Jump to content
Create New...
IGNORED

Valore dei sesterzi?


Andronico casto
 Share

Recommended Posts

Buona domenica a tutti..girovagando tra vari post mi è sorta una curiosità..perché i sesterzi e gli assi in linea generale valgono molto di più dei bronzetti costantiniani?Si tratta di rarità in generale?imperatori più famosi e duraturi?stili diversi?Il fatto che trovarne alcuni in buone conservazioni sia più raro?

Grazie a chiunque mi darà qualche dritta..

Link to comment
Share on other sites


Bhe, un sesterzio in mano da molta più soddisfazione di una maiorina.. metti anche questo, poi i bronzetti constantiniani sono molto più diffusi, ovviamente cambia il prezzo anche in proporzione alle condizioni della moneta..

Link to comment
Share on other sites


Supporter
42 minuti fa, Andronico casto dice:

Gli unici due sesterzi nella mia collezione sono di Traiano..

9FAC5471-2E58-4A4B-B2CC-232FB5F39A2E.jpeg

7E7D23AA-4CE8-4AB8-9233-1E4FCB731E0D.jpeg

Se ruoti il rovescio di 180 gradi possiamo apprezzare meglio la moneta 😉

Ciao da Stilicho 

Link to comment
Share on other sites


Il 23/8/2020 alle 12:33, Andronico casto dice:

perché i sesterzi e gli assi in linea generale valgono molto di più dei bronzetti costantiniani?

I bronzetti del periodo Costantiniano sono la tipologia di gran lunga più numerosa coniata e in circolazione. 

Edited by vickydog
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, FrancoMari dice:

Al di là del numero dei pezzi coniati, obiettivamente i sesterzi hanno un fascino maggiore dei bronzi del tardo impero ....

Anche per me. Però alcuni bronzetti Costantiniani hanno una grande raffinatezza di esecuzione, dettagli vivissimi e -come detto- spesso conservazione qFDC a basso costo.

Edited by vickydog
Link to comment
Share on other sites


I sesterzi hanno rovesci più variegati ed anche molto differenti tra imperatore ed imperatore. I bronzi costantiniani spesso presentano rovesci con iconografie similari. Oltre a questo penso anche che i sesterzi rappresentino il periodo d'oro dell'impero Romano, mentre nel periodo costantiniano il declino era già abbastanza evidente

Link to comment
Share on other sites


A livello stilistico i sesterzi (ma anche dupondi assi, denari e aurei del primi tre secoli dell'impero)  hanno uno stile per lo più ispirato al classico, con dei ritratti e delle rappresentazioni nei rovesci che, in alcuni casi, sono delle vere e proprie opere d'arte.

Il tardo impero è più caratterizato da un stile iconografico anche se ricco di dettagli e di simbolismo, ma direi mai pari a livello stilistico con le rappresentazioni nelle monete dei primi tre secoli dell'impero.

Da qui a mio avviso il maggior valore economico, in parte certo, dettato anche dalla minor tiratura rispetto ai bronzi del tardo impero.

Link to comment
Share on other sites


E se invece il cosiddetto maggior valore dei sesterzi dipendesse esclusivamente dalla legge di mercato, cioè da una grande domanda di mercato.

Mi spiego meglio.

Molte volte la grande richiesta del mercato, è del tutto avulsa dal concetto di rarità o dal concetto di una qualche particolare bellezza stilistica, ma è molto più semplicemente legata a mode passeggere.

Link to comment
Share on other sites


6 minuti fa, Sirlad dice:

E se invece il cosiddetto maggior valore dei sesterzi dipendesse esclusivamente dalla legge di mercato, cioè da una grande domanda di mercato.

Mi spiego meglio.

Molte volte la grande richiesta del mercato, è del tutto avulsa dal concetto di rarità o dal concetto di una qualche particolare bellezza stilistica, ma è molto più semplicemente legata a mode passeggere.

Qualsiasi cosa oggetto di compravendita e soggetta alle leggi del mercato....qui si cerca appunto di capire quali sono le ragioni che valorizzano sul mercato i sesterzi rispetto ai bronzi del tardo impero..

Il collezionismo di monete classiche, sesterzi in questo caso, esiste almeno da medioevo, non direi che è quindi una moda passeggiera, come le tessere telefoniche o gli swatch....

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


15 minuti fa, Sirlad dice:

E se invece il cosiddetto maggior valore dei sesterzi dipendesse esclusivamente dalla legge di mercato, cioè da una grande domanda di mercato.

Mi spiego meglio.

Molte volte la grande richiesta del mercato, è del tutto avulsa dal concetto di rarità o dal concetto di una qualche particolare bellezza stilistica, ma è molto più semplicemente legata a mode passeggere.

E ci sarà un motivo se il mercato privilegia i grandi moduli dell'alto impero.. poi sono il primo a rimanere affascinato anche dai bronzetti tardo imperiali,  anche le ultimissime monetine in metallo vile di imperatori quali valentiniano III e compagnia bella, piccolissime e prive o quasi di tecnica e stile, testimonianze del tramonto di un impero ( quello d occidente), ma proprio per questo affascinanti.. ma chi non è collezionista e studioso,  non le guarderebbe neppure, mentre di fronte ad un sesterzio del primo secolo rimarrebbe colpito , pur non capendone nulla ..

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, FrancoMari dice:

 

Il collezionismo di monete classiche, sesterzi in questo caso, esiste almeno da medioevo, non direi che è quindi una moda passeggiera, come le tessere telefoniche o gli swatch....

Dici bene quando affermi che il collezionismo di monete classiche esiste sin dal Medioevo, questo è innegabile e sono il primo a riconoscerlo.

Ma qui si discuteva del perché si preferiscono (forse) i sesterzi, rispetto a moduli piú piccoli...

Il mio discorso sulla moda passeggera era ovviamente rivolto in tal senso.

Link to comment
Share on other sites


Buongiorno, non vorrei dire un'inesattezza, ma al di là del sesterzio la mia sensazione è che le monete del I e II secolo siano in generale mediamente più care di quelle del III e IV secolo. Quindi, oltre al fatto che, certamente, guardare e tenere in mano una moneta di grande modulo come il sesterzio dia soddisfazione, a mio avviso molto dipende dalla minore rarità delle monete più tarde e dal fatto che i primi secoli suscitano sempre un grande fascino, vuoi perché è considerato il periodo di massimo splendore dell'impero, vuoi perché è stato segnato da imperatori estremamente famosi. Poi per carità, anche Costantino è famoso ed a livello di impatto storico è certamente più importante, ad esempio, di Caligola, ma forse ha il "difetto" di aver regnato in un'epoca in cui le caratteristiche dell'impero e della città di Roma non rispecchiano più l'immaginario collettivo che in genere si ha di Roma antica. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

Problemi con la nuova grafica?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.

Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Write what you are looking for and press enter or click the search icon to begin your search