Jump to content
IGNORED

Un acquisto attento e fortunato


grigioviola
 Share

Recommended Posts

Vi propongo un giochino, vi presento il mio ultimo acquisto, come da inserzione del venditore:

Testo inserzione: "ROMAN. VICTORINUS 268-270AD. BRONZE. COIN. ANCIENT COIN SOCIETY"

Immagini di vendita:

coin01.jpg

coin02.jpg

coin03.jpg

Per ora mi fermo qui e vi lascio campo libero!

Buona ricerca :) 

Edited by grigioviola
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Awards

Al diritto ....()NVS AVG,Vittorino drappeggiato e corazzato rivolto a destra, al rovescio VIRTVS con Marte che procede verso destra con lancia nella mano destra e trofeo sulla spalla sinistra. Sul resto mi fermo perché ne ignoro la rarità mentre la provenienza è ben documentata.

Link to comment
Share on other sites


Ci sei... Basta individuare l'imperatore e il gioco è fatto!

Link to comment
Share on other sites

Awards

54 minuti fa, grigioviola dice:

Ci sei... Basta individuare l'imperatore e il gioco è fatto!

Beh, ingrandendo la foto sembra un ritratto di Mediolanum che tra l’altro conio quel rovescio, INVS AVG potrebbe essere VMVS AVG, quindi Postumo. Non dico Aurelo perché è una trovata commerciale.

Edited by Massenzio
Ortografia
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ebbene sì è Aureolo.

Bravo @Massenzio! O Postumo zecca di Milano che dir si voglia.

Non parlerei di trovata commerciale comunque. Di sicuro si tratta di emissioni fatte a Milano in un momento per me cui Milano è stata sottratta al controllo dell'impero centrale e Postumo ahimè non ci è mai riuscito, quindi nominalmente Aureolo ci sta.

Se non l'hai mai letta, leggi la tesi di dottorato di Doyen sulla zecca di Milano, lo trovi su academia.edu, la parentesi di Aureolo è illustrata divinamente, con tanto di studio sugli incisori, sul reimpiego delle maestranze che operavano per Gallieno, la loro successiva sostituzione e, addirittura, l'arrivo di un incisore dalle zecche galliche secessioniste segno che comunque ci furono contatti tattico/diplomatici con Postumo.

Ritornando alla nostra moneta, si tratta di un raro antoniniano, con al rovescio la Virtus nella variante con trofeo in spalla. Nessun esemplare nel Cunetio e solo due nel Normanby.

Eccola qui in un passaggio in asta:

Screenshot_20200603_175209.jpg

E questa la moneta con foto migliori

IMG_20200603_172751.jpg

IMG_20200603_172719.jpg

Edited by grigioviola
  • Like 4
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

@grigioviola

Innanzi tutto i miei complimenti! Ci proponi sempre monete davvero interessanti, un vero stimolo all'approfondimento ed allo studio. 

Vorrei però chiederti alcune cose per imparare e mi scuso in anticipo se magari dirò cose errate.

Quindi, se ho ben capito, la moneta fu emessa da Aureolo a nome di Postumo nella zecca di Milano. In sostanza, autorità emittente:  Aureolo. Immagine sul dritto: Postumo. 

Sarebbe quindi un segno di deferenza, se così si può dire, verso Postumo con il quale aveva allacciato relazioni diplomatiche.

Da cosa si deduce però questo? In sostanza: come salta fuori Aureolo? E' corretta la mia interpretazione? 

Quanto all'immagine del dritto, in effetti, l'unica cosa che avevo notato  e' che non vedevo  il classico naso adunco di Vittorino.

Trovo molto interessante la documentazione cartacea che accompagna la moneta: sembra si tratti di una moneta appartenuta ad una sorta di circolo numismatico, da come leggo, americano. Il cartellino esplicativo generico e' ancora scritto con una vecchia macchina da scrivere.

Spero di non aver detto inesattezze e di essermi spiegato.

Ciao  da Stilicho

Link to comment
Share on other sites


26 minuti fa, Stilicho dice:

@grigioviola

Quindi, se ho ben capito, la moneta fu emessa da Aureolo a nome di Postumo nella zecca di Milano. In sostanza, autorità emittente:  Aureolo. Immagine sul dritto: Postumo. 

Sarebbe quindi un segno di deferenza, se così si può dire, verso Postumo con il quale aveva allacciato relazioni diplomatiche.

Da cosa si deduce però questo? In sostanza: come salta fuori Aureolo? E' corretta la mia interpretazione?

Ti faccio un riassunto concentrato...

Nel quadro movimentato della seconda metà del III secolo, l’esercito romano perde le sue caratteristiche (la preponderante forza bellica basata sulla Legione in favore della Cavalleria – ricordi una recente discussione in merito?). A Mediolanum vengono dislocati contingenti di truppe di cavalleria pronte ad essere utilizzate sia contro una eventuale calata di Postumo che contro eventuali invasioni barbariche (era appena stata utilizzata in una campagna in Rezia).

https://books.google.it/books?id=G_U7AwAAQBAJ&pg=PA9&lpg=PA9&dq=aureolo+rezia&source=bl&ots=o0ma_aT66j&sig=ACfU3U3hiXSebOOmH_mxfL_JOZ_v_7yDWQ&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwib1bCYu-bpAhXE-ioKHV7vBEUQ6AEwAXoECAgQAQ#v=onepage&q=aureolo%20rezia&f=false

Pag. 9 e segg.

A comandarle c’è Aureolo, uno dei massimi generali di Gallieno, utilizzato anche contro Ingenuo. La sua forza militare è importante e decide di dare chiari segnali di amicizia a Postumo. Batte monete in nome di Postumo e contraddistinte da “EQVIT” nella legenda in onore dalla cavalleria. Voleva rovesciare Gallieno con l’appoggio del vicino gallico? Si era stufato di “lavorare per terzi” e si voleva mettere in proprio? A questo punto le possibilità sono che

  • ·         Postumo non abbia voluto scientemente iniziare una guerra contro Gallieno

  • ·         Postumo non abbia accettato gli ammiccamenti di Aureolo perché distolto dal Nord Italia dalla rivolta di Laeliano nel settore renano (altro generale che si erge ad usurpatore, a sua volta di un usurpatore ;) ... quasi usurpatore al quadrato!) 

Quel che sappiamo per certo è che Gallieno mette su un esercito e va al nord dove alla fine sconfigge Aureolo (con l’aiuto di altri generali che faranno carriera come Claudio II e  Aureliano), lasciandoci pure lui le penne per una congiura dei suoi generali.

Dura la vita di Imperatori e Generali a quei tempi!

Ciao

Illyricum

;)

  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

@Illyricum65

Grazie per il ripasso storico. Una comprensione del contesto penso sia fondamentale per capire la monetazione di un periodo così complesso.

Ciao!

Stilicho

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Arka dice:

Acc... Mi avete fregato! ?

Arka

Diligite iustitiam

:D

se era troppo chiara l'identificazione, non facevo il giochino!

Link to comment
Share on other sites

Awards

@Stilicho Aureolo cercò il sostegno di Postumo nella sua ribellione consapevole che da solo non ce l'avrebbe fatta a tenere fronte alle truppe fedeli all'imperatore, così sperava in un'annessione del nord Italia all'impero gallico o più probabilmente nella creazione di uno stato cuscinetto di cui lui avrebbe avuto il controllo, così occupò Milano ufficialmente in nome è per conto di Postumo con cui probabilmente ebbe dei contatti... Di sicuro prima militari come nemici e poi come alleati.

Postumo tuttavia lo mollò perché impegnato a fare fronte alle invasioni che minacciavano i suoi territori a nord e così Aureolo capitolò poco dopo.

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Giusto per concludere la ricerca su questo pezzo, consultando il testo di Doyen "L'atelier de Milan (258-268)" di cui vi parlavo ieri, dovrebbe trattarsi del n. 1036A del catalogo e in particolar modo dovrebbe avere gli stessi conii di dritto e rovescio dell'esemplare n. 16 proveniente dall'Oliver's Orchard Hoard... il condizionale è d'obbligo perché la qualità delle immagini purtroppo è limitata:

doyen2.jpgdoyen.jpg

Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

Circa l'attribuzione di questo Postumo alla zecca di Milano, quali sonio gli elementi che lo suggeriscono?

Mi aveva colpito l'affermazione di "Massenzio"

21 ore fa, Massenzio dice:

 ingrandendo la foto sembra un ritratto di Mediolanum che tra l’altro conio quel rovescio

Ciao da Stilicho

 

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Stilicho dice:

Circa l'attribuzione di questo Postumo alla zecca di Milano, quali sonio gli elementi che lo suggeriscono?

Mi aveva colpito l'affermazione di "Massenzio"

Ciao da Stilicho

 

i busti di Postumo emessi a Mediolanum sono facilmente identificabili, hanno uno stile differente rispetto alle zecche galliche.

lo puoi vedere tu stesso comparando i primi tre busti qui postati che sono tutti di mediolanum con gli ultimi tre.

ImageUploadedByLamoneta.it Forum1458329851.964467.jpg

Postumus_Antoninianus_795808.jpg.cba931d8c7fab4b17d551e84399e1baa.jpg

Postumus_Antoninianus_809804.jpg.446c553d5e87036350df4fad2a94c1aa.jpg

 

 

queste tre invece delle zecche galliche:

nd9f75aa4rk6r7ep3qfyiwk2c6ncjw.jpg.3dc2ee41b21005132a60e4929f32d77d.jpg

655_mfs2055.jpg.985e3001c8443c0b2a46c592284932cb.jpg

unnamed.jpg.543c9997116e293bb941138d1464880b.jpg

 

Gn948BJwJr7FgDo52awPi3SzdWq4Q6.jpg

Edited by Massenzio
ortografia
  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

@Massenzio

Era proprio quello che volevo sapere.

Grazie!

Stilicho

Link to comment
Share on other sites


In più le emissioni di Milano, non tutte, presentano anche i segni di zecca all'esergo, a differenza delle emissioni galliche di Postumo (P, S, T: prima, seconda, terza officina) come le di poco precedenti emissioni milanesi di Gallieno.

Infine sono pressoché monotematiche ovvero con rovesci con legenda dedicata alla cavalleria (tranne una o due emissioni, vado a memoria).

PS Leggetevi il corposo studio di Doyen che merita, il primo tomo è a questo link: https://www.academia.edu/35545828/Latelier_de_Milan_258_-_268_._Recherches_sur_la_chronologie_et_la_politique_monétaire_des_empereurs_Valérien_et_Gallien_253_-_268_thèse_de_doctorat_en_Archéologie_et_Histoire_de_lArt_Université_catholique_de_Louvain_1989._Volume_1A

gli altri li trovate sempre nel suo profilo caricati su academia... merita lo studio, sebbene sia datato.

Sarebbe da ripubblicare con gli opportuni aggiornamenti perché è conosciuto solo agli addetti ai lavori mentre molti appassionati e collezionisti ne ignorano l'esistenza! E poi Doyen, oltre che persona molto disponibile e valente collezionista, è un numismatico di prim'ordine!

Edited by grigioviola
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Ciao ragazzi,contribuisco pure io con un Aureolo che avevo comprato tempo indietro,nell'esergo si legge una T,cosa sta a significare,terza officina?

IMG_20200605_101309.jpg

IMG_20200605_101316.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ammetto di saperne poco, ma secondo me T sta per Ticinum. 

Modifico: però voi avete parlato di Mediolanum... Mi sa che ho detto una vaccata. ?

Edited by Puma_135o
Link to comment
Share on other sites


@fabietto83 sì, la T sta per Tertia Officina e la zecca è ovviamente quella di Milano.

Bella VIRTVS con Marte andante con lancia e scudo!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

40 minuti fa, fabietto83 dice:

Ciao ragazzi,contribuisco pure io con un Aureolo che avevo comprato tempo indietro,nell'esergo si legge una T,cosa sta a significare,terza officina?

IMG_20200605_101309.jpg

IMG_20200605_101316.jpg

Sei sicuro che sia Aureolo ? non esistono monete coniate a nome di Aureolo , ma solo a nome di Postumo .

 

Link to comment
Share on other sites

@Agricola ci sono studi, ricerche e analisi che portano a questa conclusione. Alfoldi nel 1927 è arrivato a questa conclusione sulla base delle evidenze numismatiche. Successivamente molti altri numismatici di spessore hanno consolidato questa attribuzione che ormai è cosa assodata a livello pressoché universale. In più vi rimando alla lettura del testo di Doyen.

Ora è da capire meglio come possano essersi svolti gli avvenimenti e soprattutto perché Aureolo non ha messo il suo nome sulle monete ma quello del vicino usurpatore gallico Postumo. Sulla ribellione non vi è dubbio alcuno, come nemmeno dell'interruzione delle emissioni a nome di Gallieno a Milano e dell'avvio delle emissioni nominalmente attribuibili a Postumo all'interno della medesima zecca.

Una lettura dell'insurrezione di Aureolo potrebbe essere quella che avevo già proposto nel forum tempo addietro 

ma ovviamente si tratta di ipotesi che andrebbero supportate da evidenze storico-documentali che, ahimè, non ci sono. Pertanto, non sapendo fino a che punto fosse centrale il ruolo di Postumo in queste emissioni milanesi, ritengo sia corretto attribuirle a Aureolo che, di sicuro, era l'occupante fisico di Milano - con il relativo controllo della zecca - ed era impegnato a combattere contro le truppe di Gallieno prima e di Claudio poi.

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
1 ora fa, fabietto83 dice:

Ciao ragazzi,contribuisco pure io con un Aureolo che avevo comprato tempo indietro,nell'esergo si legge una T,cosa sta a significare,terza officina?

IMG_20200605_101309.jpg

IMG_20200605_101316.jpg

La tua moneta mi piace molto. Complimenti! 

Stilicho 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.