Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
giuseppe ballauri

120 GRANA 1854 CON FERT - FALSO

Recommended Posts

giuseppe ballauri
Supporter

Mi piacerebbe sentire qualche commento su questo 120 Grana 1854 con al contorno in incuso FERT.

Ho letto in passato in un'altra discussione che questo Falso era già stato descritto da Rocco68 ( se riesco recupero ladiscussione ). 

L'ho trovato in mezzo ad altre monete di famiglia ( quindi presumo non sia un falso contemporaneo, ma abbia almeno una cinquantina d'anni, non essendo stato più toccato da altri ). 

A mio parere è un "buon falso" perchè può ingannare non solo gli sprovveduti, ma anche chi ha una certa esperienza, soprattutto chi si occupa di altre monetazioni ( oppure  è venduto chiuso in un oblò). 

Breve descrizione della moneta ( da neofita della monetazione borbonica ) 

Diam regolare: 37 mm - Peso: 22,98 (!) invece di 27 e rotti ( quindi lega povera d'argento anche se la moneta ha...una bella cera e non sembra anemica )

Bordo: perlinatura diversa ed orlo leggermente svasato nel R/ da ore 12 ad ore 6

Contorno: FERT rosette e nodo Savoia, decisamente ben fatto (!) anche se un po' scarso di profondità ( però in collezione ho degli Scudi Sabaudi che hanno il contorno meno inciso !) 

Lascerei le differenze al D/ ed al R/ agli esperti ( noto solo che confrontandola con altre 2 Piastre del 1854 che ho in collezione, la data in questa è più grande - soprattutto i numeri 854 )

Appurato che è un falso, può essere un falso coevo coniato in Piemonte per svilire la monetazione di Ferdinando II ( e questo potrebbe spiegare il contorno con FERT ) oppure si tratta comunque di un falso moderno ( 1950-60 o giù di lì ?). In questo caso: il falsario aveva fatto un buon lavoro, perchè mettere al contorno FERT ?

Grazie a chi avrà la bontà di rispondermi, Saluti

CIMG2480_resize.thumb.JPG.b114d7b83014fb094e1972e9338be088.JPG

CIMG2483_resize.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

simonesrt

Per me falso moderno. Il fert sul contorno c'è in tutta questa tipologia di falsi : 5 lire 1901, 5 lire 1870 Pio IX, 5 lire 1914 ecc

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

santone

Solito falso moderno,

i Fert sulle monete dei borbone non c'entrano proprio nulla 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68

Buonasera @giuseppe ballauri,

Confermo quanto già ti hanno scritto a proposito: riproduzione moderna di una Piastra 1854.

Questo è il primo "tipo" con i FERT nel taglio, ne circolano da tempo.....alcuni con la scritta PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS 

le facce sono le stesse di questo tuo pezzo, hanno solo cambiato la scritta. 

Il peso è di circa 22 grammi e NON è argento. 

La rigatura a pettine in entrambi i bordi ( dritto e rovescio) è disallineata. 

Alcune lettere in legenda sono diverse dalle Piastre originali :

La S e la I di SIC, 

Le T e le E

L'aquiletta di sinistra nello stemma è sempre nascosta o tagliata dalla linea verticale di divisione. 

Non ne conosco il periodo di fabbricazione, ma molti esemplari di queste riproduzioni presentano patine "naturali" come nella tua. 

Saluti Giuseppe e alla prossima condivisione. 

Rocco 

Edited by Rocco68
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68

Ecco un altro esemplare, 

Con la scritta nel taglio FERT

IMG-20190810-WA0060.jpg

IMG-20190810-WA0059.jpg

IMG-20190810-WA0058.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

CIMG2475_resize.JPG.7a5fd6a4fcf4d7e84af51e961478346f.JPGCIMG2479_resize.thumb.JPG.364469d55c0492a16125865ad2887e4f.JPG

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

Mi ero dimenticato di postare il contorno.

Vi ringrazio per le cortesi risposte e la vostra competenza. 

Vi chiedo ancora un'ultima cosa: quali sono secondo la vostra esperienza i millesimi più contraffatti dei 120 Grana ? Io penserei le date più rare ( 1837 - 1849 ) , ma se una delle date più comuni ( 1854 ) è presa di mira dai falsari.. mi chiedo il perchè ( nella monetazione sabauda le date più contraffatte - di solito - sono quelle rare ).

Ciao e Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68
1 ora fa, giuseppe ballauri dice:

è un "buon falso" perchè può ingannare non solo gli sprovveduti, ma anche chi ha una certa esperienza

Tempo fa, vidi uno di queste riproduzioni con nel taglio PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS 

Chiuso in perizia! 

... Avete letto bene... Chiuso in perizia da Perito Numismatico. 

Sigilli personalizzati... Bustina intatta e senza manomissioni. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68
51 minuti fa, giuseppe ballauri dice:

Mi ero dimenticato di postare il contorno.

Vi ringrazio per le cortesi risposte e la vostra competenza. 

Vi chiedo ancora un'ultima cosa: quali sono secondo la vostra esperienza i millesimi più contraffatti dei 120 Grana ? Io penserei le date più rare ( 1837 - 1849 ) , ma se una delle date più comuni ( 1854 ) è presa di mira dai falsari.. mi chiedo il perchè ( nella monetazione sabauda le date più contraffatte - di solito - sono quelle rare ).

Ciao e Grazie

Bisogna distinguere fra falsi d'epoca e riproduzioni recenti. 

Fra le riproduzioni recenti ricordo:

Piastra 1854 con FERT

Piastra 1854 con PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS 

Piastra 1855 taglio liscio

Discorso a parte per i falsi d'epoca delle Piastre di Ferdinando II 

I più contraffatti ( per il numero frequente di apparizioni) sono il 1856, 1858

Non escludo che ne spuntino altri di millesimi

Edited by Rocco68

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

Questa è veramente incredibile ! Ogni tanto mi viene da "spacchettare" le mie monete chiuse e periziate. Per due motivi: sia per toccarle con mano ( grande soddisfazione per un collezionista ), sia perchè noto purtroppo, che molte di queste cominciano ad avere zone verdastre che poi virano al viola/ nero. Così facendo però si perde il certificato di autenticità e quindi sono ancora lì chiuse nella plastica. Se poi le perizie non sono veritiere...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68
35 minuti fa, giuseppe ballauri dice:

Se poi le perizie non sono veritiere...

Giuseppe, ho in Collezione Piastre periziate..... E sono spesso tentato di liberare le monete... Che non ho ancora tenuto in mano. 

Le tengo sempre sotto controllo, non sopporto quelle antiestetiche macchie verdi. 

Negli anni ho aperto le perizie che secondo me, descrivevano le monete.... Sopravvalutandole come stato conservativo....e ho lasciato quelle che le riportavano in modo corretto, sempre secondo la mia personale esperienza. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

Buonasera a tutti, la moneta in questione la ritengo più un riconio che un falso, come già anticipato da simonesrt appartiene alla famiglia del 5 lire del 1901, 5 lire Napoleone, 5 lire Murat, 5 lire Milano e Venezia ecc.... 

Tutti con i FERT nel taglio... 

Credo che la produzione di questi riconi risale agli anni 70 /80, il metallo può essere alpaca o metallo bianco... 

I falsi d'epoca sono tutt'altra cosa ed hanno sicuramente interesse storico... 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Litra68

Buongiorno e buona domenica a tutti, interessante discussione, avevo anche io (ma me li sottrasse mio figlio tempo fa 😊) una piastra con il Fert, ma anche un tallero di Maria Teresa, un 5 lire di Luigia? Ducato di Reggio Emilia, vado un po' a spanne perché sono ricordi di tanti anni fa e le monete in questione ignoro in quale angolo del garage siano state messe dal mio figliolo.. Ho trovato una vecchia discussione nel forum sempre a proposito della piastra 1854 con FERT, provo a metterla qui.. 

 

  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68

Grazie @Litra68, finché tutti ( case d'asta, listini e venditori sulla rete) non si decideranno a inserire anche la foto del taglio oltre a quelle del dritto e rovescio e l'indicazione del peso.....

Molti si troveranno ad avere acquistato delle patacche moderne senza nessun valore. 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter
1 ora fa, Rocco68 dice:

finché tutti ( case d'asta, listini e venditori sulla rete) non si decideranno a inserire anche la foto del taglio oltre a quelle del dritto e rovescio e l'indicazione del peso.....

Hai ragione. Soprattutto se certe monete fotografate solo al D/ ed al R/ possono ingannare l'acquirente. 

Sono un appassionato numismatico del Regno da tanti decenni. Già in passato i "buchi" in collezione per fortuna erano pochi, ma erano monete molto rare ed il mio budget, con un figlio giovane che studiava, era piuttosto risicato. Con molto molto sacrificio partecipai ad un Asta, la prima asta indetta da questa Ditta XXX che però aveva come curatore il massimo degli esperti italiani ( comincia con B.) Riuscii ad aggiudicarmela, anche perchè le offerte erano solo 2 o 3. 

Mi arrivò a casa, chiusa con tanto di sigilli, certificato e conservazione FDC. Mio padre, che era un notevole esperto soprattutto di monetazione del Regno, mi disse che era un falso, di fattura eccellente,  ma falso. Prese appuntamento con due suoi amici, famosi esperti e commercianti Numismatici di Torino. Verdetto unanime: falso di fattura incredibile, ma falso. Uno dei due mi rilasciò anche una perizia in cui era scritto che la moneta era falsa. Contattai il famoso B. essendo intenzionato a rimandare la moneta con tanto di documentazione e chiedendo il rimborso. Mi staccò il telefono dandoci degli incompetenti. Mandai il plico con R/R e cercai di contattarlo in seguito. Niente da fare, non riuscii più a parlare con lui. Qualche tempo dopo mi arrivò una busta con la moneta in bustina con sigilli di ceralacca ( manco fosse stato il Pontefice !) , foto firmate e timbrate con certificato di garanzia... ed un foglio: " Adesso è diventata buona !!! ". 

Non l'ho neanche messa in collezione...magari la posto e chiedo un parere ( omettendo logicamente il nome del Superperito ).

Ciao Buona Domenica 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

Personalmente l'avrei messo alla "gogna" ... 

Edited by gennydbmoney

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter
1 ora fa, gennydbmoney dice:

Personalmente l'avrei messo alla "gogna" ... 

Ho pensato anche a questo. Ma avrei dovuto sostenere un contenzioso legale. Come diceva mio nonno: " Meglio avere una polmonite che andare da un' avvocato !". Probabilmente avrei pagato 2 volte la moneta quindi ho lasciato stare. Ciao 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

Allego le pagine 138 e 139 del lavoro di Mario Pin :LE PIASTRE DA 120 GRANA DI FERDINANDO II DI BORBONE, studio sulle varianti e sugli errori di punzonatura... 

IMG_20190811_164014.jpg

IMG_20190811_164602.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Litra68
10 ore fa, Rocco68 dice:

Grazie @Litra68, finché tutti ( case d'asta, listini e venditori sulla rete) non si decideranno a inserire anche la foto del taglio oltre a quelle del dritto e rovescio e l'indicazione del peso.....

Molti si troveranno ad avere acquistato delle patacche moderne senza nessun valore. 

Buonasera a tutti, Rocco @Rocco68, Amico mio, è proprio la paura che ho quando vedo le monete e le compro, sto in tensione fino a quando non arrivano a casa.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68
9 minuti fa, Litra68 dice:

Buonasera a tutti, Rocco @Rocco68, Amico mio, è proprio la paura che ho quando vedo le monete e le compro, sto in tensione fino a quando non arrivano a casa.. 

Buonasera Alberto, il forum può darti un grande aiuto in questo.... Basta chiedere.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68

Buongiorno a tutti, 

Sulla baia ne vengono proposte ogni tanto di queste 54. 

Quando mi si presentano..... E non sono descritte come riproduzioni... Contatto subito il venditore dello sbaglio. 

Il più delle volte la ritirano. 

E nessuno viene truffato. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sirlad
22 ore fa, giuseppe ballauri dice:

Hai ragione. Soprattutto se certe monete fotografate solo al D/ ed al R/ possono ingannare l'acquirente. 

Sono un appassionato numismatico del Regno da tanti decenni. Già in passato i "buchi" in collezione per fortuna erano pochi, ma erano monete molto rare ed il mio budget, con un figlio giovane che studiava, era piuttosto risicato. Con molto molto sacrificio partecipai ad un Asta, la prima asta indetta da questa Ditta XXX che però aveva come curatore il massimo degli esperti italiani ( comincia con B.) Riuscii ad aggiudicarmela, anche perchè le offerte erano solo 2 o 3. 

Mi arrivò a casa, chiusa con tanto di sigilli, certificato e conservazione FDC. Mio padre, che era un notevole esperto soprattutto di monetazione del Regno, mi disse che era un falso, di fattura eccellente,  ma falso. Prese appuntamento con due suoi amici, famosi esperti e commercianti Numismatici di Torino. Verdetto unanime: falso di fattura incredibile, ma falso. Uno dei due mi rilasciò anche una perizia in cui era scritto che la moneta era falsa. Contattai il famoso B. essendo intenzionato a rimandare la moneta con tanto di documentazione e chiedendo il rimborso. Mi staccò il telefono dandoci degli incompetenti. Mandai il plico con R/R e cercai di contattarlo in seguito. Niente da fare, non riuscii più a parlare con lui. Qualche tempo dopo mi arrivò una busta con la moneta in bustina con sigilli di ceralacca ( manco fosse stato il Pontefice !) , foto firmate e timbrate con certificato di garanzia... ed un foglio: " Adesso è diventata buona !!! ". 

Non l'ho neanche messa in collezione...magari la posto e chiedo un parere ( omettendo logicamente il nome del Superperito ).

Ciao Buona Domenica 

 

 

 

La tua esperienza vissuta ( e purtroppo non solo tua) la dice molto lunga in materia di affidabilità di certi periti e case d'asta..., che purtroppo prolificano sempre più.

Ci vorrebbe una sorta di Autorità Garante che tuteli il consumatore (collezionista)    in queste situazioni, ma questo non succede, un vero peccato...

Questi brutti accadimenti rischiano, infatti, di inquinare un intero settore e di far perdere molto in fatto di credibilità, poi diventa molto difficile recuperare il terreno perduto...

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

Grazie gennydbmoney, il libro di Mario Pin mi è arrivato stamattina, ma non ho ancora avuto il tempo di sfogliarlo. La "mia" moneta è descritta benissimo ! Interessante anche il fatto che i FERT sul contorno fossero intenzionali, per spacciare la moneta come coniata da una zecca Sabauda post 1861 ! 

Grazie a Rocco68 per la sua grande competenza e disponibilità. 

Domandona: La butto nell'indifferenziata... O è comunque un falso da tenere ?  Ho anche una discreta collezione di "falsi d'epoca" ( ma questi sono almeno falsi "improponibili" coniati in leghe a base di stagno o piombo che hanno comunque una storia..) Cosa ne fareste voi del pataccone ?

Ciao 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rocco68

Ciao Giuseppe,

Tienilo a riferimento

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

Tienila, ma non in collezione... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.