Jump to content
IGNORED

La vergogna di Roma


Arka
 Share

Recommended Posts

Mio figlio è andato tre giorni per visitare Roma. Oggi è stato circondato da un gruppo di sudamericani che gli hanno rubato il cellulare. Vergogna. ?

Arka

Diligite iustitiam

  • Sad 2
Link to comment
Share on other sites


E' un classico modo di agire degli scippatori sudamericani. Ho visto dei video ripresi in Brasile dove gruppi di ragazzini di strada circondano passanti e li spogliano di tutto lasciandoli quasi in mutande.

Link to comment
Share on other sites


Sì, ma in questo caso era Roma, capitale d'Italia, e in pieno giorno. Come è possibile che succeda? ?

Arka

Diligite iustitiam

Link to comment
Share on other sites


12 ore fa, Arka dice:

gruppo di sudamericani 

Innanzitutto esprimo la mia solidarietà a tuo figlio e a te! Ha fatto bene a dare il cell perché rischiava molto di più!

Non vorrei mettere il dito nella piaga: ma questi stanno qua in modo regolare o sono qui a sbaffo? No perché di casi di irregolari con il foglio di via che restano e continuano a fare problemi c'è ne sono moltissimi, pure troppi. Sia ben chiaro potrebbero essere anche italiani, il fatto non cambia resta deplorevole comunque, ma se i tizi fossero irregolari e fossero stati rispediti qualche reato in meno ci sarebbe.

Rinnovo tutta la mia solidarietà, e dì a tuo figlio che ha fatto benissimo a non fare l'eroe: i cimiteri ne sono purtroppo pieni!

Edited by ARES III
  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Sì, potevano anche essere italiani. Ho scritto sudamericani, perchè siamo sicuri che erano loro. Mio figlio ha fatto il liceo linguistico e una delle lingue era lo spagnolo e li ha sentiti parlare. Sono d'accordo che non si deve reagire per non peggiorare le cose. Resta comunque il fatto che è stato tante volte in Germania, Polonia, Austria, Spagna e Grecia e non era mai successo niente. La prima volta che va a Roma lo rapinano. Non ho altre parole che: VERGOGNA. :girl_devil:

Arka

Diligite iustitiam

Link to comment
Share on other sites


Supporter
2 ore fa, Arka dice:

Sì, ma in questo caso era Roma, capitale d'Italia, e in pieno giorno. Come è possibile che succeda? ?

Arka

Diligite iustitiam

Ciao!

Mi rincresce molto. Chiedi perché succede? Perché probabilmente gli organi di polizia non presidiano il territorio, perché sono tutti presi dal covid e ciò che genera tra proteste, cortei, controlli dei locali e degli utenti, ecc. ecc. e controllano meno le "gang" di giovinastri.

Se poi c'è qualche giovane che delinque che fanno? Lo portano in centrale e dopo un paio d'ore è di nuovo libero di tornare a fare quello che faceva e se extracomunitario illegittimamente in Italia gli danno magari anche il foglio di via, così lascia il nostro Paese .... sai che ridere .....

Bene ha fatto tuo figlio a non reagire, una reazione è sempre pericolosa.

saluti

luciano

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter
11 minuti fa, Arka dice:

Sì, potevano anche essere italiani. Ho scritto sudamericani, perchè siamo sicuri che erano loro. Mio figlio ha fatto il liceo linguistico e una delle lingue era lo spagnolo e li ha sentiti parlare. Sono d'accordo che non si deve reagire per non peggiorare le cose. Resta comunque il fatto che è stato tante volte in Germania, Polonia, Austria, Spagna e Grecia e non era mai successo niente. La prima volta che va a Roma lo rapinano. Non ho altre parole che: VERGOGNA. :girl_devil:

Arka

Diligite iustitiam

Esprimo anche io la mia solidarietà e il dispiacere per quanto accaduto a tuo figlio.

Queste situazioni generalmente avvengono nei luoghi in cui vige una stato di "anarchia criminale". Nessuna associazione malavitosa controlla quel territorio e lo stato non è stato (si spera ancora) in grado di metterlo in sicurezza. In queste situazione di anarchia si infilano bande improvvisate, violente e spesso pericolose. 

I luoghi più sicuri sono quelli dove il controllo della criminalità è capillare (so che appare un controsenso ma vi assicuro che la criminalità organizzata esige la più assoluta tranquillità nei luoghi in cui impera) e i luoghi dove lo stato esiste e impone le sue regole. La mancanza di potere crea a diffusione della criminalità spiccia.

Mi auguro che la denuncia di tuo figlio aiuti a debellare la banda criminale e a favorire il ritorno dello stato.

 

 

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


22 minuti fa, Arka dice:

Resta comunque il fatto che è stato tante volte in

Lo so: noi italiani crediamo che siamo un paese sicuro ma non lo è realmente. Mi ricordo che solo un paio di anni fa , una mia amica sarda mi diceva che non sarebbe andata insieme ad un'altra ragazza in Ungheria perché si sentivano insicure e forse in pericolo (addirittura!). Per inciso i reati che avvengono solo in un anno in Sardegna non avvengono in un lustro e più in Ungheria, quindi ecco una visione distorta della realtà!

19 minuti fa, 417sonia dice:

Chiedi perché succede?

Mancanza di organico, lacci e laccetti che legano le mani delle forze di polizia,  ...

Link to comment
Share on other sites


E mi scordavo la cosa più importante che funge da deterrente: la certezza di una pena e in tempi rapidi.

All'estero non è che siano più bravi, onesti, o più rispettosi, è solo che conoscono le conseguenze concrete e rapide delle proprie azioni.

Link to comment
Share on other sites


Innanzitutto mi dispiace quello che è accaduto a tuo figlio e posso dire di conoscere bene cosa si prova da genitore e da cittadino.

In secondo luogo direi che possiamo tranquillamente estendere la vergogna a tutto il nostro paese e non solo a roma.

Bene il comportamento tenuto da tuo figlio.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


16 ore fa, Arka dice:

Mio figlio è andato tre giorni per visitare Roma. Oggi è stato circondato da un gruppo di sudamericani che gli hanno rubato il cellulare. Vergogna. ?

Arka

Diligite iustitiam

A che ora ? In che zona ? Che telefono era? Era da solo ? Quanti anni ha tuo figlio ?

Link to comment
Share on other sites


Nel pomeriggio verso le 18.00, Non so la zona, ma è andato a visitarla, quindi turistica. Un telefono da 200 Euro (ma il problema è il green pass, il biglietto, l'uso della banca, le foto ricordo...). Due ragazzi e due ragazze, ma non so la dinamica (torna stasera). Ha 20 anni ed è demoralizzato. Vergogna.

Arka

Diligite iustitiam

Link to comment
Share on other sites


Mi dispiace,oltretutto non è che è andato ad infilarsi in una situazione Pericolosa ad  un orario pericoloso , gli ha detto proprio male.

Ha fatto bene a non reagire ma a vent'anni ti girano i xxxxx..  se dei ragazzotti di xxxx.. ti vengono a rompere le balle !

Edited by Adelchi66
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Sono stati nascosti due post, il secondo, in realtà, solo perché citava il primo.

Evitiamo, per cortesia, riferimenti ad altre etnie portate ad esempio di delinquenza. Non mi riferisco ad @Arka che sa per certo che gli aggressori di suo figlio erano sudamericani, e si è dunque limitato a riportare un fatto, ma a chi, volendo parlare di delinquenza, ha citato un particolare gruppo etnico e una popolazione dell'est Europa. Rimaniamo sul fatto concreto, il CdC si unisce a quanti hanno espresso ad Arka la loro solidarietà.

Grazie.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, Arka dice:

Nel pomeriggio verso le 18.00, Non so la zona, ma è andato a visitarla, quindi turistica.

Sai cosa dovresti dire a tuo figlio: il prossimo weekend torniamo tutti a Roma (cioè vai con lui) e ci andiamo a divertire a scoprire le bellezza dell'Urbe, alla faccia di quei morti di fame!

 

5 minuti fa, CdC dice:

chi, volendo parlare di delinquenza, ha citato un particolare gruppo etnico e una popolazione dell'est Europa.

Vorrei precisare: ho parlato con il massimo rispetto di un magistrato vero, della corte suprema che vive ed esercita (o esercitava dal momento che in questi 3 anni non so cosa fa) in Romania, senza mancare di rispetto a nessuna etnia, anche perché sono stato il primo a dire

9 ore fa, ARES III dice:

Sia ben chiaro potrebbero essere anche italiani, il fatto non cambia resta deplorevole comunque,

 

PS: Se non vogliamo urtare la sensibilità dei Rumeni allora non si dovrebbe neppure definirli dell'est Europa, semmai Europa balcanica o al limite centrale!

Così come Ungheresi, Polacchi, Slovacchi, Cechi, Sloveni, si definiscono Europa Centrale e non est. Non è tanto una questione di geopolitica ma di geografia.

Link to comment
Share on other sites


18 minuti fa, ARES III dice:

Vorrei precisare: ho parlato con il massimo rispetto di un magistrato vero, della corte suprema che vive ed esercita (o esercitava dal momento che in questi 3 anni non so cosa fa) in Romania

E io ho precisato che il secondo post, il tuo, era stato oscurato solo perché citava l'altro.

Link to comment
Share on other sites


5 minuti fa, CdC dice:

ho precisato che il secondo post, il tuo, era stato oscurato solo perché citava l'altro.

Sei stato criptico allora prima, non si fa :acute:, perché così uno non comprende bene (e sembra acido o permaloso, anche più di quello che è già o pure quando non lo è in quel momento ...:sorry:

 

 

Link to comment
Share on other sites


Non volevo fare polemiche. Era solo uno sfogo, perché mio figlio ci era rimasto malissimo. Mi piacerebbe che chi di dovere possa interessarsi di più di questo tipo di problemi e cercare una soluzione che possa essere risolutiva.

Arka

Diligite iustitiam

Link to comment
Share on other sites


@Arka

Mi dispiace dell'accaduto. Ho un nipote di sedici anni che per cinque giorni alla settimana viaggia in treno da Desenzano del Garda a Brescia dove frequenta il liceo e non sono tanto tranquillo con l'aria che tira.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


10 ore fa, ARES III dice:

E mi scordavo la cosa più importante che funge da deterrente: la certezza di una pena e in tempi rapidi.

All'estero non è che siano più bravi, onesti, o più rispettosi, è solo che conoscono le conseguenze concrete e rapide delle proprie azioni.

Concordo, è l’impunità a sdoganare queste gangs, spesso composte da minorenni poco o nulla perseguibili. 

Link to comment
Share on other sites


14 minuti fa, Scudo1901 dice:

minorenni poco o nulla perseguibili. 

Certo i minorenni non sono perseguibili penalmente, tuttavia allora dovrebbero intervenire i servizi sociali che dovrebbero portare via questi teppistelli dalle famiglie e da quegli ambienti insani e metterli in istituti. Certamente non che verranno su meglio, ma almeno hanno un assaggio degli istituti penitenziari, e qualcuno potrebbe ravvedersi.

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, Arka dice:

Non volevo fare polemiche. Era solo uno sfogo, perché mio figlio ci era rimasto malissimo. Mi piacerebbe che chi di dovere possa interessarsi di più di questo tipo di problemi e cercare una soluzione che possa essere risolutiva.

Purtroppo il problema non è facile da risolvere, da nessuna parte.

Solidarietà.

Link to comment
Share on other sites


Mi spiace molto per l'accaduto, che nessuno si augura possa succedere. Ma purtroppo le forze di Polizia sono in numero molto minore rispetto ai delinquenti, specialmente quelli "spicci". Queste persone, cresciute in famiglie disagiate, in ambienti disagiati, sono esperte nell'agire velocemente. Una telecamera non potrà mai fare da deterrente, perché tanto la Polizia sa già chi sono. Come già detto, mi pare, da @ARES III, i minorenni se vengono presi la mattina, la sera sono di nuovo in giro a delinquere; per quanto riguarda gli adulti sono fuori il giorno dopo. Abbiamo carceri in sovraffollamento, non possiamo nemmeno pretendere che questi delinquenti di bassa lega vengano tutti detenuti per un furto (senza sminuire la gravità del reato). È tutto il sistema penale e giuridico ad essere sbagliato. Creiamo delle comunità per questi ragazzi, con educatori specializzati nella ri-educazione, persone che gli insegnino un mestiere che poi possa portarli ad avere soldi senza delinquere. Se anziché spendere 1.7mld di euro all'anno per la Rai dedicassimo questi soldi al recupero delle periferie, specialmente dei giovani, avremmo un paese decisamente più ricco (culturalmente) e più sano. Pagherei volentieri 100 euro all'anno per aiutare dei giovani anziché pagarli per una TV per anziani (a onor del vero non lo pago nemmeno il canone perché da quando convivo non ho mai acquistato una televisione, grazie al cielo!)

Link to comment
Share on other sites


Discorso ineccepibile @Fxx tuttavia anche qui si ha necessità di risorse , come hai detto, ma solamente questo non basta per educare i ragazzi, se il problema è l'ambiente: dovremmo rieducare anche le famiglie, gli insegnanti (che ad onor del vero moltissimi ci mettono anima e cuore, ma altrettanti, spero di sbagliare, sono molto assenti come educatori e svolgono il proprio lavoro come dispensatori asettici di nozioni), quindi un po' tutti!

C'è mancanza di senso civico un po' ovunque, e questo è l'ambiente fertile per la delinquenza.

Si dovrà fare un lungo lavoro,  dispendioso e agli inizi sicuramente infruttuoso, ma prima o poi si dovrà incominciare....

Quale anima pia della politica italiana vorrà mai imbarcarsi in questa crociata , che gli procurerà solo odio e scherno?

 

PS: @Fxx fra un po' pagherai anche tu il canone, visto il vento che soffia sugli smartphone e computer.... purtroppo dalle maglie del fisco italiano non scappa nessuno, a meno che non sei un evasore professionista, e allora la faccenda è diversa...ma non è il tuo caso!

 

 

Edited by ARES III
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.