Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Horben Tumblebelly

Alcuni prezzi valutati in argento a peso

Risposte migliori

rob

Interessante, vedo per esempio che l'argento valeva di più in vacche (o viceversa) nelle regioni periferiche d'Europa rispetto a quelle centrali o meridionali - il che seguirebbe una certa logica intuitiva.

Quali sono le tue fonti? E ancora, a quale secolo si riferiscono?

Modificato da rob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

interessante e utile inventario...se ho capito bene, visto il valore intrinseco della moneta, per aquistare un bene se occorre una certa quantità di argento allora occorreva l'equivalenete in moneta.

Così che per i 15 polli se bastavano 1,55 grammi d'argento ... bisognava dare un denaro (pfennig). Funziona così? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Horben Tumblebelly

Basta seguire il peso e fare qualche divisione.

Rob c'è scritto il periodo di riferimento, che è su larga misura ( ma ha senso dato il fenomeno di inflazione nel medioevo). Le fonti sono tantissime, vi chiedo la carità di evitare di farmele citare, se avessi voluto le avrei messe nell'articolo.Non l'ho fatto perchè sarebbero venute molte più pagine di bibliografia che di notizia concreta!!!! Comuqnue le notizie vengono fuori dagli annales, dalle cronache e dalle saghe franche, anglosassoni, danesi, islandesi, arabe (i viaggi dei mercanti che lasciavano note geografiche), russe, tedesche.

Alcune leggi che sonos egnate vengono fuori dai codici legislativi anglosassoni ad esempio il codex di re Alfredo, quello di Cnut e alcune trascrizione dei costumi danesi.

Sono comunque disponibili anche molti volumi moderni di storia medioevale tedesca (su tutti i più famosi di Jankun, Portner c'è almeno un accenno) che a pezzi separati forniscono circa le stesse indicazioni (spesso in moneta, basta fare la conversione).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Lavoro veramente interessante, Gionata, complimenti! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mtesta55

Gionata grazie.

La natura e le modalità del tuo lavoro mi faranno da traccia per la mia ricerca, del tutto simile, ma riferita a tempi più moderni.

Sono comunque interessato a qualunque fonte storica o bibliografica in materia.

Puoi pubblicare o mandarmi la tua biblografia essenziale?

Grazie ancora

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Lavoro interessante ma noto alcune incongruenze (una spada non puo' valere 126gr. d'argento in Europa Occidentale e ben 1860gr. in Inghilterra! Altrettanto dicasi per la pelliccia di castoro che vale 15 volte una di volpe..).

Sarebbe stato utile riportare anche il valore (in denari, o altra valuta) da cui si e'derivato il contenuto d'argento che si cita, per ogni articolo, nel documento.

Credo infatti che la maggior parte dei documenti riporti i valori in monete o unita' di conto (ad esempio la lira - dopo la riforma carolingia - che pur non venendo battuta, veniva utilizzata moltissimo nei documenti e nelle transazioni commerciali di rilievo).

Pur nella babele di unita' monetarie, dovrebbe essere possibile trarre dai documenti notarili il valore di una casa, o di un campo, e sarebbe molto interessante seguire l'evoluzione di questo valore attraverso i secoli (almeno i notai saranno serviti a qualcosa...!).

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Horben Tumblebelly

L'incoerenza che noti Numa Numa deriva dal fatto che alcune informazioni risalgono alla metà dell'800, altre ai primi anni dell'anno mille. E' pressochè impossibile seguire dettagliatamente i processi evolutivi dei beni da acquistare, al masismo può essere ricavato un quadro di indicazione geenrale come ho tentato di fare lì. Mi sono limitato a segnare i prezzi a peso, semplicemente perchè dovevo scegliere se convertire il peso in denaro (anche solo corrente) o viceversa il denaro in peso.

Poichè nulla ci assicura sulla possibilità si tratti nei diversi casi di valori monetali di puro conto oppure dei veri valori (generalmente per cifre piccole) ho preferito appuntare il peso e basta.

Inoltre il peso resta la realtà della tranbsazione, la moneta ed in generale l'argento era effettivamente e fisicamente pesato.

Il costo varia poi da luogo a luogo. Per esempio acquistare pelliccia di visone in Pomerania era diverso che acquistare pelliccia in Svezia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Sarebbe gran cosa (ma anche assai ambiziosa) poter accedere agli archivi storici delle nostre città (o reperire testi di studiosi che lo hanno già fatto) e poter scartabellare gli atti notarili che danno un'idea precisa dello spaccato del vissuto dell'epoca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter
Sarebbe gran cosa (ma anche assai ambiziosa) poter accedere agli archivi storici delle nostre città (o reperire testi di studiosi che lo hanno già fatto) e poter scartabellare gli atti notarili che danno un'idea precisa dello spaccato del vissuto dell'epoca.

215776[/snapback]

Tutto questo viene fatto da vari studiosi che si dedicano all'esame di un periodo storico determinato e studiano i rapporti e l'evoluzione dei prezzi per una data epoca oppure i rapporti di cambio tra le varie monete. Esistono poi dei rarissimi "trattati di mercatura" (la lista di Pegolotti, ad esempio) che, pubblicati in epoca medioevale sono stati oggetti di approfonditi studi e addirittura ripubblicati e commentati da noti studiosi di numismatica bizantina e medioevale (Grierson, Travaini).

Questi studi, piuttosto dotti e complessi per il semplice numismatico e a volte si avvicinano piu' a studi di storia economica che allo studio di zecche e monete, appaiono sulle riviste di numismatica della Societa' Numismatica Italiana, sui Quaderni Ticinesi, nelle pubblicazioni dell'American Numismatics Society e soprattutto negli atti dei Convegni dedicati appositamente a questa tematica organizzati dalle Universita' italiane ed estere.

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Infatti a breve vorrei prendere il libro della Travaini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter
Infatti a breve vorrei prendere il libro della Travaini.

215796[/snapback]

Lucia Travaini,

Monete, Mercanti e Matematica. Le monete medioevali nei trattati di aritmetica e nei libri di mercatura.

Roma, Jouvence, 2003

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Grazie numa numa, avevo già visto sull'ottimo sito della Travaini :)

in lista ho anche i libri di Michel Balard più una sfliza che non finisce più... :cry:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob
Infatti a breve vorrei prendere il libro della Travaini.

215796[/snapback]

Lucia Travaini,

Monete, Mercanti e Matematica. Le monete medioevali nei trattati di aritmetica e nei libri di mercatura.

Roma, Jouvence, 2003

215811[/snapback]

Ce l ho, molto interessante anche se specialistico. Consigliato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vecchiostampo

Ciao,

sono nuovo del forum,

riprendo questo argomento che mi incuriosisce:

io sono appassionato dei Savoia, da VEI a Carlo Alberto e come molti di voi ho la curiosita' di sapere il potere di acquisto di questa monetazione in quel periodo.

Qualcuno di voi mi sa aiutare?

In particolare volevo sapere se un 100 lire in oro di Carlo Alberto valeva 20 monete da 5 lire in argento, o aveva un'altra particolare valutazione dovuta al metallo di cui sono composte?

Grazie 1000

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×