Jump to content
IGNORED

1000 am-mark occupazione germania


Acqvavitus
 Share

Recommended Posts

Buonasera amici del forum,

Avrei da chiedervi un piccolo parere.

Vorrei acquistare la banconota in oggetto perché è anche l'ultima per completare la serie.

In fds o quasi Fds, quanto andrebbe pagata oggi?

Grazie a tutti.

Link to comment
Share on other sites


Si tratta della serie quasi identica alle am-lire, approntate dagli americani per la circolazione nei territori occupati della Germania con valore in Marchi.

Sapete a quanto equivaleva in lire dell'epoca un 1000 am-mark?

Link to comment
Share on other sites


Il 6/4/2019 alle 19:23, Acqvavitus dice:

Sapete a quanto equivaleva in lire dell'epoca un 1000 am-mark?

Ciao :)

Andiamo per gradi. Non ho trovato nulla sul cambio marco/lira, ma nel 1945 gli Alleati fissarono il cambio marco/dollaro a 10 marchi per un dollaro, quindi 1000 marchi erano pari a 100 dollari. Tale cambio rimase in vigore fino al 1948, quando la Germania rivoluzionò il suo sistema monetario.

Nel 1943, sempre gli Alleati, avevano fissato il cambio lira/dollaro a 100 lire per un dollaro, ma due anni dopo la nostra moneta si era ulteriormente, pesantemente svalutata, e di sicuro anche i cambi ne avevano risentito. In questa tabella sono riportati i cambi storici lira/dollaro, tranne per il periodo che ci interessa, dal 1939 al 1954 il cambio viene definito "anomalo" e non è indicato

https://cronologia.leonardo.it/potere.htm

Ho provato, per quel che vale :D a ricavarlo empiricamente, partendo dal valore della lira nel 1937, pari a 1408 lire del 2001 (fine della circolazione) e quello del 1945, crollato a sole 54 lire. Una differenza di ben 26 volte! Ho quindi moltiplicato il cambio lira/dollaro del 1937, pari a 19, per 26, ottenendo 494 lire per un dollaro, cifra che appare congrua col cambio successivo conosciuto, quello del 1955, le famose 625 lire che rimasero pressoché invariate per quasi un ventennio. Ma sono solo ipotesi.

E allora, sempre ipotizzando, potremmo dire che per avere 1000 marchi, ovvero 100 dollari, nel 1945 erano necessarie 49.400 lire, cifra che penso si possa tranquillamente arrotondare a 50.000.

Non posso invece aiutarti sulla quotazione attuale del biglietto da 1000 am-mark.

Questo è il mio

1000am mark.jpg

in una conservazione che si avvicina a SPL, anche se forse non la raggiunge in pieno. Prendilo con beneficio di inventario, ma mi sembra di averlo pagato un qualcosa come 90.000 lire (di sicuro non erano 90 euro), cifra che oggi, dopo oltre vent'anni, non ha più molto senso. Posso solo dire che allora, sicuramente, la ritenevo ragionevole.

Dopodiché, come faccio sempre, mi sono completamente disinteressato degli eventuali incrementi o decrementi del suo valore, io colleziono per la vita, e se un giorno, spero mai, fossi costretto a vendere la mia collezione, solo allora mi porrei seriamente il problema di quanto vale in quel momento.

Maurizio :)

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Grande @petronius arbiter, sapevo che era il tuo campo😊. Davvero un ottima spiegazione, grazie!!

Certo che è una cifra altissima 50.000 lire dell'epoca, quasi stento a crederci! Ma il tuo ragionamento non fa una grinza.

Io pensavo, ad occhio, che avesse pressappoco lo stesso valore, o poco più, del nostro 1000 am-lire. Invece lo stesso valore di 1000 lire è già raggiunto dal 20 am-mark! Quindi a questo punto mi sembra di capire che la Germania sia stata molto più penalizzata rispetto all'Italia. Ma c'erano per caso anche monete am-mark?

Link to comment
Share on other sites


6 ore fa, Acqvavitus dice:

Ma c'erano per caso anche monete am-mark?

No, come non ce n'erano in Italia, Giappone, Francia, ecc. I metalli, anche i più poveri, avevano anche usi bellici (basti pensare che perfino gli Stati Uniti smisero di coniare monete in nickel, perché il nickel serviva per altri scopi), e usarli per coniare monete d'occupazione sarebbe stato considerato uno spreco. Molto più, semplice, facile, ed economico, usare la carta ;)

petronius :) 

Link to comment
Share on other sites


@petronius arbiter,

Mi sai dire se la tua banconota da 1000 marchi presenta qualche tipo di filigrana?

Sono riuscito a prenderne una ma a prima vista mi sembra una copia moderna....però nel margine inferiore mi sembra di intravedere delle scritte in filigrana che non riesco a leggere, per tutta la lunghezza del margine. Mi sai dire qualcosa al riguardo?

Link to comment
Share on other sites


@petronius arbiter,

Mi sai dire se la tua banconota da 1000 marchi presenta qualche tipo di filigrana? Riesco a leggere nella scritta: "....ORITY....." che sia "autority" sembra quasi certo, ma non capisco proprio il resto cos'è.....

BUONA DOMENICA DELLE PALME A TUTTI!!!!

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Acqvavitus dice:

BUONA DOMENICA DELLE PALME A TUTTI!!!!

Anche a te :)

Negli ultimi tre giorni non ho avuto molto tempo da dedicare al forum, dammi il tempo di controllare, ti dico qualcosa tra stasera e domani.

Maurizio :)

Link to comment
Share on other sites


8 ore fa, Acqvavitus dice:

Riesco a leggere nella scritta: "....ORITY....." che sia "autority" sembra quasi certo, ma non capisco proprio il resto cos'è.....

Il resto è il nome completo, in inglese, dell'emittente ALLIED MILITARY AUTHORITY, che compare in filigrana anche sul mio biglietto ;) (e anche sul mio è visibile solo parzialmente).

E dovrebbe comparire, stando al Rosenberg (catalogo tedesco di banconote), su tutti quelli della serie, ma negli altri tagli non riesco a vederlo. Avendoli acquistati in tempi e luoghi diversi, da venditori diversi (sempre contatto fisico, no web) escluderei che siano tutti falsi (un po' va bene, ma insomma :P), controllerò meglio.

Peraltro, il catalogo americano WWII Remembered, che segnala molti falsi a posteriori per altri biglietti d'occupazione, per gli am-mark dice solo che furono molto falsificati, all'epoca, i biglietti da 100 marchi, ma di falsi per collezionisti non parla. Il catalogo ha ormai più di vent'anni, e non posso quindi escludere che biglietti falsi siano stati prodotti successivamente alla sua pubblicazione, peraltro coeva all'acquisto dei miei, il che costituisce un ulteriore motivo di tranquillità, per quanto mi riguarda.

Così come puoi star tranquillo tu, sempre per quel che si può giudicare da una foto, non vedo motivo di dubitare dell'autenticità (la carta dovrebbe essere abbastanza spessa, confermi?). Si tratta anzi di un bel biglietto, in alta conservazione, posso chiederti quanto lo hai pagato?

Maurizio :)

Link to comment
Share on other sites


Il 14/4/2019 alle 19:35, petronius arbiter dice:

Il resto è il nome completo, in inglese, dell'emittente ALLIED MILITARY AUTHORITY, che compare in filigrana anche sul mio biglietto ;) (e anche sul mio è visibile solo parzialmente).

E dovrebbe comparire, stando al Rosenberg (catalogo tedesco di banconote), su tutti quelli della serie, ma negli altri tagli non riesco a vederlo. Avendoli acquistati in tempi e luoghi diversi, da venditori diversi (sempre contatto fisico, no web) escluderei che siano tutti falsi (un po' va bene, ma insomma :P), controllerò meglio.

Peraltro, il catalogo americano WWII Remembered, che segnala molti falsi a posteriori per altri biglietti d'occupazione, per gli am-mark dice solo che furono molto falsificati, all'epoca, i biglietti da 100 marchi, ma di falsi per collezionisti non parla. Il catalogo ha ormai più di vent'anni, e non posso quindi escludere che biglietti falsi siano stati prodotti successivamente alla sua pubblicazione, peraltro coeva all'acquisto dei miei, il che costituisce un ulteriore motivo di tranquillità, per quanto mi riguarda.

Così come puoi star tranquillo tu, sempre per quel che si può giudicare da una foto, non vedo motivo di dubitare dell'autenticità (la carta dovrebbe essere abbastanza spessa, confermi?). Si tratta anzi di un bel biglietto, in alta conservazione, posso chiederti quanto lo hai pagato?

Maurizio :)

Diciamo che la carta non è spessa quanto al 100 corone di Bolzano, ha uno spessore normale ma non "sottile".

Il biglietto è in altissima conservazione, mai circolato, forse proveniente da mazzetta. Non avevo mai visto un biglietto così perfetto, sia nello stato che nei colori, ecco perché mi dava una cattiva impressione; io preferisco i biglietti un po' circolati......comunque per via della filigrana penso di poter star tranquillo, gli altri della serie li ho più circolati e anche nei miei non riesco a vedere la filigrana.

Questo biglietto l'ho preso insieme ad altri, comunque m'è venuto all'incirca 90 euro.

Ho tirato in ballo il 100 corone di Bolzano: a proposito di questo biglietto, nel 2012 aprì una discussione che non ebbe seguito, ne sai qualcosa a proposito? La discussione è questa:

 

Link to comment
Share on other sites


19 minuti fa, Acqvavitus dice:

Ho tirato in ballo il 100 corone di Bolzano: a proposito di questo biglietto, nel 2012 aprì una discussione che non ebbe seguito, ne sai qualcosa a proposito?

Non più di quanto non avessi già scritto qui ;)

Link to comment
Share on other sites


Il 17/4/2019 alle 19:46, petronius arbiter dice:

Non più di quanto non avessi già scritto qui ;)

3C96883001764

3C96883001764

Ecco perché mi ricordavo alcune cose, che poi non ho più trovato! Ricordavo di aver aperto una discussione a proposito e di aver avuto risposte, ma andandola a rivedere, sono capitato sull'altra discussione nulla, credendo che era quella.....😲 

Meno male che c'è petronius👍

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.