Jump to content
IGNORED

Monete Contemporanee Estere (dal 1900 a oggi) parte III


nikita_

Recommended Posts

Supporter

           1936

Svizzera - 5 Franchi

 

970855101_svizzera5f19361.thumb.jpg.533d8b858b836f50c2f1b8919e662871.jpg742436829_svizzera5f19362.thumb.jpg.8b1e0757d576d441645cfd3d567780de.jpg

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Lituania 5 litai 1936, dedicati a  Jonas Basanavičius  (1851 -1927), attivista, medico, politico lituano che più ha contribuito alla causa nazionale.

E' considerato spesso col titolo di onorificenza informale di Patriarca della Nazione (Tautos patriarchas)

5 Litai  1936 d.JPG

5 Litai  1936 r.JPG

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

SVIZZERA - 5 FRANCHI 1936 "PRO PATRIA ARMIS TUENDA"

Traducendo scolasticamente dovrebbe essere " RAFFORZANDO LA PATRIA E LE ARMI", quindi anche la Confederazione si stava riarmando.  Non ho mai capito se la Svizzera, in quei tristi anni che videro l'affermazione del Nazismo, fosse veramente neutrale o in realtà filo-nazista. Lo stesso Hitler non avanzò mai pretese territoriali, pur essendo la maggioranza dei Cantoni di cultura e lingua tedesca. 

Vi sarei grato se qualcuno di Voi mi spiegasse questa presunta "anomalia" storica.

Saluti a Tutti, Beppe 

1979901809_SVIZZERA_5FRANCHI_1936_d_resize.JPG.3195b4e4656ac3c6debf86d697fbeac7.JPG226815178_SVIZZERA_5FRANCHI_1936_r_resize.JPG.58439e769c22280d4d5c5632bcbcf55f.JPG

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


5 minuti fa, giuseppe ballauri dice:

SVIZZERA - 5 FRANCHI 1936 "PRO PATRIA ARMIS TUENDA"

Traducendo scolasticamente dovrebbe essere " RAFFORZANDO LA PATRIA E LE ARMI", quindi anche la Confederazione si stava riarmando.  Non ho mai capito se la Svizzera, in quei tristi anni che videro l'affermazione del Nazismo, fosse veramente neutrale o in realtà filo-nazista. Lo stesso Hitler non avanzò mai pretese territoriali, pur essendo la maggioranza dei Cantoni di cultura e lingua tedesca. 

Vi sarei grato se qualcuno di Voi mi spiegasse questa presunta "anomalia" storica.

Saluti a Tutti, Beppe 

1979901809_SVIZZERA_5FRANCHI_1936_d_resize.JPG.3195b4e4656ac3c6debf86d697fbeac7.JPG226815178_SVIZZERA_5FRANCHI_1936_r_resize.JPG.58439e769c22280d4d5c5632bcbcf55f.JPG

Sa quanto ne so, sembra che gli intrepidi svizzeri ebbero numerosi interessi economico/commerciali con i nazisti tedeschi. Per esempio molte ricchezze sequestrate agli ebrei , furono poi depositate nei caveau delle banche elvetiche,,,,

Link to comment
Share on other sites


Supporter
47 minuti fa, Saturno dice:

sembra che gli intrepidi svizzeri ebbero numerosi interessi economico/commerciali con i nazisti tedeschi

 

48 minuti fa, Saturno dice:

molte ricchezze sequestrate agli ebrei , furono poi depositate nei caveau delle banche elvetiche,,,,

Sì questo purtroppo è storia. Si sono lavati la coscienza, qualche anno fa, rimborsando poche famiglie ebree, il resto è sempre ben custodito nei mitici caveau delle Banche Svizzere. 

Ma quale era la linea politica a quel tempo, oltre alla loro storica "neutralità" ? 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

         1936

Regno d'Italia - 50 e 20 Centesimi in nickel

 

Due monete trovate in ciotola anni fa a 50 cent/€ mischiate ad altre estere, mentre il 50 centesimi nickel è stato conteggiato alla fine della "pesca" per 50 cent/€ (4 monete = 2 euro), il 20 centesimi nickel, dato il suo stato pietoso, non è stato conteggiato e quindi gratis.

 

1349475275_ita50c19361.jpg.b2885444744ecceb941bbe48f03b434f.jpg2137435975_ita50c19362.jpg.bb49e0b5f7482f28f114eec5cab94091.jpg

595800250_ita19361ciotola2.jpg.7559cd679a5ced3ce4506b91bbaa4fb7.jpg 395364972_ita19361ciotola.thumb.jpg.6fa50d4f7dd43ac39bd46a871298d1cd.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

        1936

Regno d'Italia - 1 e 2 Lire in nickel

 

Queste due invece le ho trovate in una ciotola a 3 euro al pezzo (spesa finale 5 euro), anche se in modesta conservazione erano da prendere.

578684912_ita1l19361.jpg.7cea3c6d249c37d092773a873625933e.jpg1277518724_ita1l19362.jpg.4b407862891b3d17d7b357ea2df2aca2.jpg

277654964_ita2l19361.jpg.5be2a6b95c8ca3bda538cd729bf44f04.jpg946882124_ita2l19362.jpg.7813dccc896ea9df8f420a5d056966e7.jpg

 

 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


12 ore fa, giuseppe ballauri dice:

 

Sì questo purtroppo è storia. Si sono lavati la coscienza, qualche anno fa, rimborsando poche famiglie ebree, il resto è sempre ben custodito nei mitici caveau delle Banche Svizzere. 

Ma quale era la linea politica a quel tempo, oltre alla loro storica "neutralità" ? 

Ho trovato un interessante articolo https://www.eda.admin.ch/dam/PRS-Web/it/dokumente/die-schweiz-in-der-zeit-der-weltkriege_IT.pdf

Qui un estratto sulla linea politica svizzera:

Nel periodo precedente e durante la Seconda guerra mondiale, la Svizzera perseguì innanzitutto gli obiettivi di preservare la propria indipendenza e di non essere coinvolta negli eventi bellici. Già negli anni 1930 incrementò il budget destinato alla difesa, intensificò la formazione e l’armamento a lungo trascurati dell’Esercito svizzero e costruì opere di sbarramento per la difesa nazionale. Quando scoppiò la guerra, il 1° settembre del 1939 la mobilitazione generale richiamò 430’000 militari e 200’000 ausiliari. L’Assemblea federale nominò il vodese Henri Guisan generale, vale a dire Comandante in capo dell’Esercito svizzero. Inizialmente la difesa del Paese fu orientata a evitare un possibile attacco di aggiramento dei tedeschi contro la Francia attraverso la Svizzera a sud della linea Maginot francese. Pertanto nel 1939 le postazioni di difesa furono allestite principalmente ai confini settentrionali de Paese, lungo la linea della Limmat.

L’inaspettata e rapida disfatta della Francia nel giugno del 1940 mise la Svizzera in una situazione alquanto delicata: fino alla Francia di Vichy, eccetto un piccolo tratto presso Ginevra, il Paese era completamente accerchiato dalle potenze dell’Asse, Italia e Germania. Durante la campagna di Francia le Forze aeree svizzere furono coinvolte in alcune battaglie con l’aviazione tedesca e registrarono abbattimenti e vittime. In seguito il generale Guisan ordinò di evitare gli scontri per non sollecitare inutilmente Hitler. Nel 1940 e poi di nuovo verso la fine della Guerra, la Svizzera fu vittima di bombardamenti accidentali da parte degli Alleati. La città più gravemente colpita fu Sciaffusa, dove il 1° aprile 1944 in occasione di un attacco aereo americano persero la vita quaranta persone.In seguito alla vittoria tedesca sulla Francia nell’estate del 1940, la maggior parte degli svizzeri era disorientata o demoralizzata. Il Consiglio federale, rappresentato dal presidente della Confederazione Marcel Pilet-Golaz, in un controverso discorso alla radio annunciò al popolo la necessità di adeguarsi alle «nuove circostanze» senza tener conto di «forme superate». In modo contrario venne interpretato il successivo discorso tenuto dal generale Guisan il 25 luglio 1940 sul Rütli davanti ai suoi Alti ufficiali per spiegare il ripiegamento nel ridotto: la maggior parte dell’esercito avrebbe dovuto ritirarsi nella regione alpina e non si sarebbe più dovuto difendere con continuità l’Altopiano, dove risiedeva la maggioranza della popolazione. Questa riflessione fondava sul fatto che la Svizzera garantiva un importante passaggio alpino alle potenze dell’Asse a patto che queste la lasciassero in pace, mentre in caso di guerra il ridotto avrebbe interrotto permanentemente i collegamenti tra Italia e Germania. Il ripiegamento nel ridotto e il trasferimento dell’evento bellico verso l’Europa meridionale e orientale permisero la smobilitazione di numerose formazioni attraverso cui l’economia poté disporre nuovamente di più forza lavoro.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

       1936

Città del Vaticano - Pio XI anno XV - 20 Centesimi

1471172948_vaticano20c19361.jpg.7e03b10635529e5a27ab206f7d3ae922.jpg1797780610_vaticano20c19362.jpg.5b4087fcaa9f75665abccbf2e25b7e37.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Indocina francese

0000222.thumb.jpg.bbf822888ea701294a9a95c18f04accb.jpg0000111.thumb.jpg.2122ddad0309d4bd0ca47e1475e49cf5.jpg

ho provato a togliere lo sfondo con Gimp ma il risultato è pessimo

927957405_def_frenchindocina.jpg.cc7d6ad434a196ad7362212caed04f39.jpg

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Supporter

        1936

Regno d'Italia - 10 Lire

2100128563_ita10l19361.jpg.e5d8f8d02767e255cb013249bab5c2b3.jpg792196243_ita10l19362.jpg.8e397384072e9220b4bd7b7313590f20.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

new zeland    argento 0.500

20200520_213119.thumb.jpg.527334c6663f8671f99277795b2b101a.jpg20200520_213107.thumb.jpg.971feead0f3ca58dd2c4ecfe0c024777.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter

                   1936

E' una cosa risaputa ma è bene ricordarlo: per il Regno Unito il 1936 è l'anno dei tre Re.

1463093556_giorvdue.jpg.ea1ea11ebf59753cb8379ed16be54871.jpg      Giorgio V sino al 20 gennaio 1936

2014463433_edoadue.jpg.94cb182046b8b6bd6e52e1e80a4c7018.jpg     Edoardo VIII dal 20 gennaio 1936 al 11 dicembre 1936

1773233812_giorgiovidue.jpg.6c7a7c901f73d50f9697eed339a329c4.jpg    Giorgio VI dal 11 dicembre 1936

 

Sono state coniate con questa data monete a nome di Giorgio V e di Edoardo VIII, nessuna coniazione per Giorgio VI.

 

  • Like 3
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.