Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Dinaro

Doppia circolazione negli anni '30

Risposte migliori

Dinaro

:ph34r: Avrei una bella domanda da fare: la doppia circolazione di alcuni tagli verificatasi negli anni ’20-’30 in alcuni paesi europei, tra cui Francia ed Italia. Mi spiego meglio: per quale ragione questi due paesi, per fare un esempio, consentivano la contemporanea circolazione di due differenti banconote aventi lo stesso valore? Infatti in Italia le 50 lire “tipo Barbetti” e “tipo Lupa capitolina” hanno circolato assieme per circa una decina d’anni, pur con alcune leggere modifiche. Stessa cosa si può dire per le 100 lire sempre “tipo Barbetti” e “tipo Capranesi - mietitrice” e per i tagli superiori da 500 e 1000 lire. Anche in Francia, negli anni ’30, i 100 franchi venivano stampati in due tipi differenti, dei quali uno raffigurava una veduta di Parigi circondata da angeli. Chi mi sa dare una spiegazione in proposito?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Probabilmente perchè la storia non è divisa in compartimenti stagni :rolleyes:

La vita del circolante monetato e di carta prosegue anche dopo le decretazioni di fuori corso per i più svariati motivi.

Prendi la lira e l'euro, p.es. Lo abbiamo da 5 anni eppure in alcuni paesi del Nord Italia alcuni esercizi commerciali continuano ad accettarne e sarà così almeno fino al 2012 ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simone
Probabilmente perchè la storia non è divisa in compartimenti stagni :rolleyes:

La vita del circolante monetato e di carta prosegue anche dopo le decretazioni di fuori corso per i più svariati motivi.

197614[/snapback]

Un altro esempio: i buoni francesi, emessi dalle Camere di Commercio dal 1920, erano monete provvisorie che dovevano circolare solo per 2-3 anni.

Invece, data la crisi del 1929, poi la "grande depressione" e poi la seconda guerra mondiale..... :rolleyes: rimasero in circolazione fino al 1949 :o

Modificato da simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Per quanto riguarda i biglietti italiani (modelli Barbetti e Capranesi) fu una necessità imposta dalla guerra.

Una circolazione contemporanea dei due tipi, per qualche anno fu naturalmente fisiologica (come ricorderai dalle ultime emissioni in lire quando un biglietto veniva sostituito da un altro, per molto tempo continuavano a circolare entrambi) poi con l'entrata in guerra dell'Italia, il 10 giugno 1940, l'inflazione iniziò a correre, diventando sempre più inarrestabile; il governo italiano fece quello che fanno tutti i governi in situazioni simili, stampò cartamoneta, ma poichè le necessità erano veramente enormi, con le sole matrici Capranesi non si riusciva a star dietro alla stampa dei biglietti necessari, così furono riesumate, con appositi decreti, le matrici Barbetti e i biglietti di questa tipologia rimasero in corso fino al 1953.

petronius B)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×