Jump to content
IGNORED

Valutazione Talleri Sloveni oro e argento 2006


Recommended Posts

Buongiorno, 

Vorrei avere una valutazione su due pezzi che ho acquistato recentemente. Si tratta di una coppia di Talleri sloveni ( rispettivamente in oro e argento) emessi nel 2006. Dispongo delle confezioni originali (Cofanetti in legno) e dei certificati. Le monete sono nelle capsule originali e quest'ultime non sono mai state aperte.

Riporto i dati di cui dispongo

1)1 Tolar sloveno 2006 (Au 900/1000)

Diametro: 22 mm

Peso: 7g

Contingente: 2.000

2) 1 tolar sloveno 2006 (Ag 925/1000)

Diametro 22 mm

Peso: 5.5 g

Contingente: 2500

Foto: Ho provato ad allegarle, ma non posso farlo anche se sono sotto di 100 Kb. Potete considerarle MS 65-70.

Grazie in anticipo, 

 

Link to post
Share on other sites

TIBERIVS

Queste  monete  commemorative, come buona parte di tutte le commemorative in oro ed argento, passati i primi momenti euforici post emissione, ( se li hanno avuti ) hanno in genere un unico destino,  valutazione a peso o pochissimo in più.

saluti

TIBERIVS

Link to post
Share on other sites

On 2/9/2021 at 7:27 PM, TIBERIVS said:

Queste  monete  commemorative, come buona parte di tutte le commemorative in oro ed argento, passati i primi momenti euforici post emissione, ( se li hanno avuti ) hanno in genere un unico destino,  valutazione a peso o pochissimo in più.

saluti

TIBERIVS

Grazie della risposta.

Ho fatto un controllo per conto mio. I valori all'emissione erano 128 euro per la Au e 18 eur per la Ag. Oggi l'Au vale tra i 350-400 € e l'Ag 35-70 €.

Link to post
Share on other sites

TIBERIVS
10 minuti fa, Mcal dice:

Grazie della risposta.

Ho fatto un controllo per conto mio. I valori all'emissione erano 128 euro per la Au e 18 eur per la Ag. Oggi l'Au vale tra i 350-400 € e l'Ag 35-70 €.

Allora confermi ciò che ho detto:

l'oro nel 2006 mediamente  è stato sui 15€ il gr  quindi per il fino  il metallo all'emissione  valeva  circa 94 € e fu emessa a 128 il 36% in più, ( sempre più onesti  se raffrontati prezzi delle monete d'oro odierne).

l'argento nel 2006  era sui 300 € il kg, la moneta in argento era circa ( per il metallo) sul valore di metallo di un 1.5€ contro  i 18  € dell'emissione.

Quello che non capisco, relativamente alla moneta d'oro i 350/400 cosa sono è il prezzo che in questo momento riesci ad incassare se la volessi vendere, o altro? Poichè per il metallo 7*0.9=6,3*48=300.....

saluti

TIBERIVS

PS comunque il merito della rivalutazione non va certo  alla moneta ma al metallo

Link to post
Share on other sites

3 minutes ago, TIBERIVS said:

Allora confermi ciò che ho detto:

l'oro nel 2006 mediamente  è stato sui 15€ il gr  quindi per il fino  il metallo all'emissione  valeva  circa 94 € e fu emessa a 128 il 36% in più, ( sempre più onesti  se raffrontati prezzi delle monete d'oro odierne).

l'argento nel 2006  era sui 300 € il kg, la moneta in argento era circa ( per il metallo) sul valore di metallo di un 1.5€ contro  i 18  € dell'emissione.

Quello che non capisco, relativamente alla moneta d'oro i 350/400 cosa sono è il prezzo che in questo momento riesci ad incassare se la volessi vendere, o altro? Poichè per il metallo 7*0.9=6,3*48=300.....

saluti

TIBERIVS

PS comunque il merito della rivalutazione non va certo  alla moneta ma al metallo

Sono daccordo. Di sicuro l'aumento del valore è dovuto all'aumento del prezzo del metallo. Il discorso sulla rivendita, invece è un altro discorso.  Ho chiesto in giro a quelli che le hanno venduto di recente. La vendita più recente era del Novembre 2020 per 430 €.  Un altro,  tedesco, l'ha piazzata senza problemi a quasi 500 €.  

Confesso di non capirci niente. La tiratura conta ma anche no. Il materiale conta, ma anche no. Il valore storico conta, ma anche no. Il valore artistico conta, ma anche no. La reperibilità conta, ma anche no.  Lo stato di conservaziine conta, ma anche no. Non capisco come si faccia a definire il valore di una moneta se tutti i fattori contano, ma anche no. 2 euro Grace Kelly 2007 bimetallico, con tiratura superiore ai 20.000 pezzi? 2.000+ €. Qualsiasi pezzo Monaco  post 2013 con gli degli stessi materiali, tiratura inferiore, stesso artista, disegno migliore e più elaborato, ststo di conservazione identico? 200 €. Forse. 

Link to post
Share on other sites

TIBERIVS

In queste monetazioni moderne conta tutto e niente, come hai detto,

se c'è l'interesse ( e la speculazione) anche una moneta da due euro come quello di Monaco può raggiungere  quei prezzi,  a volte una moneta d'oro, se il mercato non la richiede, è di grazia che si riesca a vendere per il metallo.

saluti

TIBERIVS

Link to post
Share on other sites

11 hours ago, TIBERIVS said:

In queste monetazioni moderne conta tutto e niente, come hai detto,

se c'è l'interesse ( e la speculazione) anche una moneta da due euro come quello di Monaco può raggiungere  quei prezzi,  a volte una moneta d'oro, se il mercato non la richiede, è di grazia che si riesca a vendere per il metallo.

saluti

TIBERIVS

Credo tu abbia ragione. Trovo assurdo, però,  che siano stati stabiliti dei parametri che nessuno rispetta. Alla fine uno non sa neanchè come regolarsi quando compra o vende. Una lotteria, insomma. E la stessa cosa accade con alcune monete antiche. L'unico parametro che conta è il prezzo di mercato che nessuno sembra essere capace di spiegare - perlomeno non con i parametri dettati dalla comunità numismatica.

Grazie del tuo tempo, passa un vuon weekend.

Link to post
Share on other sites

lorluke
Supporter
8 minuti fa, Mcal dice:

Credo tu abbia ragione. Trovo assurdo, però,  che siano stati stabiliti dei parametri che nessuno rispetta. Alla fine uno non sa neanchè come regolarsi quando compra o vende. Una lotteria, insomma. E la stessa cosa accade con alcune monete antiche. L'unico parametro che conta è il prezzo di mercato che nessuno sembra essere capace di spiegare - perlomeno non con i parametri dettati dalla comunità numismatica.

Grazie del tuo tempo, passa un vuon weekend.

L'unico parametro che decreta il valore di una moneta è il prezzo di mercato che, a sua volta, muta in continuazione. Non esistono "parametri dettati dalla comunità numismatica". Come in tutte le cose, è il mercato che detta legge e non sempre c'è una "giustizia".
Per questo motivo esistono monete medievali, rarissime, pezzi praticamente unici che, magari, hanno un mercato di nicchia e vengono vendute a meno rispetto a monete più moderne, coniate in milioni di esemplari ma che hanno una platea molto più vasta di collezionisti. 
E' un'ingiustizia? Può essere. Però è così che funziona e ha sempre funzionato...

Link to post
Share on other sites

21 hours ago, lorluke said:

L'unico parametro che decreta il valore di una moneta è il prezzo di mercato che, a sua volta, muta in continuazione. Non esistono "parametri dettati dalla comunità numismatica". Come in tutte le cose, è il mercato che detta legge e non sempre c'è una "giustizia".
Per questo motivo esistono monete medievali, rarissime, pezzi praticamente unici che, magari, hanno un mercato di nicchia e vengono vendute a meno rispetto a monete più moderne, coniate in milioni di esemplari ma che hanno una platea molto più vasta di collezionisti. 
E' un'ingiustizia? Può essere. Però è così che funziona e ha sempre funzionato...

Grazie per la risposta.

Comprendo il concetto di valore di mercato, è solo che non capisco come questo venga definito quando si tratta delle monete. Per le altre cose, il prezzo di mercato viene definito in base al costo di produzione (materiali e conio), il margine di guadagno del venditore (Nessuno lavora gratis), disponibilità ( O offerta, che è lagsta tiratura e alla reperibilità della moneta) e la domanda (Quante persone vogliono la moneta). La domanda è forse il fattore più importante: Non puoi vendere qualcosa che nessuno vuole. Detto ciò: Prendiamo i 2 euro Grace Kelly del 2007. La domanda era piuttosto forte, ma il prezzo è talmente alto e non supportato dagli altri parametri ( Disponibilità, tiratura, ecc), che molti semplice rinunciano a comprarla. Così facendo, abbassano la domanda e fanno aumentare l'offerta (Maggiore è l'offerta, minore è il prezzo).  Questo dovrebbe far calare il prezzo a livelli tali, da renderla acceassibile ad un maggior numero di compratori e far crescere domanda. Nel mondo numismatico non è così. La moneta ha raggiunto 2.000+ € di valore di mercato e la maggiorparte dei venditori non si scosta troppo da tale valore anche se la domanda è scemata drasticamente. Insomma, quei 2.000+ euro non si spiegano per niente.

Io compro principalmente come collezionista, ma avevo intenzione di comprare anche come investimento (rivendita). Ho deciso di cambiare idea perchè il settore numismatico opera al di fuori di qualsiasi logica economica (Come per l'arte).

Link to post
Share on other sites

Paolino67

Basta leggere qualsiasi discussione sul forum e te lo dicono tutti che affrontare la numismatica senza alcuna esperienza con pretese di investimento è una assurdità. Non esistono regole fisse che siano estendibili a tutte le categorie di monete, i parametri sono sì quelli citati di rarità, reperibilità, conservazione e richiesta di mercato, ma poi ogni moneta ha la sua storia. Ti stupisci per il valore di Monaco 2007, che per inciso ha stupito un po' tutti, ma soprattutto su questi oggetti moderni c'è un fattore speculativo assolutamente impossibile da preventivare a tavolino. Se una moneta viene emessa con modalità tali da renderla di quasi impossibile reperibilità per il collezionista, e se viene venduta alla fonte privilegiando pochi e selezionati grossisti, è normale che venga resa oggetto di grande speculazione. E sulla speculazione è impossibile fare previsioni accettabili.

Ogni moneta ha la sua storia, se non ci si mette in testa questa piccola e unica regoletta non si andrà mai da nessuna parte.

Link to post
Share on other sites

On 2/14/2021 at 9:33 AM, Paolino67 said:

Basta leggere qualsiasi discussione sul forum e te lo dicono tutti che affrontare la numismatica senza alcuna esperienza con pretese di investimento è una assurdità. Non esistono regole fisse che siano estendibili a tutte le categorie di monete, i parametri sono sì quelli citati di rarità, reperibilità, conservazione e richiesta di mercato, ma poi ogni moneta ha la sua storia. Ti stupisci per il valore di Monaco 2007, che per inciso ha stupito un po' tutti, ma soprattutto su questi oggetti moderni c'è un fattore speculativo assolutamente impossibile da preventivare a tavolino. Se una moneta viene emessa con modalità tali da renderla di quasi impossibile reperibilità per il collezionista, e se viene venduta alla fonte privilegiando pochi e selezionati grossisti, è normale che venga resa oggetto di grande speculazione. E sulla speculazione è impossibile fare previsioni accettabili.

Ogni moneta ha la sua storia, se non ci si mette in testa questa piccola e unica regoletta non si andrà mai da nessuna parte.

Sono daccordissimo. Anche se non capisco come faccia uno a "fare eaperienza" in un settore privo di regole fisse o che cambiano continuamente. Impossibile per definizione: Ogni cosa che uno impara diventa sbagliata il secondo dopo.  Con le auto, le armi e altri oggetti da collezione è molto più semplice. Ogni singolo parametro è definito e corrisponde ad un valore ben preciso. Uno è effettivamente capace di prevedere quali pezzi acquisiranno valore. Potresti chiedermi quali auto vale la pena di comprare oggi come investimento e ti saprei dire i modelli e perchè saliranno di valore e le dettare il vero valore di ogni singola auto mediante parametri specifici. Stessa cosa per le armi.

Chiedimi il valore di una moneta. 0 parametri affidabili. Qualsiasi cosa ti dico è sbagliata e corretta allo stesso tempo. Te ne vendo una. Ti ho fregato? Forse sì, forse no. Potresti chiedere a diversi esperti. Uno ti dirà che vale 5 euro, l'altro 2.000 in terzo che ci puoi pagare un caffè.  E tu...Boh.

Grazie della tua risposta, ora so cosa fare.

 

 

Link to post
Share on other sites

19 minuti fa, Mcal dice:

Sono daccordissimo. Anche se non capisco come faccia uno a "fare eaperienza" in un settore privo di regole fisse o che cambiano continuamente. Impossibile per definizione: Ogni cosa che uno impara diventa sbagliata il secondo dopo.  Con le auto, le armi e altri oggetti da collezione è molto più semplice. Ogni singolo parametro è definito e corrisponde ad un valore ben preciso. Uno è effettivamente capace di prevedere quali pezzi acquisiranno valore. Potresti chiedermi quali auto vale la pena di comprare oggi come investimento e ti saprei dire i modelli e perchè saliranno di valore e le dettare il vero valore di ogni singola auto mediante parametri specifici. Stessa cosa per le armi.

Chiedimi il valore di una moneta. 0 parametri affidabili. Qualsiasi cosa ti dico è sbagliata e corretta allo stesso tempo. Te ne vendo una. Ti ho fregato? Forse sì, forse no. Potresti chiedere a diversi esperti. Uno ti dirà che vale 5 euro, l'altro 2.000 in terzo che ci puoi pagare un caffè.  E tu...Boh.

Grazie della tua risposta, ora so cosa fare.

 

 

Off topic. Che auto odierne pensi si rivaluteranno in futuro?

Link to post
Share on other sites

22 minuti fa, Mcal dice:

Sono daccordissimo. Anche se non capisco come faccia uno a "fare eaperienza" in un settore privo di regole fisse o che cambiano continuamente. Impossibile per definizione: Ogni cosa che uno impara diventa sbagliata il secondo dopo.  Con le auto, le armi e altri oggetti da collezione è molto più semplice. Ogni singolo parametro è definito e corrisponde ad un valore ben preciso. Uno è effettivamente capace di prevedere quali pezzi acquisiranno valore. Potresti chiedermi quali auto vale la pena di comprare oggi come investimento e ti saprei dire i modelli e perchè saliranno di valore e le dettare il vero valore di ogni singola auto mediante parametri specifici. Stessa cosa per le armi.

Chiedimi il valore di una moneta. 0 parametri affidabili. Qualsiasi cosa ti dico è sbagliata e corretta allo stesso tempo. Te ne vendo una. Ti ho fregato? Forse sì, forse no. Potresti chiedere a diversi esperti. Uno ti dirà che vale 5 euro, l'altro 2.000 in terzo che ci puoi pagare un caffè.  E tu...Boh.

Grazie della tua risposta, ora so cosa fare.

 

 

Mah! io sento dire che sia per le auto classiche, che le armi da collezione, e non solo, stanno divenendo un mercato di nicchia. Le nuove generazioni sininteressa molto meno del collezionismo rispetto alle precedenti. E se collezionano, la maggioranza segue la moda del momento.

Link to post
Share on other sites

6 minuti fa, FFF dice:

Mah! io sento dire che sia per le auto classiche, che le armi da collezione, e non solo, stanno divenendo un mercato di nicchia. Le nuove generazioni sininteressa molto meno del collezionismo rispetto alle precedenti. E se collezionano, la maggioranza segue la moda del momento.

Purtroppo le nuove generazioni sono nate digitali, quindi badano più a un paio di schermi touchscreen che a un bel 6 cilindri, infatti la nuova serie 1 è passata dall'essere una sportiva di razza, al solito schermo con quattro ruote e un reparto telaio-motore banale quanto una Dacia Logan. Se faranno delle monete touchscreen che trasmettono trap in filodiffusione avremo un ritorno dei giovani alla numismatica.

Link to post
Share on other sites

Paolino67
28 minuti fa, Mcal dice:

Sono daccordissimo. Anche se non capisco come faccia uno a "fare eaperienza" in un settore privo di regole fisse o che cambiano continuamente. Impossibile per definizione: Ogni cosa che uno impara diventa sbagliata il secondo dopo.  Con le auto, le armi e altri oggetti da collezione è molto più semplice. Ogni singolo parametro è definito e corrisponde ad un valore ben preciso. Uno è effettivamente capace di prevedere quali pezzi acquisiranno valore. Potresti chiedermi quali auto vale la pena di comprare oggi come investimento e ti saprei dire i modelli e perchè saliranno di valore e le dettare il vero valore di ogni singola auto mediante parametri specifici. Stessa cosa per le armi.

Chiedimi il valore di una moneta. 0 parametri affidabili. Qualsiasi cosa ti dico è sbagliata e corretta allo stesso tempo. Te ne vendo una. Ti ho fregato? Forse sì, forse no. Potresti chiedere a diversi esperti. Uno ti dirà che vale 5 euro, l'altro 2.000 in terzo che ci puoi pagare un caffè.  E tu...Boh.

 

Ma non è vero. Il valore attuale di una moneta è di facile determinazione, certo, entro una forbice, ma è una panzana dire che una moneta che per me vale 5 per un altro può valerne 2000.

Quello che non è facilmente preventivabile è il valore futuro. Poi che l'esperienza non conti è una cosa che può dire solo chi esperienza non ne ha. Quando si conoscono molte delle molteplici dinamiche del mercato è decisamente più semplice comprare a prezzi corretti, e molti potrebbero anche dirti quali sono i settori su cui puntare sul futuro prossimo.

Sul fatto che negli altri settori del collezionismo le cose siano molto più precise e sicure avrei parecchie riserve. D'altronde, se comprare e vendere armi, automobili e quant'altro riserva mirabolanti guadagni sicuri, mi chiedo per quale motivo impelagarsi con le monete.

La numismatica è cultura, amore per la bellezza, la storia e l'antico. In certi casi può anche esserci qualche soddisfazione economica. Conosco gente che sa persino speculare sulle monete grazie alle conoscenze del mercato. Ma generalmente sono persone che non godono di troppe simpatie nell'ambiente (dove generalmente vengono definiti bagarini di m.) , anche se poi molti vi ricorrono sia in acquisto che in vendita.

Certo, investire è un'altra cosa.

Link to post
Share on other sites

Non concordo del tutto Fxx. La parte di millennials danarosi, la macchina l'acquistano ben appariscente. Ma non vanno sul modello d'epoca. Estremizzando, se gli chiedi cosa è una Veyron e una Miura, al 99% ti sapranno rispondere solo sulla prima.

Edited by FFF
Link to post
Share on other sites

14 minuti fa, FFF dice:

Non concordo del tutto Fxx. La parte di millennials danarosi, la macchina l'acquistano ben appariscente. Ma non vanno sul modello d'epoca. Estremizzando, se gli chiedi cosa è una Veyron e una Miura, al 99% ti sapranno rispondere solo sulla prima.

Ma infatti dici quello a cui mi riferivo. I giovani acquistano l'auto per il marchio e la tecnologia di bordo. Senza andare necessariamente sulle auto d'epoca, esistono ancora auto concrete (un esempio è la nuova Mazda 3) che però vedono più clienti oltre i 45 anni che giovani. I ventenni puntano alla nuova Audi A1, auto estremamente costosa con dire plastiche cinesi sul cruscotto, che però offre due schermi e tecnologia degna dei migliori smartphone di ultima generazione. Quello che non capiscono è che il vero valore lo fa la cura al dettaglio, mentre uno schermo touchscreen, al giorno d'oggi, costa pochissimo e lo vendono a prezzo salato. Ma finché l'ignoranza la fa da padrone, fanno bene le varie case automobilistiche ad offrire auto scadenti con prezzi esorbitanti solo perché sulla calandra ci sono quattro anelli o un'elica. La stessa cosa la fanno le zecche: offrono monete che sono specchietti per le allodole, luccicanti con fondi specchio e colori simpatici, vendendole ben al di sopra del proprio valore. Un 5 lire del '14 lo valutano gli stessi che valutano di più un 6 cilindri. Io ho 32 anni ma in questo senso sono un boomer, guardo più alla qualità che all'apparenza.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.