Jump to content
IGNORED

2 Lire Biglietto Consorziale 30/04/1874 Falso d'Epoca


numys
 Share

Recommended Posts

Supporter

Buonasera,

ho acquistato in questi giorni il Falso d'epoca 2 Lire Biglietto Consorziale del 30/04/1874. Il biglietto presenta alcuni forellini sparsi, una scritta sul retro, qualche strappo chiuso. Secondo la mia modesta opinione, sembra un falso di buona fattura circolato che potrebbe recitare un ruolo importante dal punto di vista non solo sociale ma anche storico-documentale. Spero in una vostra opinione e contributo su questo 2 lire e sul falso d'epoca nella cartamoneta.

20211107_232153_compress79.thumb.jpg.621e35bb9b81516b5557242ba8bafc6f.jpg20211107_232118_compress62.thumb.jpg.88be66c0a08bde0cfa27e1641877b65d.jpg

20211111_011058.jpg.75f5d16e790631d58f3ac19983ad0cac.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Non posso che ribadire quello che ho già scritto in un'altra sezione, la realizzazione è notevole e la stampa è più che accurata per una contraffazione prodotta con i mezzi a disposizione in quell'epoca. Visivamente nell'insieme non dozzinale e facilmente confondibile con le autentiche, la presenza della scritta coeva al retro e l'usura uniforme è un'indicatore certo sul suo utilizzo, a mio parere sarà stata accettata a lungo per buona, ottimo acquisto :good:

Link to comment
Share on other sites

Awards

Veramente impressionante.

Da telefonino non distinguo nessuna differenza con quello vero. A casa proverò un “aguzzate al vista”. 
Complimenti!

(Già preparo il confronto)

DECA17D5-C97B-4B34-949A-0DD3B2A4011A.jpeg

Edited by wstefano
Link to comment
Share on other sites


Supporter
3 ore fa, wstefano dice:

Veramente impressionante.

Da telefonino non distinguo nessuna differenza con quello vero. A casa proverò un “aguzzate al vista”. 
Complimenti!

(Già preparo il confronto)

DECA17D5-C97B-4B34-949A-0DD3B2A4011A.jpeg

 

Sicuro che la tua è autentica? la metto a confronto con la mia :D

autt.jpeg.1991906a7a7a8ca2c1c0a4b40eed2ce9.jpeg

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
3 ore fa, wstefano dice:

Veramente impressionante.

Da telefonino non distinguo nessuna differenza con quello vero. A casa proverò un “aguzzate al vista”. 
Complimenti!

(Già preparo il confronto)

DECA17D5-C97B-4B34-949A-0DD3B2A4011A.jpeg

Ottimo il confronto. Purtroppo non ho disponibile l'originale in collezione e quindi non ho potuto proporlo. Spero di comprarlo prima possibile e forse Sabato 13 al Memorial Correale potrebbe essere la volta buona. Pensa se mi porto dietro il falso e faccio il confronto sul posto?

Link to comment
Share on other sites


Supporter
1 ora fa, numys dice:

Ottimo il confronto. Purtroppo non ho disponibile l'originale in collezione e quindi non ho potuto proporlo. Spero di comprarlo prima possibile e forse Sabato 13 al Memorial Correale potrebbe essere la volta buona. Pensa se mi porto dietro il falso e faccio il confronto sul posto?

Prima il falso d'epoca e poi l'autentico :good: mi è capitato solo una volta con il 1.000 amlire :)

Magari ci dici la motivazione che ti porta ad inserire in collezione banconote contraffatte.
Collezionare veri falsi d'epoca è affascinante ma le insidie naturalmente non mancano, bisogna saper discernere e non dimenticare mai che affiancano una raccolta di banconote, non sono le protagoniste (questo è solo un mio personale pensiero).


Innanzitutto nel dubbio non comprare falsi solo perchè ce lo dicono a voce, ci sono quelle provenienti da copie moderne che sembrano ben realizzate con usura pilotata ma irreale (solitamente sono delle tipologie rare), oppure banconote autentiche che date le loro cattive condizioni vengono vendute per false perchè ne accresce il piccolo valore che avrebbero in quella pessima conservazione, qui c'e' un esempio:

Con la banconota da 5 lire autentica (post #5) successivamente proposta su ebay come falso nonostante la risposta (post #7)

1838047444_5lirefalso1due.thumb.jpg.9a7d59badec8bbdc89eac7afe1075430.jpg

E lasciar perdere quelle troppo pacchiane prodotte ad arte per altri scopi, nel senso che data la loro scarsissima fattura non le avrebbe accettate per buone nemmeno una persona affetta da cecità, potrebbero derivare da volantini pubblicitari prodotti dagli albori sino agli anni '70.

Edited by nikita_
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

2 ore fa, nikita_ dice:

 

Sicuro che la tua è autentica? la metto a confronto con la mia :D

Non era la mia quella con cui confrontavo. Veniva da cartamoneta.com

Stasera la riposto assieme alla mia… ?

Link to comment
Share on other sites


Supporter
4 ore fa, nikita_ dice:

Prima il falso d'epoca e poi l'autentico :good: mi è capitato solo una volta con il 1.000 amlire :)

Magari ci dici la motivazione che ti porta ad inserire in collezione banconote contraffatte.
Collezionare veri falsi d'epoca è affascinante ma le insidie naturalmente non mancano, bisogna saper discernere e non dimenticare mai che affiancano una raccolta di banconote, non sono le protagoniste (questo è solo un mio personale pensiero).


Innanzitutto nel dubbio non comprare falsi solo perchè ce lo dicono a voce, ci sono quelle provenienti da copie moderne che sembrano ben realizzate con usura pilotata ma irreale (solitamente sono delle tipologie rare), oppure banconote autentiche che date le loro cattive condizioni vengono vendute per false perchè ne accresce il piccolo valore che avrebbero in quella pessima conservazione, qui c'e' un esempio:

Con la banconota da 5 lire autentica (post #5) successivamente proposta su ebay come falso nonostante la risposta (post #7)

E lasciar perdere quelle troppo pacchiane prodotte ad arte per altri scopi, nel senso che data la loro scarsissima fattura non le avrebbe accettate per buone nemmeno una persona affetta da cecità, potrebbero derivare da volantini pubblicitari prodotti dagli albori sino agli anni '70.

 

Vorrei aggiungere a quanto scritto nel post #8 - di evitare, anche se non è un indicatore sicuro al 100%, di comprare banconote "d'epoca" false in assoluto fds, o come li definisco a volte io stesso in fdf .

 

 

(fdf = fior di falso) :lol:

Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
4 ore fa, nikita_ dice:

Collezionare veri falsi d'epoca è affascinante ma le insidie naturalmente non mancano, bisogna saper discernere e non dimenticare mai che affiancano una raccolta di banconote, non sono le protagoniste (questo è solo un mio personale pensiero).

Effettivamente circolano tanti falsi orrendi e che sono brutte copie dell'originale, altro che falsi d'epoca circolati. Nello specifico l'ho acquistato perché certificato come falso d'epoca da un venditore professionale ed avere una testimonianza storica, culturale e sociale.

4 ore fa, nikita_ dice:

Magari ci dici la motivazione che ti porta ad inserire in collezione banconote contraffatte.

La motivazione che mi ha portato ad interessarmi anche ai falsi d'epoca viene da lontano e ve la voglio raccontare con una storia:

Un giorno mio padre mi mandò a comprare le sigarette e si raccomandò di non farmi rifilare come resto banconote false. Comprai le sigarette, caramelle ed altre cosette e diedi il diecimila lire Castagno al tabacchi che attuò subito le procedure di verifica della banconota: uscita fuori dal negozio per verifica del biglietto in controluce, prova stropicciamento nelle mani, test della consistenza delle fibre di cotone con tre trazioni secche ed infine confronto della banconota con la mia espressione per constatare eventuali comportamenti anomali. Finalmente la verifica ebbe esito positivo e mi diede il resto: qualche spicciolo ed un 5.000 lire Antonello da Messina....e ti pare che potevo andare via così. Allora feci l'esperto ed iniziai a girare e rigirare Antonello, andai a guardarla fuori sul marciapiede, all'angolo del bar, la piegai, la stropicciai, la pesai ma, a dir la verità, di quel 5.000 lire non ci capivo un tubo ed era venuto un mal di testa anche ad Antonello da Messina che per rabbia si era girato di spalle. Il proprietario del tabacchi, innervosito, mi chiese se fosse tutto in regola ed io l'ho guardai fisso negli occhi e con tutta la mia sicurezza risposi:"È falsa". Pieno di me e con grande soddisfazione gli avevo lanciato il guanto di sfida, avrei voluto vedere adesso quale magica tecnica avrebbe escogitato per controbattermi. Adesso eravamo uno contro l'altro, faccia a faccia, un duello tra il vecchio e il giovane, l'esperto tabaccaio contro il ragazzino alle prime armi. In un batter d'occhio si diffuse la voce in paese che un ragazzino aveva individuato un 5.000 lire falso nel tabacchi e che la contesa fosse in atto .... il tabaccaio mai frodato in vita sua ora rischiava di perdere la faccia per mano di un pivello. La gente si era accalcata al tabacchi, incuriosita, per assistere come sarebbe finita la disputa e se il tabaccaio fosse caduto sotto il duro colpo inferto dall'audace e spavaldo ragazzino uscito dal nulla. Una coltre nube di fumo aveva riempito il locale, si sentiva solo un brusio, l'aria era sempre più tesa e irrespirabile quando un un'improvviso frastuono,  proveniente dall'esterno, fece allertare tutta la folla....ed ecco scendere da una Alfa Romeo Giulia bianca il banchiere del paese, detto "il Numismatico", coordinatore di tutte le dispute paesane e al suo fianco, tutto vestito di nero con occhiali scuri e cappello, Niki detto "il Mago" per le sua capacità di stupire in qualsiasi momento e situazione, addirittura si narrava che avesse ricevuto i suoi poteri magici e conoscenze dopo un lungo viaggio in Tibet. Si fecero largo tra la folla ed arrivarono al banco e senza degnarmi di uno sguardo poggiarono una valigetta vicino alla banconota. Una goccia di sudore iniziò a solcare la fronte del tabaccaio ed il pallore del suo viso lasciava trasparire la paura della sconfitta mentre mi godevo la situazione fumando una bella MS senza filtro. Il Numismatico aprì la valigetta e tirò fuori una serie di strumenti che non avevo mai visto prima mentre il Mago fece comparire, dal nulla, un altro 5.000 lire per eseguire il confronto e ci fu un lungo applauso della folla ma Niki non batté ciglio...beh manco si vedeva sotto quegli occhiali scuri. Dopo circa due ore di verifiche, analisi e confronti il Numismatico iniziò a parlare di misure, fili con il grano, di messa in sicurezza, di onde, maneggi, ..non ci capivo nulla solo alla fine intervenne il Mago che mostrando la banconota a tutti ed estraendo un filo argenteo e luminoso esclamò:"È originale, il dado è tratto!". Il tabaccaio iniziò a festeggiare, la gente esultava ed io triste non riuscivo a capacitarmi cosa c'entrava il dado con il 5.000 lire... ma non era ancora finita. Il tabaccaio insisteva per essere risarcito per l'affronto subito e che venissi punito e allora, dato che la folla iniziava ad inveire contro di me, il Numismatico mandò a chiamare un uomo saggio e colto, un certo Petronio che si trovava nel Forum del paese, per mettere fine alla disputa con una equa sentenza. Arrivò insieme ad un gruppo di giovani allievi tra cui si distingueva un certo Alberto detto il Divulgatore, era vestito di bianco ma parlava una lingua strana che avevo sentito soltanto in TV al Papa. Mentre veniva ossequiato dalla folla, si avvicinò prese la banconota la osservò ed iniziò a raccontare delle meravigliose storie e aneddoti ... chi se lo immaginava che in un pezzo di carta ci potesse essere tutta quella roba e io che pensavo che serviva solo per comprare sigarette, pane, vestiti etc. Alla fine, dopo un'affascinante viaggio tra arte e storia, diede la sua sentenza e disse:"A te tabaccaio verrà dato merito della tua onestà e ciò sarà scolpito su pietra affinché il popolo sappia e la 5.000 lire verrà data in beneficenza ai bisognosi mentre tu ragazzo per la tua arroganza e non conoscenza sarai condannato a collezionare banconote nonché falsi d'epoca e studiarne la loro storia come custode del passato, testimone del presente per tramandarlo ai posteri memore di quest'esperienza. Inoltre per avere arrecato un danno alla tua famiglia non avrai la paghetta settimanale per sei mesi che questo ti sia da monito a te e a tutti i presentiRicordatevi sempre che: Litterarum radices amarae, fructus dulces. Iustitia virtutum regina". 

Sarà per questo che colleziono con tanta passione banconote e falsi d'epoca.... continuo a studiare, fare ricerche e domande ai più esperti? Mah ....chi lo sa??

Ogni riferimento a persone, a nickname, a fatti è puramente casuale?

Edited by numys
  • Like 1
  • Thanks 1
  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter

:offtopic:

Prendo spunto dalla spassosissima storiella per sapere se qualcuno ha mai visto una banconota da 5.000 lire Antonello da Messina falso, dell'epoca naturalmente.

anto.jpg.6b1bae084b4ec36cba95f56fdedaaff6.jpg

Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
Il 11/11/2021 alle 18:36, numys dice:

Effettivamente circolano tanti falsi orrendi e che sono brutte copie dell'originale, altro che falsi d'epoca circolati.

A tal proposito vi faccio vedere un falso annullato con questa dicitura che non riesco a capire cosa sia! l'ho rigirata e rivoltata in tutte le salse, sembra cirillico ma non lo è!  :D

1514454811_annullo1.jpg.7927737e18e8696b9424b6e8f5e1be82.jpg

dimenticavo, a soli 169 euro..

ebay

 

Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
1 ora fa, nikita_ dice:

A tal proposito vi faccio vedere un falso annullato con questa dicitura che non riesco a capire cosa sia! l'ho rigirata e rivoltata in tutte le salse, sembra cirillico ma non lo è!  :D

1514454811_annullo1.jpg.7927737e18e8696b9424b6e8f5e1be82.jpg

dimenticavo, a soli 169 euro..

ebay

 

Comunque potevi chiamarmi prima, si tratta della lingua macedone:

ПОНШТЕНО pronciato PONŠTENO tradotto ANNULLATO nella nostra lingua.?

Ma non saprei perché è stato utilizzata la lingua macedone per annullare il diecimila...mah

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Supporter
30 minuti fa, numys dice:

Comunque potevi chiamarmi prima, si tratta della lingua macedone:

ПОНШТЕНО pronciato PONŠTENO tradotto ANNULLATO nella nostra lingua.?

Ma non saprei perché è stato utilizzata la lingua macedone per annullare il diecimila...mah

Annullata dalla delegazione estera della Banca d'Italia di stanza in Macedonia..... :blink:

per questo è così rara! :D

Escludendo le ultime emissioni prodotte dalla fine degli anni '70 in poi, il diecimila lire Michelangelo è stato tra i più falsificati biglietti della Repubblica, i falsi di questa tipologia sono comunissimi e costano poco, io stesso ne ho sei esemplari in collezione e nel corso del tempo ne ho regalati un paio. Non dico che non è un vero falso d'epoca, lo è, e su per giù con 10/15 euro si può prendere un ottimo esemplare, e qui siamo al punto, quella perforazione anomala e secondo me inesistente nella giusta gestione dei falsi ritirati e riconosciuti tali, la renderebbe  "interessante" impreziosendola di un qualcosa di ?? e quindi costosa.

 

Edited by nikita_
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
51 minuti fa, nikita_ dice:

Annullata dalla delegazione estera della Banca d'Italia di stanza in Macedonia..... :blink:

per questo è così rara! :D

Escludendo le ultime emissioni prodotte dalla fine degli anni '70 in poi, il diecimila lire Michelangelo è stato tra i più falsificati biglietti della Repubblica, i falsi di questa tipologia sono comunissimi e costano poco, io stesso ne ho sei esemplari in collezione e nel corso del tempo ne ho regalati un paio. Non dico che non è un vero falso d'epoca, lo è, e su per giù con 10/15 euro si può prendere un ottimo esemplare, e qui siamo al punto, quella perforazione anomala e secondo me inesistente nella giusta gestione dei falsi ritirati e riconosciuti tali, la renderebbe  "interessante" impreziosendola di un qualcosa di ?? e quindi costosa.

 

Se un diecimila annullato in macedone vale tanto allora se lo annullo io diventa unico ... poi lo faccio pubblicare nel museo degli orrori di @caravelle82 e ci sarà sicuramente l'asta per acquistarlo?

Link to comment
Share on other sites


29 minuti fa, numys dice:

Se un diecimila annullato in macedone vale tanto allora se lo annullo io diventa unico ... poi lo faccio pubblicare nel museo degli orrori di @caravelle82 e ci sarà sicuramente l'asta per acquistarlo?

Avoja,la prende un surplus inimmaginabile! Se di questi tempi esiste lo slab,io nel museo degli orrori ho @nikita_ che me le " confeziona" meglio ed in bacheca??

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Hai letto l'expertise in quella inserzione? addirittura 3/4 esemplari esistenti della macchina usata per stamparle...sulla base di cosa? e come se me lo dicesse a voce, non vale nulla. Non necessariamente un falso d'epoca deve essere accompagnato dal documento ufficiale della BI dell'accertamento di falsità (tanti biglietti in vendita c'è l'hanno), personalmente in accompagno ai miei falsi non ne posseggo, ma per quel presunto annullamento è d'obbligo, magari redatto dalla BI filiale della Macedonia (che non è mai esistita).

Vorrei vedere se hanno il coraggio di perforare in modo così fantasioso un esemplare di falso d'epoca raro a reperire, un bel Manzoni per esempio, queste "estrosità" sempre e comunque su pezzi comunissimi.

 

 

51 minuti fa, numys dice:

Se un diecimila annullato in macedone vale tanto allora se lo annullo io diventa unico ... poi lo faccio pubblicare nel museo degli orrori di @caravelle82 e ci sarà sicuramente l'asta per acquistarlo?

 

Mi raccomando! nella perforazione personalizzata una dicitura credibile! :lol:

Edited by nikita_
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

Sempre nell'expertise le *referenze bibliografiche* della banconota.... N.P.   (non pervenute?) :rofl:

Link to comment
Share on other sites

Awards

Partecipo a questa bella discossione mostrandovi i miei 2 lire, consorziale e già consorziale, falsi. Il consorziale è leggermente piò grande dell'altro, i falsari hanno abbondato.

Qualcuno ha idea di cosa sia quel numerino molto piccolo situato in basso poco sotto alle due firme?

Edited by Clar622
Link to comment
Share on other sites


2 minuti fa, Clar622 dice:

Partecipo a questa bella discossione mostrandovi i miei 2 lire, consorziale e già consorziale, falsi. Il consorziale è leggermente piò grande dell'altro, i falsari hanno abbondato.

Qualcuno ha idea di cosa sia quel numerino molto piccolo situato in basso poco sotto alle due firme?

 

IMG_20210415_092103.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ecco l'immagine, non so perchè prima non me l'aveva caricata

 

Niente, non va, c'è qualche problema che sfugge alla mia comprensione

Edited by Clar622
Link to comment
Share on other sites


Mi sono appena giudicato un asta online per 34 banconote italiane. Non mi convince molto una banconota da 100.000Lire del Caravaggio Secondo Tipo. L'immagine non è ben definita. Ha entrambi le due filigrane, ma l'immagine che dovrebbe vedersi in controluce si vede anche normalmente. La carta al tatto sembra genuina ed è pure presente una micro lesione in corrispondenza della filigrana metallica che pure si vede all'interno.
Che cosa posso verificare per capire se è un falso?
Link to comment
Share on other sites


5 minuti fa, Maxland70 dice:

Che cosa posso verificare per capire se è un falso?

Beh, per cominciare, potresti aprire una discussione dedicata, sempre in questa sezione, e mostrarci la foto della banconota in questione ;)

petronius :)

Link to comment
Share on other sites


8 minuti fa, petronius arbiter dice:

Beh, per cominciare, potresti aprire una discussione dedicata, sempre in questa sezione, e mostrarci la foto della banconota in questione ;)

petronius :)

Scusa ma non sono esperto di questo forum ma provo a faro subito. Grazie

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.