appartengono a questo gruppo). Se fosse vero questo collegamento allora cambierebbe tutta la teoria genetica basca. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

chievolan
15 ore fa, Legio II Italica dice:

 

Sarebbe stato molto importante se la sorte favorevole avesse conservato per i posteri i libri scritti dall' Imperatore Claudio sulla storia degli Etruschi , sicuramente il primo etruscologo della storia .

 

Spes ultima mori ..... speriamo ce li ridiano le ceneri di Pompei.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Legio II Italica
10 ore fa, Xenon97 dice:

Salve Legio, l'ultimo articolo è una sorprendente informazione riguardo al presunto collegamento tra Etruschi e Baschi poiché quest'ultimi appartengono alle cosiddette "popolazioni isolate" (ad esempio i Sardi appartengono a questo gruppo). Se fosse vero questo collegamento allora cambierebbe tutta la teoria genetica basca. 

 

Ciao , e' vero , esistono dei ceppi umani per cosi' dire "isolati" come quelli che hai citato ai quali aggiungerei i Druidi che pur appartenendo al grande ceppo dei Celti erano pero' una casta sacerdotale a parte , il che potrebbe far supporre essere stato un popolo piu' antico dei Celti , tanto piu' perche' la loro origine pare sia stata la Bretannia . Che tutte queste isole di popoli antichi abbiano avuto una comune origine ? 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97
6 ore fa, Legio II Italica dice:

Ciao , e' vero , esistono dei ceppi umani per cosi' dire "isolati" come quelli che hai citato ai quali aggiungerei i Druidi che pur appartenendo al grande ceppo dei Celti erano pero' una casta sacerdotale a parte , il che potrebbe far supporre essere stato un popolo piu' antico dei Celti , tanto piu' perche' la loro origine pare sia stata la Bretannia . Che tutte queste isole di popoli antichi abbiano avuto una comune origine ? 

Salve, in effetti ci sono varie teorie riguardo a questo presunto popolo molto antico con caratteristiche differenti rispetto agli Indoeuropei, e proprio dall'analisi del mtDNA di differenti popoli si è sopraggiunti a questa teoria. Questo potrebbe spiegare le particolarità che abbiamo elencato come i Baschi, i Sardi e la differenza tra i Druidi e i Celti (questi ultimi assolutamente Indoeuropei) 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.