Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
rorey36

Disavventura ?

Recommended Posts

rorey36

Scorrendo un quotidiano online ho letto :

https://www.lastampa.it/rubriche/specchio-dei-tempi/2019/07/24/news/specchio-dei-tempi-le-lettere-del-24-luglio-1.37173925

avrei voluto rispondere ma il giornale mi chiede la mail, poi dice che è già presente nell'archivio ma se chiedo la password dimenticata mi dice che non riconosce la mail....ma vadano a .............

Comprate da un numismatico o da un traffichino ? Quando ? I valori di catalogo li conosciamo ma non mi vengano a raccontare che una moneta rara da 700 ( in catalogo a quel prezzo ?) poi offrono 3 euro a peso.  Boh ! 

Oro di date rare ricomprato a peso ? Rivolgersi al venditore, ammesso che sappiano chi è, 

Il massimo dell'oro in euro è del 14.9.2012 , € 43,46 al grammo. Oggi siamo a 41 circa. Non sembra il caso di questi signori visto che scrivono di date rare, ma per perdere sull'oro bisogna proprio essere sfortunati e aver comprato al massimo (sei mesi dopo era al prezzo di oggi).

Se avessi potuto commentare avrei consigliato di venire in Associazione o al Circolo con le monete a chiedere consiglio oppure se veramente si tratta di monete rare ci sono sempre le aste, a Torino Montenegro.

Ma qui qualcuno si è fatto infinocchiare e il giornale scrive  «Investire in monete può essere una delusione»

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

mfalier

Io credo che i problemi siano due.

Da una parte c'è chi vive nel mondo delle favole ed è convinto che un commerciante ricompri la merce allo stesso prezzo di vendita. I concetti di attività commerciale, costi, tasse, utile d'impresa fanno ancora fatica ad essere capiti. Costoro, di fronte alla delusione, invece di informarsi un po' e magari mettere la collezione all'asta, non trovano di meglio che andare a piangere sul giornale.

Dall'altra parte, ipotizzo, c'è forse un commerciante convinto di potersi fare un bel boccone degli eredi ignoranti. Senza intuire che oggi con un cellulare chiunque può farsi un'idea di massima del valore delle monete. Se questa fosse la verità, puntando su un profitto esagerato, ha finito per perdere anche  quello giusto...

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff
3 ore fa, mfalier dice:

Dall'altra parte, ipotizzo, c'è forse un commerciante convinto di potersi fare un bel boccone degli eredi ignoranti. Senza intuire che oggi con un cellulare chiunque può farsi un'idea di massima del valore delle monete. Se questa fosse la verità, puntando su un profitto esagerato, ha finito per perdere anche  quello giusto...

Una moneta pagata 700 euro verso una proposta di 3 mi fa propendere per un commerciante disonesto. Che poi potrebbe essere però un terzo caso: il venditore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

mfalier

Certo offrire 3 euro, per una moneta che lo stesso numismatico aveva venduto per 700, ad eredi che hanno ancora in mano la fattura di vendita, non è né onesto né furbo

Poi bisogna anche vedere se è andata veramente così, magari sfogliando distrattamente un raccoglitore di aquilini del regno in condizione mediocre il commerciante ha detto il prezzo medio, senza stare a vedere se c'era il millesimo raro.

Mah!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Monetaio

Ecco perchè, quando é il caso, alle persone, servono le STIME professionali (quelle PAGATE al professionista), scritte in carta intestata, timbrate e firmate con tanto di relativa proposta d'acquisto a corredo che supporti la credibilità della stima stessa.
Ma alla gente piace(rebbe) farsi fare le "valutazioni" gratuite, medaglie ed intere collezioni come se fosse una cosa normale e scontata... E sgranano gli occhi quando gli si dice che noi lo si fa solo in modo professionale (e quindi a pagamento), se interessa.

E poi l'ignoranza, non che sia una colpa intendiamoci, regna sovrana.
Chiamano monete delle medaglie, chiamano cataloghi di monete, prezzuari di vendita di aziende private, si fidanop di quello che leggono su subito o ebay o di quello che gli ha detto "suo cuggino", o magari del defunto che si professava grande collezionista perchè magari comprava i divisionali della R.I. dalla zecca all'emissione...  E via discorrendo.
Insomma, andrebbe preso tutto con le pinze, prima di dare addosso al possibile commerciante furbetto di turno che rimane comunque una opzione possibilissima.

Questo é.

 

Edited by Monetaio
  • Like 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

rorey36

Non è specificato se l'offerta di 3 euro è stata fatta dallo stesso che aveva venduto a 700.

Si tratta , mi pare, di acquisti fatti in €, dunque 10/15 anni fa. Avranno un cartellino, una ricevuta, un qualcosa per giustificare i 700 pagati ? Quelli che offrono merce scadente che  "sicuramente si rivaluterà nel tempo" li conosciamo.

Mi chiedo che senso ha pubblicare questa roba in una rubrica dove solitamente si segnalano disservizi in città.

Share this post


Link to post
Share on other sites

enriMO
Supporter

lettera delirante e sgrammaticata. il titolo è coerente: infatti investire in monete (farlocche) può essere (è) una delusione. 

inutile commentare, la cosa è così macroscopicamente fuori dal normale che si può dire tutto e niente

Share this post


Link to post
Share on other sites

CdC

Si è ritenuto opportuno oscurare alcuni post in cui veniva chiamato in causa, anche se con le sole iniziali, ma chiaramente riconoscibile, un noto commerciante come responsabile della disavventura occorsa al signore dell'articolo di giornale. Articolo che non consente di risalire in alcun modo né all'identità della persona incappata nella disavventiura, né a quella di uno o più commercianti.

Si prega quindi di astenersi dal lanciare accuse senza prove e istruire processi sommari, ci sono già i talk-show televisivi per questo, il forum è e vuole restare altro.

Grazie.

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

vickydog
Supporter
33 minuti fa, CdC dice:

Si è ritenuto (...)

D'accordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sph Numismatica

Ammesso che commerciante di allora e acquirente di adesso fossero due distinte persone..possiamo anche ipotizzare che la moneta fosse venduta per buona allora...ma riconosciuta per falsa adesso... cosi per dirne una.. comunque questi esperti giornalisti poi fanno anche gli articoli su "quanto valgono le vecchie lire che avete in casa" piuttosto che " potreste avere 10milioni di parperdollarifantasiosi se avete questa 100 lire"(classica piallata 100 lire del 1955)

Share this post


Link to post
Share on other sites

vickydog
Supporter
5 ore fa, Sph Numismatica dice:

possiamo anche ipotizzare che la moneta fosse venduta per buona allora...ma riconosciuta per falsa adesso

...o che l'estinto padre ci giocasse su una dama di cartavetro...  Magari. No, è che -purtroppo- i contenuti della lettera seppur abbozzati, sono verosimili a quanto talvolta accade e già testimoniato da altri (anche qui). Anche se per garantismo non possiamo collegarli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.