Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Liutprand

RIVISTE Monete Antiche settembre-ottobre 2019

Recommended Posts

Liutprand

Segnalo l'uscita del n. 107 di Monete Antiche

questo l'indice:

Il linguaggio delle immagini
  (Giovanni Santelli e Alberto Campana) [3-15].
 · Thymiateria e monete.
 (Federico De Luca) [16-29]
 · Per Nerone, dal falso il vero. Note su due denari ibridi suberati.
 (Luca Arnaudo) [30-36].
 · Balbino e Pupieno: due imperatori litigiosi, ma solo per pochi mesi. Annotazioni storico numismatiche.
  (Roberto Diegi) [37-41].
 · ANASTATICA, inserto di letteratura numismatica.
Choix de monnaies et médailles du Cabinet de France. Monnaies grecques d'Italie et de Sicile, chez C. Rollin et Feuardent, Paris 1913.
 (a cura di Luca Lombardi) [1-8]

MA 107.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

King John
Supporter

Incensieri (thymiateria) raffigurati su monete: un campionario iconografico tutto da scoprire...

436300.jpg

Thymiateria_e_altri_bornzi,_V-IV_secolo_ac._ca.jpg

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

okt
18 ore fa, King John dice:

Incensieri (thymiateria) raffigurati su monete: un campionario iconografico tutto da scoprire...

436300.jpg

Thymiateria_e_altri_bornzi,_V-IV_secolo_ac._ca.jpg

Interessante! Uso spesso l'incenso, in grani, non i bastoncini! Quei dischi sovrapposti nell'incensiere di sinistra avevano una funzione pratica o solo decorativa? Grazie per la risposta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

King John
Supporter
5 ore fa, okt dice:

Interessante! Uso spesso l'incenso, in grani, non i bastoncini! Quei dischi sovrapposti nell'incensiere di sinistra avevano una funzione pratica o solo decorativa? Grazie per la risposta.

I dischi sovrapposti avevano funzione solo decorativa. La coppa in cui avveniva la combustione dell'incenso era l'ultima in alto e spesso era ricoperta da un coperchio traforato di forma ogivale che serviva a far fuoriuscire il fumo in maniera uniforme e a impedire che i carboni accesi fuoriuscissero quando l'incensiere veniva portato in processione (nel caso in cui l'incensiere fosse stato donato ad un tempio).

Edited by King John
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio

Salve a tutti. 
Appena arrivato l'ultimo numero questa mattina. Complimenti a tutti gli autori per i lavori presentati. Trovo particolarmente interessante il contributo di @King John, anche perché anni fa volevo intraprendere uno studio simile, ma molto più circoscritto. Non mi resta che dedicarmi alla lettura, ora. :) 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cliff

E' possibile postare solo una foto  dei due denari ibridi di Nerone presentati nell'interessante articolo relativo? Dovrò aspettare ancora un po' per poter leggere la mia copia e sono curioso almeno di capire la tipologia. Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio
3 ore fa, cliff dice:

E' possibile postare solo una foto  dei due denari ibridi di Nerone presentati nell'interessante articolo relativo? Dovrò aspettare ancora un po' per poter leggere la mia copia e sono curioso almeno di capire la tipologia. Grazie!

Il primo (p. 31, foto 1) di 2,85 g.: 
nero1.jpg.39d9a5b257a1c0f447aa885134a5b4ec.jpg

Il secondo (p. 32, foto 2) di 3,02 g.: 
nero2.jpg.3350ec8225d4a5828f30c6a27cde5b38.jpg

La provenienza di entrambi è indicata nell'articolo tramite un link, il che rende, al momento, per me scomodo tentare di risalire alla vendita in cui comparvero.  

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

FlaviusDomitianus
18 ore fa, Caio Ottavio dice:

Il primo (p. 31, foto 1) di 2,85 g.: 
nero1.jpg.39d9a5b257a1c0f447aa885134a5b4ec.jpg

Il secondo (p. 32, foto 2) di 3,02 g.: 
nero2.jpg.3350ec8225d4a5828f30c6a27cde5b38.jpg

La provenienza di entrambi è indicata nell'articolo tramite un link, il che rende, al momento, per me scomodo tentare di risalire alla vendita in cui comparvero.  

Il rovescio è di Vespasiano (RIC 847 ex 99), pertanto sono stati realizzati certamente dopo la morte di Nerone.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio
2 ore fa, FlaviusDomitianus dice:

Il rovescio è di Vespasiano (RIC 847 ex 99), pertanto sono stati realizzati certamente dopo la morte di Nerone.

Concordo, inoltre il ritratto di Nerone mi sembra, per stile, abbastanza lontano dai conii ufficiali della zecca di Roma che siamo abituati a vedere per questo imperatore. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

odjob

Stamani leggevo l'articolo di Campana e Santelli "Il linguaggio delle immagini"e ,parlando del simbolo stella,sono stati citati i Dioscuri che sui Denari romani erano raffigurati con la stella sulle loro teste,ciò per far comprendere che i due non erano cavalieri qualsiasi ma,bensì,divinità:i gemelli Castore e Polluce.

Ora,mi chiedo:essendo Castore e Polluce gemelli,è possibile che siano stati divinizzati proprio per il fatto che erano gemelli,poichè in antichità si conoscevano solo Romolo e Remo come gemelli?

 

odjob  

Share this post


Link to post
Share on other sites

dabbene
Supporter

Intanto pubblichiamo anche il pezzo sulla inaugurazione della terza nuova teca di monete di zecche italiane in esposizione permanente in Ambrosiana a opera del Gruppo Numismatico Quelli del  Cordusio, grazie a Antonio Morello per la pubblicazione.

737D242D-0CEC-4E65-B1D7-BB14B694F0DA.jpeg

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Masiserafino
5 ore fa, dabbene dice:

Intanto pubblichiamo anche il pezzo sulla inaugurazione della terza nuova teca di monete di zecche italiane in esposizione permanente in Ambrosiana a opera del Gruppo Numismatico Quelli del  Cordusio, grazie a Antonio Morello per la pubblicazione.

737D242D-0CEC-4E65-B1D7-BB14B694F0DA.jpeg

Che meravigliosa esposizione per Milano  ho letto che non era stato mai fattio nulla di uguale per la città.

Complimenti e grazie.

Saluti

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rapax
Il 10/10/2019 alle 09:46, odjob dice:

Stamani leggevo l'articolo di Campana e Santelli "Il linguaggio delle immagini"e ,parlando del simbolo stella,sono stati citati i Dioscuri che sui Denari romani erano raffigurati con la stella sulle loro teste,ciò per far comprendere che i due non erano cavalieri qualsiasi ma,bensì,divinità:i gemelli Castore e Polluce.

Ora,mi chiedo:essendo Castore e Polluce gemelli,è possibile che siano stati divinizzati proprio per il fatto che erano gemelli,poichè in antichità si conoscevano solo Romolo e Remo come gemelli?

 

odjob  

Non mi pare di aver mai incontrato riferimenti che mettono in diretta relazione le due coppie di gemelli. 

Sulle stelle presenti sulle teste dei Dioscuri è Diodoro Siculo a dare una possibile interpretazione.

Ti rimando ad una vecchia discussione:

 

Sul discorso della divinizzazione di Romolo il discorso è molto più complesso, c'è qualche accenno qui:

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

odjob

Ho capito @Rapax ,quindi la divinizzazione dei dioscuri non ha nulla a che fare con il fatto che erano gemelli e che a quei tempi se ne vedevano pochi di gemelli.

Grazie

odjob 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rapax

Queste figure mitologiche e/o mitizzate di gemelli non sono magari direttamente associabili ma sono comunque accomunate da un particolare simbolismo. Avevo letto qualcosa in merito ma ho solo un vago ricordo...

I due gemelli nell'insieme rappresentano una figura duale e al tempo stesso antitetica, ce n'è sempre uno più "fortunato" dell'altro. Polluce era immortale e Castore no...e su Romolo e Remo penso non ci siano difficoltà ad individuare lo sfortunato di turno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

odjob

Salute

ho iniziato a leggere l'articolo di De Luca sugli incensieri raffigurati su monete.Bene ha fatto l'autore di parlare a riguardo di qualcosa che vediamo spesso raffigurato sulle monete ma di cui non ne conosciamo l'utilizzo e la storia delle varie essenze che vi erano bruciate.

L'incenso era utilizzato anche come forma di pagamento

Salutoni

odjob   

Edited by odjob
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

odjob

Continuando sull'articolo di De Luca,leggendolo,mi si è dato modo di poter meglio osservare le monete antiche che vedono raffigurati gli incensieri;generalmente osservando le monete nelle aste non davo molta importanza ai particolari raffigurati anche perchè non erano ,tali monete,oggetto dei miei studi.

Ho notato,inoltre, come l'autore abbia avuto modo di correggere la descrizione effettuata da un grane studioso qual'è Jenkins a riguardo di uno Statere aureo coniato ad Efeso.

Possiamo notare,leggendo questo articolo,che,in antichità,si creavano molte tipologie di incensieri ed il centro che produceva e ne vendeva in quantità era Corinto.

odjob 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.